[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: GIOVANI CON L'AFRICA IN CAMMINO VERSO LA PACE



 From: Casapace

IPSIA-ACLI di Milano                                                 Centro Internazionale

Via della Signora, 3                                                           Helder Camara onlus

20122 Milano                                                                                              Via Gassendi,13

Tel. 39.02.7723285                                                                                       20155 MILANO

fax 39.02.76015257                                                                              Tel. e Fax: +39.02.3361419

www.ipsiamilano.org                                                                              www.heldercamara.it

GIOVANI CON L?AFRICA

IN CAMMINO

VERSO LA PACE

Incontro con Padre Renato "Kizito" Sesana, missionario Comboniano in Africa

Mercoledì 4 maggio 2005 ore 20.30

presso il Salone Clerici - ACLI Milano

Via della Signora, 3

in collaborazione con

Casa per la Pace - Comunità di S. Angelo - Nodo di Milano (Rete di Lilliput)

Renato Kizito Sesana

Renato Sesana nasce a Lecco nel 1943. Si diploma come perito meccanico e lavora qualche anno come tecnico alla Moto Guzzi di Mandello. Qui matura la sua vocazione religiosa che lo porta ad entrare nei missionari comboniani. Assunto il soprannome di "Kizito" (che era uno dei martiri ugandesi, 1886), viene ordinato sacerdote nel 1970 e subito comincia a lavorare nel mensile Nigrizia, che dirigerà dal 1973 al ? 75. Quindi si laurea in Scienze politiche all? Università di Padova, nel 1977, con una tesi sui neri americani nella chiesa cattolica.

Qualche mese dopo parte per lo Zambia, dove trascorre tre anni in una missione rurale per poi essere trasferito alla periferia di Lusaka. Nel 1988 è a Nairobi, in Kenya, dove fonda New People, un periodico diffuso in molti paesi dell? Africa anglofona. Quindi, nel 1991, sulla scia dell? esperienza maturata nella capitale zambiana, fonda a Nairobi la comunità "Koinonia": ne fanno parte oggi una dozzina di membri, alcuni dei quali con le rispettive famiglie.

Da Nairobi compie numerose missioni tra le popolazioni sudsudanesi flagellate dalla guerra, inparticolare sui monti Nuba, e continua un'intensa attività pubblicistica: titolare di una seguita rubrica sul Sunday Nation, ha dato vita ad Africanews, agenzia di articoli e notizie di "africani che raccontano l'Africa"; nel 2001 ha anche lanciato un trimestrale di teologia africana esclusivamente online: African Scribe (nel numero di Nigrizia di ottobre 2002 racconta perché ha dovuto desistere). E? il fondatore dell? associazione Amani Onlus ONG che ha sede a Milano(ww.amaniforafrica.org)

Dopo Occhi per l'Africa ha pubblicato, con Stefano Girola, La Perla Nera. Nel marzo del 2003 pubblica Matatu: in viaggio con l'Africa, edizione che raccoglie i suoi "Matatu". Il suo più recente lavoro è Io sono un nuba. Dalla parte di un popolo che lotta per non scomparire , curato da Pier Maria Mazzola e pubblicato nell'ottobre 2004.

Si intitola invece Made in Africa il libro in cui Anna Pozzi racconta le diverse iniziative - per ragazzi e bambine di strada, il network per la pace - nate attorno a Koinonia. Padre Sesana, cui è stato attribuito il premio Vita Nova 2002, è attualmente incaricato dell'avvio dell'emittente radiofonica della Conferenza episcopale in Kenya.

Durante la serata Il Centro Internazionale Helder Camara Onlus di Milano

presenterà il progetto"Giovani cittadini di un unico mondo".

Il progetto promuove e sostiene il confronto e il dialogo tra i giovani di Milano e giovani dei progetti in Africa, attraverso lo scambio di esperienze inizialmente via internet e in un futuro anche attraverso incontri diretti . Lo scambio verte sulle problematiche locali, i diritti umani e l? educazione alla mondialità.Il Centro Internazionale Helder Camara è un'Associazione composta da persone con esperienze e formazione diverse che desiderano impegnarsi per la realizzazione di un mondo più giusto a partire dalla testimonianza di Dom Helder Camara, per lunghi anni arcivescovo della diocesi di Recife (Brasile).