[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Nigrizia chiede un'indagine



Caso Bridgestone: Nigrizia chiede un?indagine indipendente


Per la multinazionale nippo-americana nella sua piantagione di caucciù in Liberia va tutto bene. Allora che metta le carte in tavola?


La Bridgestone/Firestone ha risposto all?articolo di Nigrizia, Pneumatici con catene , pubblicato sul numero di giugno del mensile. Ha risposto affermando che le nostre denunce sono prive di fondamento.

La Bridgestone/Firestone sostiene di pagare i suoi dipendenti della piantagione di caucciù liberiana secondo contratti liberamente negoziati e di rispettare le norme per la tutela ambientale.

 

Dunque, siamo di fronte a due verità contrapposte: Nigrizia riferisce di inquinamento ambientale e di sfruttamento della manodopera in termini di orario, salario e condizioni di lavoro (i sindacati che hanno firmato i contratti di lavoro in Liberia sono controllati dalla multinazionale); Bridgestone/Firestone dice che tutto è in regola.

 

Nigrizia è in grado di documentare ulteriormente le proprie affermazioni e segnala anche la recente pubblicazione di un rapporto dell?associazione Save My Future ? Firestone: il marchio della schiavitù ? che conferma i problemi ambientali, lavorativi e sindacali.

 

A questo punto chiediamo ai dirigenti della multinazionale di costituire, insieme con noi, una commissione d?inchiesta indipendente che accerti i fatti. Per parte nostra, facciamo già due nomi: Alfred Brownell, presidente dell?associazione liberiana Green Advocates (Avvocati Verdi), e James Makor, direttore esecutivo dell?associazione ambientalista Save My Future.

 

 

 


Yahoo! Mail: gratis 1GB per i messaggi, antispam, antivirus, POP3