[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

elezioni Congo: aggiornamento 30 luglio



Comunicato per lista amici n. 6

 

Bukavu, 30 luglio 2006

 

 

Al gruppo di coordinamento sono continuati ad arrivare gli strascichi, per la maggior parte ottimali,  delle visite dei nostri osservatori ai luoghi di osservazione e dei loro incontri di venerdì scorso con le autorità locali e con i presidenti dei centres de vote. 

A Baraka Mirko e Andrea si sono confrontati con tutti gli osservatori nazionali in loco, mentre a Shabunda Roberto e Marco hanno visitato l?ospedale. Nuovo momento di formazione per Loretta e Silvia a Cahi, Bukavu, e per Ismaele e Valentina a Butembo. Qui, raccontano, la campagna elettorale è stata molto allegra e si è svolta con concerti di bande musicali quasi ?porta a porta?.   

Grande entusiasmo è presente anche nelle due équipes di Goma: Mariangela e Patrizia ci fanno sapere che non vogliono più rientrare a casa, perché tutto lì ?è una meraviglia?, mentre Katia, Maurizio e Nino scrivono: «Abbiamo incontrato 50 rappresentanti della parrocchia e toccato con mano le loro speranze, le loro paure. Siamo tutti congolesi!».

 

Sabato è stata, invece, la giornata del silenzio. Un silenzio rispettato dappertutto - ci hanno segnalato i nostri osservatori - con grande senso civico da parte della popolazione.

Marta e Annachiara, da Uvira, rimarcano che tanto era il caos nella città fino a tarda sera di venerdì 28, quanto sabato tutto appariva tranquillo. I manifesti di propaganda sono stati tutti strappati, anche quelli incollati alle macchine. Alle ore 14, il 70% dei loro bureau era pronto. Da Walungu, Ivana, Paolo e Daniele ci scrivono: «Qui SK8 tutto alla grande? siamo carichi come delle molle e? anche la popolazione! A presto e buon lavoro anche a tutti voi!».

Rimane invece logisticamente problematica la situazione di Minembwe. Paolo e Noemi sono isolatissimi e difficili risultano le comunicazioni. I centres de vote sono così lontani tra loro che pensano di riuscirne a visitare solo uno, che comprende sette bureaux. Le uniche due auto a Minembwe sono quelle a disposizione della CEI e della Monuc, e l?équipe non è certa di poter essere accompagnata. I nostri sono stati presentati alla polizia locale, perchè si ritiene che la loro presenza possa servire a evitare le tensioni presenti tra i Bagnamulenghe: qui, comunque, la campagna elettorale non è stata accesa, il coinvolgimento popolare è minore e si attende un basso numero di votanti.

Dal Nord Kivu, anch?esso toccato dal silenzio elettorale in maniera quasi capillare, arrivano altre notizie. A Goma, si osserva l?erroneo arrivo di schede elettorali destinate a Beni/Butembo, suscitando un po? di preoccupazione nei seggi perché si presuppone che schede destinate a Goma siano state spedite nelle altre due città. L?altro team di osservatori presenti in città (NK25) rimarcano invece le tensioni nate tra i membri dei seggi elettorali, che non ricevono compenso, acqua e cibo da una settimana e minacciano d scioperare, con il rischio di far saltare le elezioni se la situazione persiste. Così un gruppo di militari, poliziotti e addetti della Monuc (per un totale di circa 60 persone) si sono recati nei vari seggi, accompagnando l?addetta alla sicurezza della CEI, per tranquillizzare i membri.

A Masisi Daniele e Donata sono stati informati che il presidente della CEI locale è stato minacciato di morte, chiedendo di essere sostituito, ma da Kinshasa è arrivato parere sfavorevole, poiché non è stato trovato un sostituto. Questo crea un po? di preoccupazione?

Davanti alla CEI di Rutshuru è stata rilevata una lunga fila di persone che richiedevano il duplicato della tessera elettorale, o perchè persa o perchè rubata da ribelli nei villaggi. La CEI è riuscita a duplicare solo 700 schede, mentre i richiedenti erano 3000: questo preoccupa Federico  Vania che temono che domani si creino disordini, visto il gran numero di persone impossibilitate a votare. Ma - ci confermano - la sicurezza a Rutshuru ora è buona.

Episodio spiacevole, invece, per la troupe RAI che viaggia con noi e che era stata nei giorni scorsi a visitare Matanda. L?autista che doveva prelevarli a Goma, infatti, si è presentato all?appuntamento con 30 minuti di ritardo: per riparare, non si è fermato a un blocco di militari che hanno rincorso e fermato la macchina. L?autista è stato malmenato e portato in carcere, mentre i giornalisti sono stati accompagnati dai militari stessi al battello.

C.A.

 

 

 

........................
Mariagrazia Bonollo
Ufficio Stampa
Via Corner 1
36016 Thiene (VI)
0445 812321
348 2202662
---------------------------------
Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 si precisa che le informazioni contenute in questo messaggio sono riservate ed a uso esclusivo del destinatario. Qualora il messaggio in parola Le fosse pervenuto per errore, La invitiamo ad eliminarlo senza copiarlo e a non inoltrarlo a terzi, dandocene gentilmente comunicazione. Grazie.
 
Pursuant to Legislative Decree No. 196/2003, you are hereby informed that this message contains confidential information intended only for the use of the addressee. If you are not the addressee, and have received this message by mistake, please delete it and immediately notify us. You may not copy or disseminate this message to anyone. Thank you.