[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Nairobi: demolizioni a Deep Sea



Continuano le demolizine delle non-case negli slum di Nairobi ...

Silvia
WNAirobiW!  - http://www.giovaniemissione.it/mondo/campagnanosfrattohome.htm
----------------
Demolizioni a Deep Sea
mercoledì, 28 settembre, 2005

A Nairobi, nella parte benestante della capitale dove sono situate le
mbasciate e vivono i rappresentanti del governo, lo scorso 23 settembre
c?è stata la demolizione della baraccopoli di Deep Sea. Alle ore 24,30 un
camion pieno di soldati della Regional Administration e di uomini
assoldati per l'occasione, sono entrati nello slum di Deep Sea (850
famiglie) seguiti da un rumoroso Caterpillar. "Fuori tutti dalle case -
hanno gridato - incomincia la demolizione...". ?E' avvenuto il finimondo
in quelle casette di lastre zincate. La gente ha cominciato a uscire
spaventata salvando il salvabile, prima i bambini, poi i vestiti, le
coperte, i letti e quelle poche cose che avevano, buttando tutto sul
terreno antistante dove non c'erano costruzioni.

La prima fila di case sopra il campetto da gioco (circa 185) sono state
sventrate subito? racconta il padre della Consolata, Franco Cellana che è
stato subito chiamato ed è riuscito a fermare la demolizione. ?Questo e'
un grande atto di coruzzione e i responsabili e gli chief devono rimanere
fuori da questo pezzo di terra. Anche se e' avvenuta una vendita sara'
annullato il title deed (certificato di proprieta') per non aver
rispettato le leggi del paese e il diritto della gente? ha scritto padre
Cellana nella sua lettera sulle demolizioni nello slum di Deep Sea. Sulla
situazione abitativa a Nairobi sta facendo pressioni la campagna "W
Nairobi W!" che chiede la conversione del debito estero del Kenya in nuove
politiche abitative.

Fonte: Campagna W Nairobi W!

NAIROBI NELLA SOFFERENZA E SPERANZA
BREVE RAPPORTO DELLA DEMOLIZIONE DI DEEP SEA


Il fatto.


            Venerdi notte 23 settembre alle ore 24,30 un camion pieno di
soldati della Regional Administration (10), e di uomini
assoldati per l?occasione, sono entrati nello slum di Deep Sea
(850 famiglie) seguiti da un rumoroso Caterpillar. ?Fuori
tutti dalle case - hanno gridato - incomincia la
demolizione...?


            E? avvenuto il finimondo in quelle casette di lastre zincate.
La gente ha cominciato a uscire spaventata salvando il
salvabile, prima i bambini, poi i vestiti, le coperte, i letti
e quelle poche cose che avevano, buttando tutto sul terreno
antistante dove non c?erano costruzioni. La prima fila di case
sopra il campetto da gioco (circa 185) sono state sventrate
subito. Alla 2,00 di notte Virginia e responsabili hanno
chiamato alla Consolata, e P. Tobias ha chiamato anche me
avvisandomi di quello che stava capitando.


A quell?ora io non potevo uscire da Kahawa per troppo pericolo sulla strada.


Piano piano il caterpillar ha fatto il giro per stendere la seconda fila
di case (170). Il grido e? stato: ?Via tutti, distruggiamo il villaggio!?
Il panico e? cresciuto a dismisura.


            Alle 5,30 sono partito per Deep Sea e alle 6,00 ero sul posto.
Un inferno: il caterpillar minaccioso che sfondava le case, la
gente che da ogni casa del villaggio toglieva tutto, porte,
masserizie, pentole. Gli uomini che smantellavano le loro
stesse case nella parte bassa per paura di perdere tutto. Ho
trovato una comunita? distrutta. E ormai il caterpillar stava
distruggendo la terza fila all?altezza del laboratorio e
dell?asilo.


Con coraggio dopo aver sentito le prime notizie e aver visto il disastro ,
sono saltato sul caterpillar che in quel momento aveva un attimo di sosta.
? Fermatevi tutti ? ho gridato in kiswahili e in inglese ? voglio sapere
chi ha dato l?ordine di distruggere, si faccia avanti il responsabile,
perche? chiamo subito il Vice Presidente e il sindaco di Nairobi?.
Silenzio assoluto. Ho ripetuto l?ordine, ho dato coraggio alla gente e ho
ordinato anche a loro di non smantellare le proprie case. Trovo il
responsabile che intanto si era nascosto. ?Ho ricevuto ordini dall?alto ?
mi risponde ? chiama il PC (Provincial Commissioner)?. ?Tu ferma tutto il
tuo gruppo, vai via con i militari e con gli altri uomini, e io faro?
chiarezza di questo ordine. Quello che ti do e? anche un ordine superiore
che viene dalla legge di questo paese e di questo governo?, please stop
the demolitions now!!! Breve momento di suspense, ho temuto una reazione,
ma poi....


            Si sono radunati, sono saliti sul camion e se ne sono andati,
il caterpillar ha fatto dietrofront, qualcuno di loro piu?
sensibile ci ha confidato che avevano ricevuto 3000 schellini
per fare quel lavoro, e alcuni ragazzi di strada di Kangemi
200 scellini. Quello che e? apparso subito chiaro che e? che
l?ordine non era venuto dal governo ma da gente interessata
(PC, DO) che devono aver ricevuto una grossa somma da alcuni
indiani in cambio di quel terreno di Deep Sea. Si parla di 20
milioni di scellini (circa 200 mila euro). Un vero atto di
alta corruzione.


L?azione di risposta.


Subito, erano verso le 8 del mattino abbiamo messo in atto la macchina
della pubblicita?. Chiama la stampa, le televisioni, le diverse
associazioni di ogni genere, per i diritti umani, per la vita, la croce
rossa ecc. Sono stati informati Exodus/Kutoka, Kituo cha Sheria, Pamoja
trust che difendono i diritti degli slums di Nairobi. E abbiamo contattato
i responsabili del Governo tutti assenti dalla citta? in quella mattina
che pero? hanno promesso di venire a visitare il villaggio la domenica.
Dalla parrocchia della Consolata sono arrivati Peter, Elisabeth, i
responsabili del Consiglio pastorale  e del gruppo di Giustizia e Pace.
Abbiamo fatto un raduno a Suswa con i leaders di Deep Sea per vedere come
proseguire e preparare la strategia giusta per lunedi? giorno di apertura
degli uffici. Virginia come sempre e? stata la persona chiave per definire
le cose con urgenza. Grace e? stata anche presente dai primi momenti per
consolare le famiglie e i bambini. Poi Josephine, Lidya, Jane e tutti gli
altri.


Ma la gente sfiduciata ha continuato a smantellare le proprie case e
parecchi se ne sono andati a Kangemi o in altri slums della zona. Alla
sera del sabato tutte le televisioni hanno dato il rapporto su Deep Sea
con diverse interviste e devo dire che tutti insieme ci siamo fatti onore
per la forza del messaggio che abbiamo saputo comunicare. Mi sono arrivate
moltissime telefonate di solidarieta? per quanto era capitato. Tutto il
Kenya ha potuto vedere e costatare.


Il Governo.


            Alla sera della domenica sono ritornato a Deep Sea per
valutare la situazione. Mi arriva una telefonata dalla
parlamentare della zona:? Veniamo adesso, fatti trovare?.
Quale gioia per tutti noi. E? arrivata appunto Betty Tett,
accompagnata dal sindaco di Nairobi,  Dick Wathika e dall?
assistant minister del governo locale,  Maina Kamanda.


Sono rimasti esterrefatti, hanno dato il sentito ?pole? alla gente, e uno
alla volta hanno messo in riga tutti dopo aver sentito la presentazione
mia e di Virginia. Questo in sintesi il loro messaggio:


Questa demolizione non e? stata ordinata dal governo, che in genere da
previo avviso per decisioni di questo genere.

Questo e? un grande atto di coruzzione avvenuto, e i responsabili PC,DO e
chief devono rimanere fuori da questo pezzo di terra. Anche se e? avvenuta
una vendita sara? annullato il title deed (certificato di proprieta?) per
non aver rispettato  le leggi del paese e il diritto della gente.

Chiediamo scusa a coloro che hanno dato un grande contributo allo sviluppo
di questa comunita? per quanto e? avvenuto e preghiamo l?ambasciata
italiana, i  gruppi che hanno lavorato, le persone tutte che hanno
collaborato qui,  di continuare a sostenere la ricostruzione e i futuri
piani di questo villaggio.

Chiediamo a te Padre di coordinare le attivita? in modo che questo
villaggio riprenda a vivere. Da adesso in avanti chi vuole restare ha il
pieno diritto di ricostruire la sua casa. E noi per primi daremo un aiuto
consistente..........

Non potete immaginare la felicita? della gente. Hanno cantato, ballato,
gioito e insieme abbiamo ringraziato Dio per il dono della vita e della
speranza. Virginia ha chiesto che nel villaggio sia collocata una statua
della Madonna perche? e? stata quella, dice,  che ha salvato la
situazione. I tanti rosari e suppliche sono stati esauditi.


La fede e? sempre la prima dimensione che conduce ogni popolo in
difficolta? verso la pienezza di un futuro migliore. Il ringraziamento a
Dio nella messa solenne che hanno chiesto diventera? la pietra miliare del
nuovo, che e? all?orizzonte.





Il futuro immediato.


            Non ve lo posso ancora definire. Ci sono problemi di terra, di
case, di proprieta? da capire e risolvere. In questi prossimi
giorni ve lo diremo. Per adesso bisogna arrivare a tutti
specie i piu? piccoli con cibo, coperte, sapone, vestiti.
Piano piano i piu? fortunati stanno rientrando nelle loro
casette semidistrutte, altri stanno aspettando la manna del
cielo per tentare di ricostruire di nuovo cio? che e? stato
cosi? violentemente demolito, altri cercano di approfittare
bdella situazione per prendere il piu? grande vantaggio.


Vogliamo anzitutto costituire un consiglio di villaggio per arginare
situazioni di profitto degli uni sugli altri; secondo trovare subito aiuti
concreti per mettere le famiglie a salvo prima delle pioggie ormai
imminenti; terzo presentare immediatamente al governo le alternative per
la clinica- ambulatorio nuovo  e l?asilo per i bambini nella zona che fu
assegnata recentemente.

Grazie della vostra solidarieta?, della vostra forza e speranza che ci
avete comunicato. Se riusciamo a ripartire con il piede giusto, Deep Sea
potrebbe diventare un esempio di riqualificazione degli slums di cui tanto
si parla,  senza violenza e reazione della gente dopo aver subito una
cosi? grave ingiustizia.


Nella grande disgrazia della demolizione potrebbe nascere oggi quel fiore
di sviluppo che sempre abbiamo sognato per Deep Sea: una strada decente,
un asilo nuovo col suo campetto da gioco, la clinica-ambulatorio con
elettricita? e acqua.


Vi saluto tutti con affetto e gratitudine


                                                                        Vostro
p.
Franco
Cellana