[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWSLETTER DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E RICERCA PER LA CITTADINANZA ATTIVA - Anno 4, n. 3 - 24 gennaio 2006



NEWSLETTER DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E RICERCA PER LA CITTADINANZA ATTIVA
Anno 4, n. 3 - 24 gennaio 2006

A cura di Gabriele Sospiro
Con la collaborazione di:
Olivier Gbezera
Cristiano Nogueira Antunes

Paolo Sospiro





******************************************************************



INDICE


1.   FORUM SOCIALE DI BAMAKO
2.   ATTIVITÀ DEL CENTRO
3.  IMPRESSIONI DA BAMAKO (1)

4.  IMPRESSIONI DA BAMAKO (2)

5.  PRESENTAZIONE DELLA TESI "IL CLIENTE IMMIGRATO: IL CASO ANGELO COSTA"

6.   IL CIRCOLO CULTURALE A PISTOIA
7.   AZIONE 1 - SCAMBIO DI GIOVANI
8.   CORSO COOPERAZIONE: TOBIN TAX
9.   ELETTO IL NUOVO PRESIDENTE PORTOGHESE

10.   IN CILE UNA PRESIDENTE DEL CENTRO SINISTRA



******************************************************************





******************************************************************
1. FORUM SOCIALE DI BAMAKO
******************************************************************
In questo momento Gabriele e Olivier sono a Bamako per seguire il Social
Forum

dedicato all'Africa. Siamo ansiosi di conoscere i temi trattati, l'andamento
del Social

Forum e la loro impressione circa l'evento e soprattutto come la popolazione
di

Bamako ha partecipato all'evento stesso. Nell'attesa di conoscere maggiori
dettagli

 da Gabriele ed Olivier vi anticipiamo che nella prossima newsletter vi sarà
ampio

 spazio appunto sul Social Forum di Bamako. Inoltre vi anticipiamo che
presso il

Circolo, al ritorno, verrà organizzato un incontro pubblico nel quale si
discuterà

del Social Forum con i nostri protagonisti.

----------------------------------------------------------------------------
-----------------------
Right now Gabriele and Olivier are in Bamako to participate in the African
Social Forum.

We are waiting for their report and we probably won't have it before this
newsletter

will be sent but we promise that we'll dedicate most of our next newsletter
to this

event and when they'll come back we'll organize a conference in which the
results

of the African Social Forum as well as of the other Social Forum will be
discussed.



******************************************************************
2. ATTIVITÀ DEL CENTRO
******************************************************************
Il Centro di Documentazione e Ricerca per la Cittadinanza Attiva è aperto il
Martedì e Giovedì dalle 10 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00. Se avete
libri da proporre così che noi possiamo acquistarli fatecelo sapere! Se
state facendo una tesi di laurea o ricerche sull'immigrazione, sull'economia
politica, o su temi riguardanti il terzo settore, etc. presso il nostro
Centro potete ottenere informazioni ad hoc previa prenotazione telefonica.
Per contatti ed eventuali prenotazioni 071/2072585
----------------------------------------------------------------------------
-----------------------
The Centre of Documentation and Research for Active Citizenship is
opened Tuesday and Thursday from 10 to 13 and from 15 to 18.00. If you have
any books to propose so that we can buy them please let us know. If you are
working on your bachelor thesis or you are carrying out a research on
migration, political economy, or issues inherent not profit, etc. in our
Center you will able to get some information ad hoc. Telephone reservation
is needed.



For contacts: +39/071/2072585



******************************************************************

3. IMPRESSIONI DA BAMAKO (1)

******************************************************************
Bamako, 24 gennaio 2006
Una breve corrispondenza da Bamako in Mali dove ci siamo recati in occasione

del forum sociale policentrico. Molte le iniziative. Molto accogliente la
città.

Purtroppo anche a Bamako come al forum sociale di Parigi nel 2003 si soffre

per la localizzazione in diverse aree della città delle attività del forum.
Bamako

sviluppata lungo le rive del Niger appare caotica, polverosa ma anche molto

musicale ed evocativa. La nostra piccola delegazione (io e Olivier) è
alloggiata

in una pensione nella zona  del mercato a due passi dalla cattedrale e dalla
statua

che commemora la grande figura di Lumumba. Non appena rientreremo in Italia

vi racconteremo in modo piu dettagliato quanto è successo al forum provando
 contemporaneamente a descrivervi le nostre esperienze sulla città.
 A presto,
 gabriele



----------------------------------------------------------------------------
-----------------------



Bamako, January 24th 2006

A short letter from Bamako, in Mali, where we find ourselves by occasion of
the

polycentric social forum. There are lots of initiatives going on here. And
the city

 is quite welcoming. Unfortunately, in Bamako, as happened in Paris (2003),
the

visitor suffers from the distance between the locations where the various
activities

are hosted. Bamako, developed on the margins of the Niger River seems
chaotic,

dusty but also very musical and evocative. Our small delegation (me and
Olivier)

 is staying at a pension in the market area, a couple of steps away form the
cathedral

and the commemorative statue of Lumumba. As soon as we arrive in Italia, we
will

give you more details on what happened at the forum and tell you about our

experiences in the city.

See you soon,

Gabriele



******************************************************************

4. IMPRESSIONI DA BAMAKO (2)

******************************************************************

Ciao a tutti da Bamako, dove il Forum Sociale si è chiuso ieri e anche se
sta continuando

a Caracas e Karachi, prima di tornare in Africa l'anno prossimo, a Nairobi.
E' stata

un'esperienza molto forte per me, essendo il mio primo forum e il primo in
Africa.

Una grande opportunità per saperne di più su tante tematiche e di
confrontarmi con

diversi punti di vista. Ho potuto farmi un'idea della mobilizzazione della
societa civile

Africana, dei contadini e delle donne, che hanno avuto un input importante
sui dibattiti.

Rispetto a questi, uno degli obiettivi era di dare l'opporunità alle persone
che vivono le

politiche neo-liberisti e l'immigrazione di esprimirsi, e quel obiettivo è
stato abbastanza

raggiunto. Pero' uno dei problemi era il fatto che molti dibattiti sono
stati dominati da

associazioni europee, sopratutto francesi, dando l'impressione a qualche
partecipante che

si trattava di un forum Africa-Francia, invece di Mondiale. Ci sono stati
problemi

organizzativi, come le traduzioni (quasi tutti i dibattiti erano in
francese), l'informazione

sugli eventi, e la forma decentralizzata dell'evento, che ha reso difficile
la partecipazione

a qualche conferenza. Pero' comlessivamente il forum è riuscito a fare
incontrare persone

di diversi paesi, e ho potuto farmi un'idea delle realtà del movimiento
altermondialista. A

livello personale, ho incontrato Ousmane, che fa parte dei migranti che sono
stati espulsi

da Ceuta e Melilla l'anno scorso; ho potuto raccogliere la testimonianza di
uno che ha vissuto

quello che abbiamo letto e visto durante quei giorni. E questa esperienza
intensa ha dato una

faccia a questa vergogna. Darò ulteriori detagli appena tornato in Italia,
per dare voce a quelli

che vivono le situazioni che condanniamo.



----------------------------------------------------------------------------
---------------------



ciao, saluti a tutti ! Hi everyone from Bamako, where the World Social Forum
ended yesterday,

and is going on in its polycentric form in Caracas and Karachi, before
coming back on African

 soil next year, in Nairobi. This was a very special event for me, being my
first forum and the

first ever in Africa. A great opportunity to know more on various issues and
especially to be

confronted to different points of view. I got to see the mobilization of
african civil society,

 the struggle of farmers and women, who had a huge input on the various
debates. Regarding

the debates, giving voice to people who live the realities of neo-liberalism
and immigration

was the objective, and it was succesfull in many cases. But one of the
problems was the fact

that many debates were dominated by associations coming from Europe,
especially France,

making some participants say that it was an Africa-France forum. There were
some

organizational problems too, such as translations (most of the debates were
in french),

information about the events, and the fact that activities took place in 10
different places

did not facilitate participation. But anyhow, the forum was a success in
bringing together

people form different horizons, and I got to see the reality of the
altermondialist movement.

On the personal level, I got to meet Ousmane, a young Malian who was among
those

expulsed from Ceuta and Melilla last year, and I got to have the testimony
of someone who

lived what we all read and saw, and the experience was a very intense and
humbling one.

I will try to give more details once we come back in Italy, in order to keep
giving voice to

those who live the situations that we condemn.



Olivier GBEZERA



******************************************************************
5. PRESENTAZIONE DELLA TESI "IL CLIENTE IMMIGRATO:

    IL CASO ANGELO COSTA"
******************************************************************
Il prossimo lunedì, 30 gennaio, si terrà un altro incontro sul tema dell'
immigrazione,

nell'ambito dell'iniziativa "Ricerche in Progress", promossa dal Circolo
Africa.

In questo incontro, il Dott. Emiliano Pappacena presenterà il suo lavoro di
ricerca,

intitolato "Il cliente immigrato: il caso Angelo Costa", sul tema delle
rimesse degli

immigrati e la stampa etnica. Il Dott. Emiliano Pappacena si è laureato in
Sociologia

presso l'Università della Sapienza di Roma.

Nella sua ricerca, il relatore analizza come la società Angelo Costa,
partendo dal suo

core business, l'invio di rimesse tramite Western Union, ha riconosciuto per
primo in

Italia le potenzialità economiche della clientela immigrata ed in funzione
di ciò ha

diversificato la sua attività secondo le esigenze di questo nuovo soggetto,
creando la

società "Stranieri in Italia", nata con l'obiettivo di informare gli
immigrati sulle

questioni che riguardano la loro condizione.

----------------------------------------------------------------------------
-----------------------
Next Monday, January 30th, there will take place our next meeting on
immigration,

under the "Ricerche in Progress" initiative, promoted by Circolo Africa. In
this

meeting, Mr. Emiliano Pappacena will present his research "The migrant
client: the

Angelo Costa case" on migrant's remittances and ethnic press.

In his work, Pappacena analizes how the Angelo Costa society was the first
one in Italy

 to recognise the economic potentialities of migrant clients. And how it
took advantage

of it, by diversifying its activities according to the exigencies of this
new subject,

through the creation of the "Stranieri in Italia", a society whose aim is to
inform

migrant persons on questions related to their condition.





******************************************************************
6. IL CIRCOLO CULTURALE A PISTOIA
******************************************************************



Il Circolo Culturale Africa per la seconda volta è stato invitato a Pistoia
per

intervenire ad un evento organizzato da tre associazioni di immigrati in

collaborazione con il Comune di Pistoia. Il tema era l'Africa fuori o dentro

la globalizzazione e le mutilazioni genitali in Italia. L'iniziativa si è
tenuta

presso il teatro Bolognini ed oltre al dibattito era prevista anche una
serie

di assaggi di piatti etnici, un concerto di musica africana e l'esposizione
di

 bancarella etniche e di prodotti del commercio equo-solidale.

  --------------------------------------------------------------------------
-----------------------
 The CCA has been invited to participate in a conference having as the main

theme "Africa, in or out of globalization" in Pistoia at an event organized
by

three migrant's organizations and the municipality, held at the Theatre
Bolognini.

After the conference, the organization offered an ethnic buffet and there
were

several stands where the public could purchase ethnic products and fair
trade products as well.
   ******************************************************************
7. AZIONE 1 - SCAMBIO DI GIOVANI
******************************************************************
Il Circolo Culturale Africa in collaborazione con i suoi partner
internazionali

organizzerà uno Scambio di Giovani « West Europe meets East Europe 2006 »

 a Gudauri - una località sciistica nel cuore della catena del Caucaso. Lo
Scambio

 si svolgerà dal 15 al 25 Aprile 2006.

 Se hai tra i 18 e i 25 anni , parli l'Inglese, e hai voglia di incontrare
giovani di

diversi paesi, conoscere culture diverse per scoprire analogie e differenze,

rappresentare il tuo paese e la tua cultura, e combattere pregiudizi e
stereotipi

 negative, allora questo progetto è per te!

 Le domande di iscrizione possono essere inviate entro il 5 Marzo 2006.

Per ulteriori informazioni vai su http://youth.site.ge/ e scarica i
documenti

relative allo Scambio. Se avete domande da porre potete scrivere

all'organizzazione d'invio « Circolo Culturale Africa » in Italia:
sve at circoloafrica.org

 oppure all'organizzazione d'accoglienza

« Youth Club of Georgia »: youthclubgeorgia at posta.ge

 ---------------------------------------------------------------------------
-----------------------
 The Circolo Culturale Africa in collaboration with its international
partners will

organize a Youth Exchange « West Europe meets East Europe 2006 » in Gudauri

- a ski resort in the heart of the Caucasus Mountains. The Exchange will
take place

from 15 to 25 April 2006.



If you are aged between 18 and 25, you speak English, and you wish to meet
with

young people from other countries, learn about different cultures in order
to

explore similarities and differences between them, introduce your country
and

culture, and combat negative prejudices and stereotypes, then this project
is

just for you!



Applications must be submitted before the March 5th, 2006. For further

information go to http://youth.site.ge/ and download the appropriate

documents.  Should you have any questions, please write to the sending

organization « Circolo Culturale Africa » in Italy: sve at circoloafrica.org

 or to the host organization « Youth Club of Georgia »:
youthclubgeorgia at posta.ge

  ******************************************************************
8. CORSO COOPERAZIONE: TOBIN TAX
******************************************************************
Venerdì scorso, 23 gennaio, si è tenuta la quinta lezione online del corso
di base

in economia e cooperazione del Dr. Ricchiuti dell'Università di Firenze
nella

quale è stato trattato il tema della Tobin Tax. La Tobin Tax è una delle
proposte

di Attac per ridurre l'impatto delle transazioni finanziarie a scopo
speculativo e

reperire fondi per lo sviluppo dei paesi meno sviluppati. Il Dott. Ricchiuti
durante

 la lezione ha obiettato che la tobin tax non è la soluzione migliore per
gli obiettivi

che si propone. Infatti, suggerisce che basterebbe tornare all'idea
originale di

 Keynes sulle funzioni del Fondo Monetario Internazionale e comprendere a

fondo il Teorema dell'impossibilità cioè è impossibile sostenere tassi di
cambio

fissi, politica monetaria indipendente e libertà dei movimenti di capitale.
Una

di queste misure deve essere diversa altrimenti qualsiasi iniziativa
speculativa

avrà buon gioco. Creazione di aree omogenee dal punto di vista valutario
cioè aree

con un'unica moneta.
 ---------------------------------------------------------------------------
-----------------------

Last Friday, January 23rd, there had been the last theoretical class of the
online

course on international cooperation and basic economics, in which Dr.
Ricchiuti

held a lesson on Tobin Tax. The Tobin Tax is the tax proposed by Attac, a
French

NGO, with which it argues that we can reduce the impact of massive
speculative

attack to less developed countries' currencies and at the same time we can
finance

the development of less developed countries. Dr. Ricchiuti argued the Tobin
Tax

is not the right instrument to achieve such target. In fact it is better if
we go back

to Keynes original idea of IMF (International Monetary Fund) and understand
an

economics theorem which tells us we can't have a fix exchange rate, an
independent

monetary policy and a free movement of capital because in this way any
speculative

act can be deleterious.  Nevertheless, homogeneous currencies areas with
only

one currency could be a reasonable solution.


******************************************************************
9.  ELETTO IL NUOVO PRESIDENTE PORTOGHESE
******************************************************************
L'entrata in carica di Anibal Cavaco Silva, eletto Presidente della
Reppublica

Portoghese il 22 gennaio, si terrà il 9 marzo, per un madato di cinque anni.



Nei termini della Costituzione Portoghese, il Presidente eletto entra in
carico

davanti l'Assemblea della Reppublica nell'ultimo giorno del mandato del Capo

dello Stato cessante, in questo caso Jorge Sampaio.



Cavaco Silva fu eletto Presidente con il 50,59% dei voti. Nonostante il
margine

ridotto, il risultato ottenuto dal candidato sostenuto dal PSD e CDS-PP
dispensa

la realizazzione di un secondo turno.



Il socialista Manuel Alegre fu il secondo candidato più votato, con il
20,72%

dei voti, ottenendo 6% in più del candidato ufficiale del PS, Mario Soares

(14,34%). Si sono seguiti Jerónimo de Sousa, con il 8,59%; Francisco

Lousã, con il 5,31%; e Garcia Pereira, con il 0,44%.



Dei 8.830.356 elletori iscritti in Portogallo continentale, nella Madeira e

negli Azores, votarono 5.528.934, ciò che rappresenta un tasso di

partecipazione di 62,61%. Fu contabilizato l'1,06% dei voti in bianco

e il 0,79% dei voti nulli.



Dei 4260 comuni manca apurare soltanto due, ciò che non avrà nessuna

influenza sul risultato finale. I due che mancano sono il comune di Pinhão

e quello di Passos, che non hanno nemmeno dato inizio alla votazione -

il primo grazie al suposto furto di materiale appartenente ad alcuni
elementi

del tavolo elettorale e il secondo grazie a un boicottaggio elettorale.



(fonte: www.publico.pt)

----------------------------------------------------------------------------
-----------------------
On March 9th will take place the official entry into charge of Aníbal Cavaco
Silva,

elected as President of the Portuguese Republic.

According to the Portuguese Constitution, the elected president is invested
on the

 last day of the mandate of the retiring Chief of State, in this case, Jorge
Sampaio.

Cavaco Silva has been elected president with 50,59% of the votes. Despite
the

close competition, the result obtained by the candidate leaves no need to a
second round.

The socialist candidate, Manuel Alegre, was the second most voted candidate



with 20,72% of the votes, obtaining 6% more votes than the official PS
candidate,

Mario Soares (14,34%). They were followed by Jerónimo de Sousa with 8,59%;

Francisco Lousã, with 5,31%; and Garcia Pereira, with 0,44%.

Out of a total of 8.830.356 voters registered in continental Portugal and in

Madeira and Azores islands, 5.528.934 of them have voted, what represents

a participation share of 62,61%. The number of blank votes amounted to 1,06%

and those considered invalid to 0,79%.



******************************************************************
10. IN CILE UNA PRESIDENTE DEL CENTRO SINISTRA

******************************************************************
Il percorso di Michelle Bachelet, la prima donna presidente in Sud America
eletta

dal voto popolare, si confonde con la storia recente del Cile.

Michelle, 54 anni, madre celibe di 3 figli - nati di 2 padri diversi, dai
quali è

divorziata in un paese in cui il divorzio venne legalizzato soltanto nel
2004 -

è la candidata socialista che ha vinto le elezioni presidenziali in Cile il
15

gennaio, con 53,22% dei voti.

Nata il 29 settembre 1951 a Santiago, Verónica Michelle ha girato tutto il

Cile durante la sua infanzia, con suo padre, pilota militare. Nel 1970,
inizia

 i suoi studi in Medicina e aderisce alla Gioventù Socialista. Nell'11
settembre

1973, data del colpo di Stato di Augusto Pinochet, suo padre, un generale
delle

Forze Aeree molto vicino al presidente socialista Salvador Allende, venne
arrestato

e morto sei mesi dopo a causa delle torture subite.

Michelle prosegue i suoi studi, mentre aiuta segretamente delle persone

perseguitate dal regime. Tuttavia, il 10 gennaio 1975, è arrestata, insieme

 a sua madre, dai servizi segreti e condotta a Villa Grimaldi, centro di
tortura

e dittatura. Liberate alla fine del mese, madre e figlia partono in esilio
in Australia.

Nel 1979, già madre di Sebastian, nato l'anno prima, ritorna in Cile, dove

ottiene nel 1982 il suo diploma di chirurgia non trovando però lavoro nel

sistema pubblico di salute "per ragioni politiche". Grazie a una borsa di

studio, si specializza in pediatria e salute pubblica. Francesca, sua
figlia,

nasce nel 1984. Intanto, Michelle lavora per una ONG di sostegno ai figli di

vittime della dittatura.

Dopo la transizione democratica (1990), si impegna come medico di base,

membro della Comissione Nazionale contro l'Aids e consulente

dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Essendo dell'opinione

che il Partito Socialista, nel quale milita, conosce male il ruolo dell'
esercito,

lei studia strategia militare a Santiago e dopo difesa continentale a
Washington.

Nel 2000, il presidente Lagos le affida il Ministero della Sanità e una

grande riforma del settore. Nel 2002, è la prima ministro-donna della

Difesa nell'America Latina e, nel 30º anniversario del colpo di Stato di

Pinochet, difende una riconciliazione storica tra civili e militari. Da
questo

punto in poi la sua popolarità non cesserà più di crescere.

(Fonte: www.rtp.pt)

----------------------------------------------------------------------------
------------------------------
The life story of Michelle Bachelet, the first female president in South
America, is closely

related to Chile's recent history.



Michelle, 54 years-old, single mother of 3 children - born of 2 different
fathers, from

 whom she divorced in a country where divorced was legalized in as late as
2004 -is

the socialist candidate that has won the presidential elections in Chile on
January 15th,

with 53,22% of the votes.



Born on September 29th 1951 in Santiago, Verónica Michelle has travelled all
over

the country in her childhood with her father, a military pilot. In 1970, she
starts her

studies in medicine and adheres to the Socialist Youth. On September 11th
1973, day

of the Augusto Pinochet's coup d'état, her father, a general and a close
friend to the

socialist president Salvador Allende, was arrested and died 6 months later,
tortured by his colleagues.



Michelle continues her studies, while secretly helping people being
persecuted by

their political views. Nevertheless, on January 10th 1975, she was arrested,
together

with her mother, by the secret services and then taken to Villa Grimaldi, a
centre of

torture and dictatorship. Released at the end of that month, both Michelle
and her

mother go to exile in Australia.


In 1979, having given birth to Sebastian the year before, she returns to
Chile, where

the gets her diploma in surgery, in 1982, but could not find a job on the
public

system due to "politic reasons". Thanks to a grant, she specializes in
paediatrics

and public health. Her daughter, Francesca, was born on 1984. Meanwhile,

Michelle works for a NGO which helps the children of the victims of
dictatorship.


After the democratic transition (1990), she works as a doctor at the public

service, member of the National Committee against Aids and consultant for

 the World Health Organization (WHO). Considering that the Socialist Party

is not quite conscious of the role of the army, she studies military
strategy at

Santiago and, later on, continental defence in Washington.



In 2000, president Lagos puts her in charge of the Ministry of Health and of

a deep reform in the sector. In 2002, she was the first female minister of

defence in South America and, by occasion of the 30th anniversary of
Pinochet's

coup d'état, she defends a reconciliation between the military and the civil

society. From then on, her popularity hasn't ceased to grow.


 ******************************************************************

  Il numero 3 di questa newsletter è stato spedito a 11.442 indirizzi, per
  segnalazioni e suggerimenti scrivete a segreteria at circoloafrica.org.

  I prossimi numeri usciranno:
  7 e 21 febbraio,
  7 marzo.

  --------------------------------------------------------------------------
-----------------------
  The number 3 of this newsletter has been sent to 11.442 addresses.

  For suggestions please contact:

  Circolo Culturale Africa
  via San Spiridione, 5/a
  60100 Ancona
  Italia
  Tel. +39/071/2072585
  Web site: www.circoloafrica.org


  ******************************************************************

  Nel rispetto della Legge 675/96 sulla privacy, a tutela di persone e altri
soggetti rispetto al trattamento di dati personali, questo indirizzo e-mail
proviene da richieste di informazioni o da elenchi (newsgroup). Per
cancellarsi è sufficiente inviare un'e-mail a: segreteria at circoloafrica.org
con la richiesta CANCELLAMI.

  If you do not want to receive any more our newsletter please send an email
  requesting DELETE ME.

  ******************************************************************