[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Newsletter Anno 3, n. 19 - 25 ottobre 2005



NEWSLETTER DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E RICERCA PER LA CITTADINANZA ATTIVA
Anno 3, n. 19  - 25 ottobre 2005

A cura di Gabriele Sospiro
Con la collaborazione di:
Olivier Gbezera (OG)
Anna Kucma  (AK)
Paolo Sospiro (PS)



*************************************************************

INDICE
1.   PREMIO TESI SU IMMIGRAZIONE
2.   PRESENTAZIONE RICERCHE IN PROGRESS: CALENDARIO
3.   CORSO ON LINE DI BASE DI ECONOMIA E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
4.   VIAGGI IN ETIOPIA
5.   LA CAROVANA DELLA DIGNITÀ ARRIVA A ROMA
6.   PRESTAZIONI SESSUALI E AIDS IN AFRICA
7.   ELEZIONI IN LIBERIA
8.   RACIAL PROFILING?
9.   SIT IN CONTRO TAGLI GOVERNO PER FONDI COOPERAZIONE SVILUPPO
10. LISTA DI LIBRI RECENTEMENTE ACQUISITI. AVETE PROPOSTE DA INVIARCI?


*************************************************************

***********************************
1. PREMIO TESI SU IMMIGRAZIONE
***********************************
C'è tempo fino al 15 dicembre 2005 per concorrere al premio per la migliore
tesi sull'immigrazione. Infatti, come avevamo segnalato nelle ultime
newsletter, il Centro di documentazione e ricerca per la cittadinanza attiva
in collaborazione con ARCI Marche ha bandito un premio di euro 1.000 per la
migliore tesi sull'immigrazione straniera. Per avere
maggiori informazioni sui criteri di partecipazione si prega quindi di
consultare il nostro sito o scrivere una email a
segreteria at circoloafrica.org con intestazione "Tesi su
immigrazione" .

----------------------------------------------------
December 15th 2005 will be the deadline to participate for the award for the
best thesis on migration. In fact, as we have mentioned in the last
newsletters, the Center of Documentation and Research for Active Citizenship
in collaboration with ARCI Marche  propose an award of euro 1,000 for the
best thesis on foreign immigration. Further information on how to take part
in could be get hold of visiting our site or writing an email to
segreteria at circoloafrica.org with in the object " thesis on immigration".

*********************************************************
2. PRESENTAZIONE RICERCHE IN PROGRESS: CALENDARIO
*********************************************************
Come accennato nella newsletter precedente dal 7 novembre prende il via una
nuova iniziativa del CDCA (Centro Documentazione Cittadinanza Attiva) che
consiste nella presentazione dei lavori di ricerca sulle tematiche a noi
care quali immigrazione, sviluppo, globalizzazione ecc. I primi incontri
sono:

- 7/11/2005
17.45-19.45
P. Sospiro
LE DETERMINANTI DELLE RIMESSE DEGLI IMMIGRATI
Il lavoro intende analizzare quali sono i fattori che influenzano la volontà
e l'ammontare delle rimesse degli immigrati tunisini residenti nella
Provincia di Ancona e impiegati nel settore della pesca nel porto di Ancona.
Inoltre, l'utilizzo delle rimesse stesse nel paese di origine tra
investimenti e consumo. Infine, la relazione tra migrazione e sviluppo nel
paese di origine a livello locale.

- 21/11/2005
17.45-19.45
S. Mariotti
IL GENOCIDIO IN RUANDA

- 5/12/2005
17.45-19.45
M. Bonalume
URBANIZZAZIONE E SVILUPPO:
Interventi di riqualificazione urbana negli Slums di Nairobi (Kenya)
L'analisi condotta affronta il dirompente problema dell' urbanizzazione nei
Paesi in via di Sviluppo. La prima parte prevede una panoramica generale
delle tendenze di crescita e sviluppo delle megalopoli africane; nella
seconda parte sarà invece messa a fuoco una specifica realtà: Nairobi e gli
interventi ad oggi in atto per rispondere ai bisogni dei più di 2 milioni di
squatters che vivono nelle sue immense baraccopoli.

- 19/12/2005
17.45-19.45
A. Accorigi
LA BATTAGLIA DI ALGERI
Con questo lavoro l'autore analizza i giorni dell'indipendenza in Algeria
dal punto visto politico e non solo. L'autore sottolinea come la vittoria
militare francese non riuscì a impedire che la disfatta della Battaglia di
Algeri si trasformasse in una schiacciante vittoria sul piano politico,
fondamentale per tutto il processo di decolonizzazione del paese.


Si ricorda che con l'anno nuovo riprenderanno gli incontri e quindi si fa
appello a chiunque intenda discutere il proprio lavoro di scrivere una mail
con oggetto PRESENTAZIONE e saremo lieti di contattarlo al più presto.
----------------------------------------------------
As we said in the last newsletter there is a new activity within the CDCA
that is going to take place and it consists in the presentation of research
dealing with issues as immigration, development, globalization etc. These
are the scheduled meetings so far:

- 07/07/2005
17.45-19.45
P. Sospiro
THE DETERMINANTS OF THE IMMIGRANTS' REMITTANCES
The work means to analyze which are the factors that influence the will and
the amount of the remittances of Tunisian immigrants living  in the Province
of Ancona and employed in the fish sector at the port of the city.
Moreover, the use of the remittances in the country of origin between
investments and consumption. Finally, the relation between migration and
development in the country of origin at the local level.

- 21/11/2005
17.45-19.45
S. Mariotti
THE RWANDA GENOCIDE

- 5/12/2005
17.45-19.45
M. Bonalume
URBANIZATION AND DEVELOPMENT:
Urban requalification interventions in the Slums of Nairobi (Kenya)
The analysis carried out faces the devastating problem of the urbanization
in the Developing  countries. The first part foresees a general view of
increasing and developing tendencies of the Africans megalopolis; in the
second part will be enlighted a specific reality: Nairobi and the
interventions put in action nowadays in order to answer to the needs of more
than 2 million squatters that live in its immense shantytowns.

- 19/12/2005
17.45-19.45
A. Accorigi
THE BATTLE OF ALGERI
By this work the author analyzes the days of independence in Algeria not
only from political perspective. The author emphasizes how the military
victory of the French did not prevent that the defeat of the battle of
Algeri turned into a crushing political victory, fundamental for all the
process of decolonization of the country.

We remind you that by the new year the meetings will take place again and
therefore we ask those who are interested to present their works to write an
email with object PRESENTATION and we will be glad to contact you as soon as
possible.

****************************************************************************
3. CORSO ON LINE DI BASE DI ECONOMIA E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
****************************************************************************
Dopo il corso on line sull'immigrazione della primavera scorsa e, come
avevamo promesso, ecco un nuovo corso che cerca di esplorare il legame fra
economia e cooperazione internazionale. Il corso è strutturato in due
moduli. Nel primo verranno forniti alcuni strumenti di carattere teorico.
Nel secondo grazie al contributo di docenti impegnati nell'ambiente delle
organizzazioni non governative operanti in varie parti del mondo si proverà
ad entrare più nel dettaglio fornendo anche esemplificazioni concrete. Per
avere maggiori informazioni sui costi e il programma inviare una email a
segreteria at circoloafrica.org con scritto sull'oggetto CORSO COOPERAZIONE
INTERNAZIONALE.
----------------------------------------------------------------------------
After the on line course on immigration of the last spring and, as we had
promised, here it is a new course that tries to explore the bind between
economy and international cooperation. The course is structured in two
modules. In the first one some theoretical instruments will be provided. In
the second one, thanks to the contribution of lecturers committed in non
governmental organizations operating in several parts of the world it will
be tried to go more into the details providing also some specific
exemplifications . Further information about the cost and the program can be
gotten writing an email to: segreteria at circoloafrica.org indicating in the
object INTERNATIONAL COOPERATION.

***********************
4. VIAGGI IN ETIOPIA
***********************
Il Circolo Culturale Africa organizza per i prossimi mesi dei viaggi di
conoscenza in Etiopia, terra di grande fascino per la sua gente e la sua
cultura. Abbiamo previsto partenze e tragitti differenziati in modo da
soddisfare diverse esigenze sia in termini di date che di costi. Le date
sono: dal 2 al 12 dicembre e dal 3 al 12 gennaio 2006. Per maggiori
informazioni sui costi e il programma scrivete una email a:
segreteria at circoloafrica.org indicando nell'oggetto "VIAGGIO IN ETIOPIA" e
l'eventuale data di interesse.

----------------------------------------------------
The Cultural Circle Africa organizes for the next months some travels to
Ethiopia, earth of great fascination for its people and its culture. We have
foreseen different departures and ways so to satisfy various requirements in
terms of dates and of costs. The dates are from 2 to 12 of December and from
3 to 12 of January. Further information about the cost and the program can
be gotten writing an email to: segreteria at circoloafrica.org indicating in
the object "TRAVEL TO ETHIOPIA" and the eventual date of interest.

**************************************************
5. LA CAROVANA DELLA DIGNITÀ ARRIVA A ROMA
**************************************************
Nei prossimi giorni, dal 26 al 29 ottobre, si fermerà in Italia  la
"carovana della dignità":  una delegazione di dieci donne del Mali,
coordinate dalla scrittrice  Aminata Traore, che sta attraversando l'Europa
per denunciare le condizioni di sfruttamento in cui versano  i paesi
africani e le violazioni dei diritti umani di cui sono vittime i migranti
che cercano di raggiungere il nostro continente.
Una scrittrice, una docente universitaria, un'artigiana, una giovane
artista, due cantanti, due economiste, una manager, una contadina, una
giornalista e una sociologa, tutte del Mali, in viaggio dal 15 ottobre per
sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica sui guasti prodotti nel
loro continente da un neoliberismo selvaggio, e rivendicare diritti
economici, politici e sociali.
Giovedì 27 ottobre alle ore 15.00 presso la sala Capranichetta in Piazza
Montecitorio ci sarà un incontro pubblico a cui parteciperanno la
delegazione  di donne africane, parlamentari ed esponenti di associazioni e
movimenti
-------------------------------------------------------------------
The coming days, from 26 to 29 October, the "caravan of the dignity" will
stop in Italy: a delegation of ten women arriving from Mali, coordinated by
the novelist Aminata Traore, that is crossing Europe in order to denounce
the conditions of exploitation in which are Africans pour countries and the
human rights violations of which migrants that try to arrive to our
continent are victims
One novelist, one professor,  one craftsman, one young artist, two singers,
two economists, one manager, one peasant, one journalist and one
sociologist, all from Mali. They are travelling  from October 15th in order
to make the institution and the public opinion conscious about the failures
produced in the their continent by the wild neoliberism , and at the same
time ask for  social, economical, political and social rights.
Thursdays October 27th from 3 pm at the Capranichetta room in Montecitorio
square there will be a public meeting where parliamentarians, association
members will meet the delegation of women.

********************************************
6. PRESTAZIONI SESSUALI E AIDS IN AFRICA
********************************************
Un'indagine nella Repubblica Democratica del Congo ha dato dei risultati
allarmanti sulle prestazione sessuali e la diffusione dell'AIDS. Il 35,6
percento delle ragazze in età compresa fra i 15 e i 19 anni offrono
prestazioni sessuali in cambio di soldi, inserendosi così in una spirale di
violenza, prostituzione, povertà e, ovviamente, malattie sessualmente
trasmissibili.
Di più, l'UNDP, il programma delle Nazione Unite per lo sviluppo ha
annunciato che il 57 percento delle persone infette nell'Africa
sub-sahariana sono donne e ragazze. Questo fa temere il peggio per il
futuro, visto che in generale le donne sono la spina dorsale delle famiglie
africane e che se non sarà effettuata una prevenzione appropriata, nascerà
una generazione di bambini malati nel giro di pochi anni. Un'indagine delle
Nazione Unite, svolta nel 2004, ci dice che le donne nell'Africa
sub-sahariana hanno 1.3 volte più rischi di essere contaminate rispetto agli
uomini, con la fascia di età da 15 a 19 anni il rischio addirittura si
triplica.
----------------------------------------------------------------------
A survey in the Democratic Republic of Congo showed alarming results about
sexual favours and AIDS. 35,6% of 15 to 19 year girls old exchange sexual
intercourses for money, these girls being then engaged in a downward spiral
of violence, prostitution, poverty, and, obviously, sexually transmitted
diseases.
In related news, the UNDP announced that 57 % of HIV-infected adults in
South-Saharan Africa are women or young women, raising deep concerns for the
future, as woman are usually the backbone of the African families and that
without appropriate prevention, a whole generation a infected babies may be
born in the next years. A previous UN study established that adult women in
the sub-Saharan region are 1.3 times more likely to become infected than
men, and between girls and boys form 15 o 24 years old, that ratio raises up
to 3.

***********************
7.  ELEZIONI IN LIBERIA
***********************
In Liberia, l'ex star del calcio George Weah è in testa delle elezioni
presidenziali, secondo gli ultimi dati, con più del 30 percento dei voti. E'
davanti a all'ex economista della Banca Mondiale Ellon Jahuson Sinleaf e
l'imprenditore Charles Brumskine. Tuttavia, nessun dei candidati dovrebbe
ottenere il 50 per cento dei voti, lasciando così prefigurare un secondo
turno, già previsto all'inizio di novembre.
Delle numerose analisi sulle chance di George Weah di diventare presidente,
due tratti essenziali emergono. Primo, malgrado non abbia nessun esperienza
di leadership, George Weah è molto popolare per la sua concretezza e per
avere fatto molto per portare un po' di vivacità e di speranza nel Paese in
guerra. Conosciuto per essere uno che dà senza contare, ha utilizzato il suo
status di superstar per aiutare il suo Paese a partecipare alla sua prima
Coppa delle Nazione Africane nel 1996 ed è quasi riuscito a portarlo alla
Coppa Mondiale del 2002, come giocatore, allenatore e sponsor. In un Paese
lacerato da 14 anni di guerra e agitato da numerosi scandali politici, è
stato una boccata d'aria per la popolazione a cui ha dato speranza e
coraggio.
Il suo secondo vantaggio è considerata la sua inesperienza politica visto
egli non ha mai dovuto compromettersi e non è mai stato coinvolto nella
oscena e sanguinaria politica del suo Paese. Egli insomma rappresenta
un'opportunità di iniziare tutto da capo. Il suo avversario principale,
Ellon Jahuson Sinleaf, era vicino al dittatore Charles Taylor. E secondo
alcuni osservatori Charles Brumskine sarebbe ancora più vicino. Egli
comunque è l'unico a non avere frequentato le alte sfere della politica
liberiana, e quindi non ha mai dovuto trattare con Taylor o il suo partito
unico. E potrebbe essere questo il suo vantaggio decisivo, in un Paese
giovane che vuole chiudere il più triste capitolo della sua storia.

PS : il capo della commissione elettorale Frances Johnson-Morris ha ricevuto
dei messaggi di minaccia sul suo cellulare, un evento al quale la missione
delle Nazione Unite in Liberia ha risposto riaffermando la sua
determinazione a mantenere un processo elettorale pacifico.

---------------------------------------------------------------------
In Liberia, the former football star George Weah is the frontrunner of the
presidential elections, as of the latest numbers, with over 30 percent of
the votes. He is therefore in front of former World Bank economist Ellon
Jahuson Sinleaf and business man Charles Brumskine. However, no candidate
should gain 50 percent of votes, thus leading to a second round face-off,
already scheduled for early November.
As analysis's of Mr Weah chances of becoming president have been many, two
traits seem to be decisive. First, despite having no leadership experience
whatsoever, George Weah is extremely popular for having led by example by
action rather than by word, and by having done much to bring some kind of
hope and joy to the war-torn country. Known for giving without counting, he
has used his superstar status to help his home country participate to the
African Nations Cup for the first time in 1996 and almost got them to the
2002 World Cup, as a player, a coach and a sponsor. In a country torn apart
by 14 years of civil war and countless political scandals, this was a
well-needed breather for the population, one that gave them hope and pride
again.
His second advantage is that, being inexperienced in politics, he has never
had to compromise and has thus never been involved with the dirty and bloody
politics of his country. He represents the opportunity for a fresh start.
His closest rival, Ellon Jahuson Sinleaf, was close to the former president
and war king Charles Taylor. And Charles Brumskine is said to still be
close. Anyhow, he is the only candidate that has never worked in the high
spheres of the state, and therefore that has never had to compromise with
the former ruling party and its leader. And this might turn out to be his
decisive advantage, in a young country who wants to close the saddest
chapter of its existence.

In related news, National Elections Commission head Frances Johnson-Morris
has received threatening messages on her cellular phone, causing the United
Nations mission in Liberia to express its determination to keep the
electoral process going peacefully.

OG

**********************
8. RACIAL PROFILING?
**********************
Il ministero francese per le pari opportunità è stato costretto a subire un
checkup completo al suo arrivo in Atlanta, negli Stati Uniti, qualche
settimana fa. Il signore Azouz Begag, di origine algerina, stava viaggiando
con un visto A1, riservato a ministri e diplomatici, in direzione
dell'università della Florida, per dare una serie di conferenze sulle nuove
politiche francesi di lotta contro il razzismo. E' stato accompagnato da
alcuni poliziotti dall'aereo a una stanza, dove è stato interrogato sui suoi
precedenti viaggi negli Stati Uniti, e dove gli è stato comunicato che il
suo visto non gli permetteva di fare conferenze in un'università
statunitense. E' stato rilasciato con le scuse da parte degli ufficiali
statunitensi. Non è la prima volta che succede un "incidente" del genere al
ministro (come a tutti gli "stranieri", uno potrebbe dire), sia in Francia
che all'estero. Egli però ha confessato che è diventato più difficile negli
Stati Uniti dopo l'11/9, e ovviamente non è la stessa situazione considerata
le deleghe di cui si occupa. L'incidente è successo mentre stava camminando
davanti ai manifesti di Martin Luther King, uno dei suoi principali
ispiratori.

----------------------------------------------------

The French delegate minister for equal opportunities underwent a full check
upon his arrival in Atlanta, a couple of weeks ago. Mr. Azouz Begag, of
Algerian origin, holder of an A1 visa (reserved to diplomats and ministers)
was on his was way to Florida State University to give a lecture on France's
new politics to fight against racism. He was escorted by police from the
plane to a private room, where he was submitted to an interrogatory, with
questions regarding his previous trips to the US, and said to that his visa
was not valid to give a lecture in an American University. He was then
released, and later on received apologies from American officials. The
minister has gone through similar experiences (as all "strangers" have, one
could say) in France and abroad, but he says that since 9/11 the situation
has worsened in the US, but this time it seems even more strange, given his
new profession. All of this happened as he was walking by posters of Martin
Luther King, who is one of his main inspirations.
OG

***********************************************************************
9. SIT IN CONTRO TAGLI GOVERNO PER FONDI COOPERAZIONE SVILUPPO
***********************************************************************
Il governo italiano ha progettato un taglio di 250 milioni di Euro nella
finanziaria 2006 (meno 12,5%) dopo il taglio di 100 milioni di Euro dai
fondi 2005
di cui 22 milioni dal capitolo dei progetti Ong (pari al 30% dello
stanziamento). L'Italia è il paese al mondo che dona allo sviluppo la minor
quota
percentuale del proprio PIL (0,15%). Meno della percentuale stanziata
dagli USA (0,16%). (media europea 0,36). Con i nuovi tagli si scenderà
allo 0,12%. Per queste ragioni è stato organizzato un sit in per giovedì 27
Ottobre 2005, dalle 8,30 alle 12,00 in Piazza della Signoria a Firenze.

----------------------------------------------------

The Italian government cut at of 250 million of Euro for the financial 2006
year (minus 12.5%) after the cut down of 100 million Euro from 2005 of which
22 million from the NGO project fund (equal to 30% of the total). Italy is
the country with the world lowest quota of the GNP assigned for the
development (0.15%). Less then the percentage allocated from USA (0.16%) or
the European medium that is 0.36. With the new cuts it will come down to
0,12%. For these reasons it has been organized a sit in for Thursdays 27
October 2005, from the 8,30 to the 12,00 in Piazza della Signoria in
Florence.

****************************************************************************
10. LISTA DI LIBRI RECENTEMENTE ACQUISITI. AVETE PROPOSTE DA INVIARCI?
****************************************************************************
Prosegue l'acquisizione di volumi riguardanti l'immigrazione, la
cooperazione internazionale, i rapporti nord-sud, l'esclusione sociale, etc.
da parte del nostro Centro. Presto avrete la possibilità di consultare on
line direttamente dal nostro sito i volumi che abbiamo a disposizione. Un
esempio di quelli che abbiamo preso di recente?
Augusto Cerri, "L'eguaglianza", Laterza;
Susan Sontag, Tzvetan Todorov e Michael Ignatieff, "Troppo Umano",
Mondatori;
Nuruddin Farah, "Rifugiati", Biblioteca Meltemi;
Giancarlo Giojelli, "Gli schiavi invisibili", Piemme;
Philip Gourevitch, "Desideriamo informarla che domani verremo uccisi con le
nostre famiglie", Einaudi;
Jocelyne Cesari e Andrea Pacini, "Giovani musulmani in Europa", Centro Studi
religiosi comparati Edoardo Agnelli;
Enzo Pace, "Perché le religioni scendono in guerra?", Laterza;
Marco Zupi, La globalizzazione vista dal sud del mondo", Laterza.
Avete qualche libro da suggerirci? Vorremmo che la nostra campagna di
acquisti andasse avanti!

---------------------------------------------------------------------
It is going on the acquisition of books regarding immigration, international
cooperation, relationships north-south, the social exclusion, etc. Soon you
will have the possibility to check directly on line from our website the
books that we have.
An example of that we got recently?
Augusto Cerri, "L'eguaglianza", Laterza;
Susan Sontag, Tzvetan Todorov e Michael Ignatieff, "Troppo Umano",
Mondatori;
Nuruddin Farah, "Rifugiati", Biblioteca Meltemi;
Giancarlo Giojelli, "Gli schiavi invisibili", Piemme;
Philip Gourevitch, "Desideriamo informarla che domani verremo uccisi con le
nostre famiglie", Einaudi;
Jocelyne Cesari e Andrea Pacini, "Giovani musulmani in Europa", Centro Studi
religiosi comparati Edoardo Agnelli;
Enzo Pace, "Perché le religioni scendono in guerra?", Laterza;
Marco Zupi, La globalizzazione vista dal sud del mondo", Laterza.

Do you have some book to suggest us? We would want our purchasing went
ahead!

**********************************************************

Il numero 19 di questa newsletter è stato spedito a 12.002 indirizzi, per
segnalazioni e suggerimenti scrivete a segreteria at circoloafrica.org.

I prossimi numeri usciranno:
8 e 22 novembre.

---------------------------------------------------------------------
The number 19 of this newsletter has been sent to 12.002 addresses.

For suggestions please contact:

Circolo Culturale Africa
via San Spiridione, 5/a
60100 Ancona
Italia
Tel. +39/071/2072585
Web site: www.circoloafrica.org


****************************************************************************

Nel rispetto della Legge 675/96 sulla privacy, a tutela di persone e altri
soggetti rispetto al trattamento di dati personali, questo indirizzo e-mail
proviene da richieste di informazioni o da elenchi (newsgroup). Per
cancellarsi è sufficiente inviare un'e-mail a: segreteria at circoloafrica.org
con la richiesta CANCELLAMI.

If you do not want to receive any more our newsletter please send an email
requesting DELETE ME.

**************************************************************************