[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CONGO AL BALLOTTAGGIO: TRANQUILLA LA VIGILIA DEL VOTO, A PARTE QUALCHE INFRAZIONE



 
Inviamo il comunicato giunto ieri sera a tarda ora dagli osservatori dellla societa' civile italiana nella Rep.Dem.del Congo, con invito alla pubblicazione. Buon lavoro e grazie!!
 
mariagrazia bonollo
uff.stampa Bcp
348 2202662
 
 
Beati i costruttori di pace?

Associazione Nazionale di Volontariato - Onlus

Iscritta al Registro Regionale delle OO.VV. (L. Reg. Veneto n° 40/93)
con D.P.G.R. n° 46 del 12/2/98 (N° Classificazione PD0331)

Associata al Dipartimento di Pubblica Informazione delle Nazioni Unite

 

 

Bukavu, 28 ottobre 2006

 

Repubblica Democratica del Congo:

giornata di silenzio pre-elettorale, (con qualche infrazione). Bureaux de vote allestiti in tutto il Paese: arrestato per favoritismo un presidente di seggio nel Nord Kivu. Uditi tre colpi di mortai provenienti dal Rwanda. Celebrati i dieci anni dall?assassinio del vescovo Munzihirwa

 

 

Giornata di silenzio pre elezioni oggi nella Repubblica Democratica del Congo. A partire dalla mezzanotte di ieri vietati comizi, cortei, manifestazioni di preferenze di voto. Anche i cartelli e gli striscioni sono stati tolti nottetempo dai muri e dagli alberi.

Gli osservatori italiani giunti per monitorare il voto hanno registrato solo sporadici episodi di violazione del divieto, per esempio nella città di Goma (dove sono rimasti esposti i cartelloni propagandistici) e nel territorio del Masisi (dove sono state distribuite magliette di sostegno alla fazione filo rwandese).

 

In tutto il Paese sono stati nel frattempo allestiti i seggi elettorali, anche se si registrano alcuni ritardi e difficoltà, in parte dovute alla mancanza di elettricità.

 

In mattinata è inoltre giunta la notizia dell?arresto di un presidente di seggio nel villaggio di Buganda, a cinque chilometri da Nyamilima, nel Nord Kivu. Il presidente è accusato di aver tentato di sostituire i membri prescelti del seggio con propri conoscenti. La denuncia è arrivata direttamente dalla Commissione elettorale indipendente (Cei) locale. L?incarico è stato affidato ad altri e la situazione normalizzata.

 

Sempre questa mattina sono stati distintamente uditi tre colpi di mortaio. Secondo la Monuc si tratterebbe di colpi esplosi nel vicino Rwanda, nel tentativo di accrescere la tensione al di qua del confine.

 

Almeno tremila persone hanno partecipato oggi, nonostante la pioggia, alla celebrazione in ricordo del vescovo Christophe Munzihirwa, assassinato a Bukavu la sera del 29 ottobre 1996, esattamente dieci anni fa.

Un lungo corteo è partito dal luogo dell'assassinio, oggi ribattezzato Place Munzihirwa, alla volta della cattedrale dove il vescovo è sepolto.

La partecipazione è stata molto intensa, anche perché  Munzihirwa era molto amato dalla gente comune. Là l'attuale arcivescovo, mons. Francois Xavier Maroyi, ha presieduto a una celebrazione eucaristica con la benedizione della tomba.

 

Mons. Munzihirwa era stato l'unico a denunciare con coraggio di fronte al mondo intero che già nel 1996 si stava pianificando un massacro dei rifugiati rwandesi hutu presenti nel Kivu, e al tempo stesso l'invasione della regione da parte degli eserciti di Rwanda, Burundi e Uganda.

Una settimana esatta prima di essere assassinato, dopo una dichiarazione sulla situazione reale della regione, aveva detto: ?Oggi mi sono giocato la vita: ho sottoscritto la mia condanna a morte?.

 

Il vescovo ha avuto il coraggio di dire la verità di fronte alle autorità e alla comunità internazionale, per proteggere la popolazione, sia congolese che rwandese presente in Congo, dalla violenza del conflitto e dell'invasione del Paese.

 

Durante gli attacchi che avrebbero portato all'occupazione della città, il vescovo era l'unica autorità rimasta presente accanto alla propria gente. Dai microfoni della radio, continuava a incitare la popolazione a non fuggire di fronte all'invasione, e di restare sulla propria terra.

 

In Place Munzihirwa è posta sin dal 2002 un'effige nel vescovo assassinato. Nel 2004, durante una delle occupazioni della città, i militari stranieri la colpitono con 16 colpi di arma da fuoco. Da allora la gente continua a porvi dei fiori nei fori delle pallottole.

 

Da oggi a quest'effige ne è stata affiancata un'altra: ritrae l'arcivescovo martire vestito con un semplice cappotto, come era solito vestire senza nessuna insegna episcopale, girando a piedi come la gente comune.

 

Ufficio stampa: Mariagrazia Bonollo, 348 2202662

Ufficio stampa Bukavu: Pietro Raitano, uedrino at libero.it ? tel. 00243.81.28.64.688

(PER INFORMAZIONI, APPROFONDIMENTI, INTERVISTE E FOTO)