[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Storia di un viaggio: le migrazioni



 

 

 





La Culture Factory di Roma della Fondazione Eni Enrico Mattei

all'interno del progetto Confini: la città multiculturale

Presenta:
                                                               

                                                                         STORIA DI UN VIAGGIO: LE MIGRAZIONI


Le migrazioni femminili indipendenti: il caso delle donne capoverdiane

VENERDI' 24 FEBBRAIO
18.00/20.00

Presso la sede della
Culture Factory
Via del Commercio 1/B
Tel.06 57 39 70 81
06 57 28 86 62
Per ragioni organizzative si prega confermare adesione a michela.maggiani at feem.it o telefonicamente 0657288662/0657397081


Intervengono:
Prof.ssa CaludiaZaccai, Università di Roma "La Sapienza"
Dott.ssa Martina Giuffré , Università di Roma "La Sapienza"



[…]Negli ultimi anni si assiste sempre più ad un fenomeno di femminilizzazionedelle migrazioni che ha assunto caratteristiche e significati diversi rispetto al modello tradizionale di migrazione maschile, stravolgendo in alcuni casi le relazioni di genere. Fino alla fine degli anni Ottanta il tema delle migrazioni femminili indipendenti è stato molto trascurato ed è prevalsa la tendenza da parte degli studiosi della materia a considerare le donne migranti unicamente come mogli a seguito del proprio marito. Oltre però alla "questione numerica", ciò che si rivela di grande interesse oggi è il crescente ruolo autonomo delle donne nei processi migratori a livello mondiale. Un caso esemplare di questo nuovo tipo di emigrazione è quello delle donne migranti capoverdianedi Santo Antao.


                                               Con il Patrocinio della Presidenza della Regione Lazio e
[IMAGE]
[IMAGE]

                                                                                                       










Michela Maggiani
Fondazione Eni Enrico Mattei
Culture Factory
Via del Commercio 1/b
00154, Roma
Tel. +39 06 57 28 86 62
Fax +39 06 57 46 606
Cell. 348 359 46 19