[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Newsletter Chiama l'Africa




Chiama l'Africa

Newsletter | Mercoledì 21 maggio 2006

Chiama l'Africa

Viale Baldelli, 41 - 00146 Roma

T +39.06.54.15.730

F +39.06.59.600.533

W <http://www.chiamafrica.it>www.chiamafrica.it

E <mailto:info at chiamafrica.it>info at chiamafrica.it




Care amiche e cari amici, prima della pausa estiva, che vi auguriamo sia
serena e piacevole, vi segnaliamo i prossimi impegni che come Chiama
l?Africa vogliamo portare avanti.

L?assemblea generale di Chiama l?Africa si svolgerà il 24 giugno prossimo
alle 10.30 a Bologna, presso la sede regionale della Cisl, in via Milazzo
16. Durante il nostro incontro si farà un bilancio dei 10 anni di attività
di Chiama l?Africa e delle prospettive future, soprattutto in seguito al
Convegno L?Africa in piedi con volto di donna e alle proposte da esso
scaturite. Vi invitiamo a partecipare numerosi.

E? in scadenza il 23 giugno prossimo il bando per Chiama l?Africa di 4
volontari/e del servizio civile per le sedi di Roma, Vicomero di Parma,
Ferrara e Fano.  Principalmente i volontari si occuperanno
dell?organizzazione de I Martedì dell?Africa, appuntamenti mensili di
approfondimento sulle realtà africane. Per maggiori informazioni, potete
leggere il bando completo sul nostro sito
<http://www.chiamafrica.it/>www.chiamafrica.it

Sono passati 30 anni dalla rivolta di Soweto. Da allora, l?apartheid non
esiste più, e benché con molte difficoltà e contraddizioni, il Sudafrica è
oggi uno dei paesi forti del continente africano. Sul sito, un articolo di
Eugenio Melandri.

Anche se forse non dovremmo dirlo, ma come Chiama l?Africa pensiamo che al
prossimo referendum costituzionale del 25 e 26 giugno bisogna votare NO.
Amiamo la nostra cara Costituzione, e speriamo che il suo ?ammodernamento?
riesca a coinvolgere il Parlamento tutto, e non solo una sua parte.
Inoltre, un momento tanto importante per la vita di un paese non può essere
trattato in modo superficiale e senza coinvolgere innanzitutto i cittadini
italiani. Sempre sul sito, un approfondimento di Ettore Masina spiega bene
le ragioni del nostro NO.


Ti è arrivata questa mail perché risulti iscritto alla newsletter di Chiama
l'Africa. Ai sensi degli articoli 7,8,9 del Dlgs 193/2003 puoi richiedere
in ogni momento la cancellazione da questa mailing list. Per cancellarti
invia un messaggio a <mailto:info at chiamafrica.it>info at chiamafrica.it
scrivendo nell?oggetto CANC NEWS