[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Africa e Mediterraneo partecipa a Methods, 27-29 gennaio - ArteFiera BOLOGNA



ArteFiera       Bologna Fiere
27-29 gennaio 2006

In occasione della manifestazione ArteFiera di Bologna l'Associazione
Africa e Mediterraneo  parteciperà alla seconda edizione del workshop
internazionale Methods. Research projects on art-society relations,
organizzato da Cittadellarte Fondazione Pistoletto e Artfactories, con il
contributo di European Cultural Foundation e Compagnia di San Paolo.

La selezione di 6 tra il centinaio di progetti giunti attraverso il bando
si è basata sulla metodologia utilizzata, le connessioni create con la
comunità locale nonché con le istituzioni nazionali e internazionali, il
cambiamento sociale generato e le problematiche affrontate.

Africa e Mediterraneo, presenterà il progetto Valori Comuni alla tre giorni
di lavori, che si suddividerà in momenti di incontro e di scambio di
opinioni e di esperienze tra i partecipanti e in momenti di presentazione
al pubblico dei risultati.
Valori Comuni. L'incontro delle religioni e dei diversi sistemi di pensiero
laico
grazie al fumetto per l'integrazione degli immigrati
www.valeurscommunes.org




>
>ArteFiera
>Bologna Fiere
>27 - 29 Gennaio 2006
>
>Cittadellarte - Fondazione Pistoletto e Artfactories organizzano dal 27 al
>29 gennaio 2006, in occasione di ArteFiera di Bologna, la seconda edizione
>del workshop internazionale Metodi - progetti di ricerca sulle relazioni
>arte - società. Il workshop indaga sui metodi e i progetti sviluppati
>attraverso i processi creativi indirizzati alla trasformazione sociale
>responsabile. Metodi rappresenta una possibilità unica di condividere,
>apprendere e analizzare in profondità diverse esperienze creative.
>  PARTECIPANTI:
>Africa e Mediterraneo (Italia)
>Africa e Mediterraneo è un'associazione di cooperazione internazionale che
>conduce un'attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo. Il
>progetto Valori Comuni si propone di promuovere la cultura della pace
>attraverso il confronto e il dialogo tra diverse religioni e culture
>presenti in Europa. Le azioni del progetto hanno coinvolto studenti,
>insegnanti e la popolazione civile di quattro paesi europei in una
>riflessione sui valori comuni tra diversi sistemi di pensiero, usando il
>fumetto come mezzo di comunicazione e sviluppo.
><http://www.africaemediterraneo.it>www.africaemediterraneo.it
>Asiles NGO (Libano)
>L'organizzazione non governativa Asiles opera all?interno di campi
>profughi attraverso azioni educative e artistiche.
>Il progetto Transmissions coinvolge artisti che condividono le proprie
>esperienze e insegnano le loro pratiche ad un gruppo di rifugiati
>palestinesi (MAFPA) presso Baddawi Camp in Libano.
>Learning by doing e sviluppo sociale delle comunità, sono le parole chiave
>che mettono in luce gli interrogativi relativi alla cooperazione Nord-Sud
>tra artisti e non professionisti che, unendo all'uso di una pedagogia
>efficace l'esperienza dell'arte relazionale, contribuiscono all'evoluzione
>stessa delle comunità.
><http://www.asiles.org>www.asiles.org
>D Media (Romania)
>D Media, organizzazione non profit di Cluj impegnata nella promozione
>delle tecnologie di free-knowledge e nella fusione tra arte e attivismo
>sociale, presenta il progetto Real Fictions. Il progetto consiste in una
>serie di 4 documentari sperimentali, realizzati in collaborazione con
>adolescenti del luogo, che analizzano la tradizione della Romania di
>autoritarismo nazionalista, la costante carenza delle instituzioni
>burocratiche e il potenziale delle pratiche di open source per trasformare
>la modalità di produzione della cultura.
><http://www.dmedia.ro>www.dmedia.ro
>La source du Lion (Marocco)
>Il collettivo di artisti usa la definizione di bricolage per i progetti
>che realizza e lo propone come possibile metodo. L'esperienza nel Parco
>dell'Hermitage ne è il prototipo. Il progetto prevede il recupero del
>parco attraverso realizzazioni collettive per contrastare l?abbandono e la
>conseguente scomparsa di aree pubbliche. L?approccio che adotta non può
>essere inscritto nella categoria dell?arte plastica, ma confina e si
>confronta con le problematiche sociali.
><http://www.lasourcedulion.org>www.lasourcedulion.org
>Malopolski Instytut Kultury (Polonia)
>Malopolski Instytut Kultury ha coinvolto la comunità di Nowa Huta nel
>ristabilire una relazione con questo industriale e imponente quartiere. Il
>progetto nowa_huta.rtf (relazione, testo, forma) ha lo scopo di creare un
>luogo di dibattito per chi ha preso parte alla costruzione della città, ci
>è cresciuto e l?ha ricevuta in eredità. Il progetto non si limita a
>cercare una formula per rinnovare il quartiere, ma intende innanzitutto
>arricchirne la consapevolezza e la relazione emotiva.
><http://www.mik.krakow.pl>www.mik.krakow.pl
>Performing Arts Center Multimedia (Macedonia)
>Il PAC Multimedia si è impegnato, negli ultimi 5 anni, nella creazione di
>programmi artistici atti a coinvolgere gruppi di giovani socialmente
>emarginati. Il progetto attualmente in corso coinvolge i bambini
>dell'Istituto per la protezione, la cura e l'educazione dei giovani Ranka
>Milanovic di Skopje. Lo spazio creativo offre ai giovani l'opportunità di
>condividere i valori sociali attraverso l'acquisizione di abilità fisiche
>e non verbali, aderendo al programma che interessa maggiormente - abilità
>acrobatiche o tecniche giocolieristiche.
><http://www.multimedia.org.mk>www.multimedia.org.mk
>UDITORI INVITATI:
>- K @ 2
>- Inter Project
>- Autre(s)pARTs   PROGRAMMA: VENERDI 27 GENNAIO - CENTRO SERVIZI BLOCCO D
>- SALA VIVACE
>mattino
>11.30 breve presentazione dei partecipanti
>11.45 presentazione 1: Asiles NGO controparte Africa e Mediterraneo
>13.00 pranzo
>pomeriggio
>15.00 presentazione 2: Malopolski Instytut Kultury controparte Performing
>Arts Center Multimedia
>16.30 presentazione 3: D Media controparte Asiles NGO
>18.00 fine della sessione pomeridiana   SABATO 28 GENNAIO - CENTRO SERVIZI
>BLOCCO D - SALA VIVACE
>mattino
>11.30 apertura della seconda giornata con una sintesi della discussione
>tenuta il venerdi
>11.45 presentazione 4: La Source du Lion controparte Malopolski Instytut
>Kultury
>13.00 pranzo
>pomeriggio
>15.00 presentazione 5: Performing Arts Center Multimedia controparte D Media
>16.30 presentazione 6: Africa e Mediterraneo controparte La Source du Lion
>18.00 fine della sessione pomeridiana
>DOMENICA 29 GENNAIO
>mattino - CENTRO SERVIZI BLOCCO D - SALA VIVACE
>11.30 Conclusione del workshop
>13.00 pranzo
>pomeriggio - GALLERY HALL (HALL 21-22)
>14.00 - 16.00 Presentazione di METODI - PROGETTI DI RICERCA SULLE
>RELAZIONI ARTE - SOCIETA'
>con la presenza di Michelangelo Pistoletto.
>  La partecipazione è gratuita. Per partecipare al workshop, inviare una
>e-mail con nome e indirizzo a:
><mailto:redazione at cittadellarte.it>redazione at cittadellarte.it
><http://www.cittadellarte.it/citta2005/eng/more/methods05/invito.htm>INVITO
>ONLINE
>
>
>
>
>
>
>


--
Africa e Mediterraneo
Via Gamberi 4
40037 Sasso Marconi (BO)
Tel. + 39 051 840166
Fax + 39 051 6790117
www.africaemediterraneo.it
redazione at africaemediterraneo.it
fad4462 at iperbole.bologna.it