[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Newsletter Anno 5, n. 7 -18 aprile 2007



NEWSLETTER DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E RICERCA PER LA CITTADINANZA ATTIVA

Anno 5, n. 7 -  18 Aprile 2007

A cura di Gabriele Sospiro
Con la collaborazione di: 
Olivier Gbezera (OG)
Gabriele Sospiro (GS)
Paolo Sospiro (PS)
Lena Alex (LA)
Radost  Peeva (RP)
Silvia Sorana (SS)

*************************************************************
INDICE 
1.   FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO E MILANO CENTRALE
2.   MIA ESPERIENZA DELLO SCAMBIO
3.   CONCORSO FOTOGRAGFICO
4.   FESTA DELL'EUROPA
5.   SVE NELL TERZO MONDO
6.   GLI EFFETTI DI DIVIETO DI FUMARE
7.   ELEZIONI PRESIDENZIALI IN FRANCIA: IL TEMA DELL'IMMIGRAZIONE
8.   FESTA DEI POPOLI 2007
9.   LA PROVINCIA DI ANCONA E LE PROSSIME ELEZIONI

****************************************************
1. FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO E MILANO CENTRALE
****************************************************
Festival del Cinema Africano ad Ancona 

La sesta edizione del Festival di Cinema Africano di Ancona si è svolta da
poco, e anche quest?anno abbiamo provato a far scoprire i diversi aspetti
del cinema di quel continente. Anzi, vista la diversità di genere, sembra
giunta l?ora di parlare dei diversi ?cinema? africani. Cosi siamo passati
dalla serietà del classico ?Tilaï? di Idrissa Ouedraogo, Gran Premio della
Giuria a Cannes nel 1990 che tratta dello scontro tra tradizioni e
sentimenti, all?umorismo di ?André?, che rompe tutti i cliché di quello che
dovrebbe essere un film africano. È un film che tratta dell?Africa, degli
africani, girato in Africa o da africani? Che tratta di politica, tradizioni
o difficoltà? E, tra l?altro, cos?è africano, chi è Africano? Ari Kruger e
Daniel Zimbler del Sudafrica fanno a meno di queste domande per concentrarsi
sullo sfortunato André ed i suoi sogni di celebrità. Dal Maghreb ci sono
arrivati ?Rome plutôt que vous? di Tariq Teguia, sconcertante storia della
speranza di un?altrove cosi distante che non compare mai. ?Le rendez-vous?
di Sarra Abidi tratta di un?altra disillusione, ossia dell?amore ingannatore
che si trasforma in un?inquietante passeggiata nella Tunis notturna. ?La
pelote de laine? di Fatma Zohra Zamoun tratta della difficile vita
quotidiana di una donna immigrata in un?anonimo appartamento francese, che
tuttavia trova, oltre le parole, un modo di comunicare e di sperare in
giorni migliori. Dall?Etiopia, abbiamo avuto la fortuna di proiettare
?Menged? di Daniel Taye Workou, vincitore del Premio del Miglior
Cortometraggio a Milano, divertente adattamento di una favola etiope che il
regista riesce a confrontarre in modo ironico con il mondo ambiguo della
cooperazione. Infine, ?Milano Centrale? di Alan Maglio, viaggio senza
pretese in uno spazio di passagio trasformato in luogo di vita da una
popolazione diversa, complessa e che chiede poco di piu che farsi sentire.
Cosi abbiamo provato a dare diversi punti di vista su un tema che ci
interessa, sperando che la diversità di generi, di provenienze e di
tematiche siano riuscite a trasmettere la complessità, spesso trascurata,
dell?Africa di oggi. 


?Milano Centrale?(Alan Maglio)

Nel suo primo film, il fotografo Alan Maglio ci mostra un luogo di cattiva
riputazione, visibile da molti, ma conosciuto da pochi. Si tratta di ?Milano
Centrale?, che il giovane regista milanese ci mostra, ci presenta, senza mai
aggiungere il suo parere, anzi, lasciando la telecamera riprendere i
protagonisti mentre assumono ruoli, finché non tornino improvvisamente alla
quotidianità. Questa quotidianità che pochi provano a capire, vedendo spesso
quelli che circondano la stazione solo come immigrati, africani, neri,
clandestini o ladri, e quasi mai come donne e uomini, giovani ed anziani,
con storie, belle o tristi, con lavori, legali o in nero, che ridono e
piangono, fieri del paese di origine quanto contenti di vivere in Italia. Un
approccio nuovo, originale, senza morale, con l?unico scopo di dare una
testimonianza, per quanto piccola, sulla realtà di donne e uomini che il
regista conosce da anni e che hanno colto l?opportunità di fare sentire la
loro voce, di farsi vedere come sono, cioè come tanti altri. Presente ad
Ancona, Alan Maglio ci ha rilevato la sua intenzione di proseguire in questa
via, mettendo sotto la luce quelli che alcuni pensano poter conoscere, e
giudicare, attraverso i telegiornali e qualche articolo. Un approccio che
prova ad andare oltre sia la diffidenza sia il buonismo, per finalmente
raggiungere una relazione onesta tra uomini e donne diversi che lavorano e
vivono insieme e che sono fermamente intenzionati a costruire insieme una
nuova società cosciente dei cambiamenti già avviati da tempo. Si consiglia
di visitare il sito del regista e magari richiedere una copia del
documentario inviando una mail.

Per maggiori informazioni : www.alanmaglio.com

Ancona African Movie Festival

The sixth edition of the Ancona African Movie Festival took place last week,
and, much as the previous years, we tried to offer the opportunity to
discover various aspects of African movies. Actually, given the diversity of
today?s production on the continent, maybe is it time to move on from the
restrictive ?African movie? etiquette. Starting with Idrissa Ouedraogo?s
classic ?Tilaï?, 1990 Grand Prix of the Jury in Cannes, whose subject is the
confrontation between tradition and feelings, we closed the festival with
?André?, who goes beyond all clichés of what an ?African movie? should be.
Should it be a movie whose subject is Africa, Africans, made in Africa or by
Africans? Whose subject is tradition, politics, or difficulties? And, by the
way, what/who is African? Ari Kruger and Daniel Zimbler form South Africa
couldn?t care less, as they focus on André?s bad luck in his quest to
stardom. From the Maghreb came ?Rome plutôt que vous?, by Tariq Teguia, an
unsettling search for an elsewhere so elusive it hardly ever appears. ?Le
rendez-vous? by Sarra Abidi is the story of another disillusion, that of a
delusive love that turns into a worrying walk into Tunis? night life. Fatma
Zohra Zamoun covers the daily hardships of an immigrated woman in an
anonymous French apartment in ?La pelote de laine?, who somehow finds a way
beyond words to communicate and hope for better days. We then had the
pleasure of screening Daniel Taye Workou?s ?Menged?, winner of the Best
Short Film prize in Milan, a humoristic adaptation of an Ethiopian fairy
tale that the director finds a way to ironically confront with the
ambiguities of cooperation policies. Last but not least, ?Milano Centrale?
by Alan Maglio is an unpretentious journey in a transit area transformed
into a space lived and enjoyed by a diverse and complex population, who
doesn?t ask for much more than a listening ear (more on this movie in the
next article).  Hopefully we were successful in displaying various points of
view on an issue that concerns us, using the diversity of genres,
provenance, and thematic to relay the complexity, often overlooked, of
today?s Africa.   

?Milano Centrale? (Alan Maglio)

In his first movie, photographer Alan Maglio shows us a place with a bad
reputation, visible to many but known by few. In ?Milano Centrale?, the
young movie director shows us, presents us the city?s main train station, or
rather lets the camera record its outskirts as protagonists take on roles,
before suddenly turning back to everyday life. That very everyday life that
few try to understand, seeing those around the station only as immigrants,
legal or not, Africans, blacks, robbers, while hardly ever considering them
as men and women, young or old, with stories, happy and sad, with jobs,
legal or not, who laugh and cry, who are proud of their home country and
just as happy to be in Italy. A new approach, original, without moral pushed
down your throat, whose only goal is to give a testimony, how small it may
be, of the realities of women and men that the director has known for years
and who seized the opportunity to express themselves and show how they are,
like so many others. In attendance in Ancona, Alan Maglio expressed his hope
to continue working in this direction, shedding light on those that some
think they can know, and judge, by watching the news or reading a couple of
articles. An approach that tries to go beyond distrust as much as much as
goodism, to finally reach an honest relationship between different men and
women that have to interact together, to work together, live together and
built a new society fully conscious of the changes long initiated. 

For more information: www.alanmaglio.com

Olivier Gbezera

*************************************************
2. MIA ESPERIENZA DELLO SCAMBIO
*************************************************
As my 6th month of my EVS has already started, I had the chance to take part
in another fabulous Youth Exchange experience, here in Ancona. As my
previous experience in past youth exchanges, I met great, enthusiastic and
motivated young people. The most fascinating part of the project was the
fast and excellent integration of the participants. Even though coming from
very different parts of Europe, the young people managed to create a great
working environment together and at the same time to enjoy their free time
effortlessly. The integration was natural. It was surprising to realise that
they didn?t have to work hard to become closer, it was a smooth and easy
process, from which many good friendships were born. I believe that the
integration of Europe is in the stake of the opinions of young people, such
as these ones. What I saw was openness, friendliness and tolerance, the
things that were missing were scepticism, ignorance and prejudices. This
made me believe that our cause for the integration of the European nations
through the European Union is to give birth to a new generation of free,
open and tolerant individuals. This gives us hope to believe that we can
have a future as Europeans and a future free of fear, relying on the young
people to continue their integration and to discover their similarities and
not to contemplate on their differences.

Come la mia esperienza precedente che avevo in altri scambi giovanile
passati, ho incontrato tante giovane appassionate, entusiastiche e motivati.
Durante il mese 6 del mio SVE già ha iniziato, ho avuto l?opportunità di
partecipare in nuovo Scambio giovanile meraviglioso, qua in Ancona.
L?integrazione era genuina. Stava sorpresendo di trovare che sono non hanno
dovuto lavorare duro per diventare più vicino, era un processo facile e
liscio da cui tante amicizie sono state sopportate. La parte più
affascinante del progetto era il integrazione veloce ed eccellente dei
partecipanti. Anche se vengono dalle parte molto diverse di Europa, i
giovani sono riusciti a creare una atmosfera buonissima di lavoro insieme e
anche sono riusciti di divertire senza pensiero. Io credo che l?integrazione
dell?Europa è nell?opinione dei giovanile, come questi. Ho visto socievole,
cortesia, affettuosità, le cose che mancavano era ascetismo, ignoranza e
pregiudizio. Questo mi fatto credere che nostra causa per l?integrazione
delle Nazione Europei mediante l?Unione Europea è per dare nascita a un
nuova generazione del popoli liberi, aperti e tolleranti. Questo darci
fiducia che noi possiamo avere un futuro libero, senza paura come Europei
uniti, contiamo sui giovanile per continuare loro integrazione e scoprire
loro somiglianti e non contemplare sul sui differenzi. 

Radost Peeva

************************************************************************
3. CONCORSO FOTOGRAGFICO
************************************************************************
Stiamo organizzando la festa dell?Europa che si terrà il 9 maggio 2007, in
occasione dell?anniversario del Trattato di Roma del 1957. Si prevede un
seminario nel quale si discuteranno le opportunità offerte dall?Unione
Europea ai giovani ed il percorso effettuato dall?Unione nell?arco di questi
50 anni. Poi è prevista una serata con aperitivo e concerto. Invitiamo tutti
voi  a partecipare alla preparazione di questo evento inviandoci foto che
possano descrivere, secondo voi, l'europa e il processo di integrazione
dell'UE dal punto di vista dei giovani. Nell'occasione si intende premiare
la migliore foto o foto collage con un viaggio per due persone in una
capitale europea per tre giorni e due notti. 

REGOLE  per partecipare al concorso fotografico: 
si possono inviare al massimo 3  fotografie  o foto collage a persona  
in forma digitale a :  
evs at circoloafrica.org 
con  
oggetto: Immagini a l'Europa 
Date un titolo a ogni foto
scadenza : 20. Aprile
Il premio: due notte/tre giorni in un capitale di Europa  x due persone.

*************************************
4. FESTA DELL'EUROPA
*************************************
PROGRAMMA 
17.30 Seminario: 
Presentazione della Storia europea e del processo dell 'integrazione della
Unione  Europea  dal titolo 
? I giovani e l'Europa a 50° anni dal trattato di Roma"
Presentazione de i risultati dello Youth Summit  Ancona e Roma
Presentazione Programmi europei per i giovani
Presentazione esperienze dei giovani 
Discussione aperta
19.30  Mostra fotografica con Aperitivo:
Presentazione  delle foto del concorso fotografico 
Premiazione del vincitore del concorso
20.30 Concerto
22.00 Party
Vj e Dj 
presso il Thermos
Via San Martino 10
organizzato dal Circolo Culturale Africa
per maggiori informazioni contattateci:
Vicolo S. Spiridione 5/a
60100 Ancona
Tel./Fax: 071 20 72 585
evs at circoloafrica.org
www.circoloafrica.eu

**************************************************
5. SVE NELL TERZO MONDO
**************************************************
Il nuova programma di Gioventù offra cooperazione con ?altri paesi partner
nel mondo?. 
Questa azione mira a sostenere progetti che promuovono la cooperazione tra i
paesi partecipanti al programma (Paesi di UE, Sud Est Europa e dal Est
Europa) e tutti altri paesi del mondo con confinanti con l?Unione europea
(paesi dal EuroMed).
Obiettivi di questa cooperazione nel campo del lavoro giovanile e della
politica della gioventù sono:

Scambi di esperienze e di buone pratiche nel campo della gioventù e
dell?istruzione non formale;
Sostegno alla formazione e allo sviluppo di organizzazioni giovanili e di
singoli che operano nel campo dell?istruzione dei giovani e dell?istruzione
non formale;
Sviluppo/rafforzamento di partnership e di reti fra organizzazioni
giovanili;
Sostegno alla cooperazione tematica in campo giovanile tramite scambi
multilaterali e bilaterali. 

La priorità di Unione ai progetti che coinvolgono i paesi dell?America
Latina, dell?Africa, dei Carabi e del Pacifico e dell?Asia.
Le candidature ammissibili vengono esaminate sulla base dei criteri di
ammissibilità e di assegnazione fissati negli inviti a presentare proposte.
Le priorità tematiche e/o regionali saranno fissate annualmente attraverso
gli inviti a presentare proposte. 


I meccanismi di sovvenzione e le regole di finanziamento verranno definiti
nel testo dell?invito a presentare proposte.
I beneficiari vengono selezionati sulla base degli inviti a presentare
proposte annuali. Per ulteriori informazioni sui moduli di candidatura e sui
termini, consultare il sito web della Commissione o rivolgersi all?Agenzia
esecutiva istruzione, mezzi audiovisivi e cultura a Bruxelles.

Per il ? Youth in Action programme guide?: 
http://ec.europa.eu/youth/yia/index_en.html#guide

********************************************
6. GLI EFFETTI DI DIVIETO DI FUMARE
********************************************
L?esposizione al fumo di tabacco presente negli ambienti è evidente con il
nuovo divieto di fumare in Galles, Regno Unito. L?azione coordinata per
?Europa senza fumo? è una delle priorità della politica di UE in tutti paesi
membri con suo motivazione limitare ?fumo passivo? e diminuire morbosità e
mortalità causata di fumo.
Tuttavia,  oltre a effetti positive ovvi che sono presenti da divieto di
fumare attualmente e per il futuro sulla società, cosa è il costo economico?
Galles sta unendo nel circolo dei paesi, Irlanda, Italia, Malta, Scozia,
Svezia, che già sono adottati il imposto completato sul fumo nei ambienti
pubblici. I dati provenienti da alcuni Stati membri da sopra e altri paesi
permettono di affermare che l?esposizione al fumo passivo genera costi
privati e sociali enormi, ma il costo per l?Unione europea deve ancora
essere stimato. I costi diretti connessi all?aumento della spesa sanitaria
dovuto alle malattie causate dal fumo e i costi indiretti derivanti dalle
perdite di produttività e di entrate fiscali e contributive conseguenti
all?uscita dalla popolazione attiva di fumatori e vittime del fumo passivo.
Il costo economico è particolarmente elevato per i datori di lavoro; vi
concorrono la minore produttività dei lavoratori dovuta alle ?pausa
sigaretta? e all?aumento delle assenze per malattia, i danni degli incendi
provocati da sigarette, i costi supplementari di pulizia e manutenzione
connessi al fumo.
A lungo termine, il miglioramento della salute derivante da provvedimenti
intesi a  limitare il fumo potrebbe avere effetti economici rilevanti.
Secondo le valutazioni d?impatto effettuate dal governo britannico, i
benefici netti a lungo termine di un?efficace normativa antifumo sarebbero
compresi tra 1.714 e 2.116 miliardi di sterline all?anno. In Scozia, Galles
e Irlanda del Nord i benefici netti dei divieti di fumo ammonterebbero,
rispettivamente, a 4.387 e 2.096 miliardi di sterline su un periodo di 30
anni e a 1.101 miliardi di sterline su un periodo di 20 anni.
Poiché i provvedimenti antifumo indurranno alcuni fumatori a smettere di
fumare o a fumare meno, l?industria del tabacco potrebbe subire una
diminuzione dei profitti e, di conseguenza, potrebbe aversi in questo
settore una perdita di posti di lavoro. Questo settore, tuttavia, concorre
per una quota relativamente modesta all?occupazione totale dell?UE. Nel 2000
gli addetti del settore (coltivazione del tabacco, trasformazione e
fabbricazione) rappresentavano lo 0.13% del totale degli occupati
dell?EU-15. Inoltre, il denaro attualmente destinato al tabacco sarà
probabilmente speso per altri beni e servizi, e questo contribuirà a creare
occupazione in altri settori.
Una minore spesa per il tabacco significherà anche per gli Stati membri una
diminuzione del gettito delle imposte (accise e IVA) gravanti sulle
sigarette. È da notare, tuttavia, che nella maggior parte dei paesi UE il
gettito di queste imposte, per quanto cospicuo, rappresenta una quota
relativamente esigua del gettito fiscale complessivo. Le eccezioni sono la
Repubblica ceca, la Polonia e la Grecia, paesi in cui nel 1999 le imposte
sulle sigarette rappresentavano rispettivamente il 6, 7 e 9% del gettito
fiscale dello Stato. Il divieto di fumare comporterebbe, oltre a una
riduzione dei costi sociali del fumo, un aumento del reddito disponibile
delle famiglie di fumatori e l?incremento del gettito dell?IVA risultante
dagli investimenti e dalle spese che tali famiglie potrebbero effettuare
impiegando il reddito supplementare compenserebbe in parte i minori
introiti.
È da prevedere un calo di produttività per i fumatori che attualmente
possono fumare sul luogo di lavoro e che continueranno a fumare, recandosi
all?esterno degli edifici per la ?pausa sigaretta?.

(RP)

**********************************************************************
7. ELEZIONI PRESIDENZIALI IN FRANCIA: IL TEMA DELL'IMMIGRAZIONE
**********************************************************************
Il modo in cui il tema dell?immigrazione è stato affrontato nella campagna
presidenziale del 2007 è molto interessante e probabilmente rivelatore della
mancanza di coraggio dei politici francesi.
Tra i principali candidati è possibile rintracciare tre posizioni rispetto
al tema dell?immigrazione.
La prima è sicuramente quella di Nicolas Sarkozy (Union pour le Mouvement
Populaire). La sua proposta di istituire un ministero dell?immigrazione e
dell?identità nazionale rappresenta un buon riassunto della sua posizione
rispetto al tema, ed è apparsa in seguito ad una serie di misure restrittive
sui diritti degli immigrati e sulla loro possibilità d?integrazione. Se
queste posizioni corrispondono probabilmente, per Sarkozy, ad una sincera
preoccupazione per preservare la coesione sociale, nascondono anche alcuni
calcoli: parlare chiaramente su un soggetto così delicato significa non
lasciare spazio a Jean-Marie Le Pen (Front National), andare nella direzione
del buon senso popolare.
Un seconda posizione è quella adottata da François Bayrou (Union pour la
Democratie Française) e da Ségolène Royal (Parti Socialiste): una posizione
più sfumata, con una maggiore volontà di rispettare i diritti degli
immigrati. Ristabilire la regola dei 10 anni per la regolarizzazione  e
regolamentare alcune categorie di clandestini (secondo determinati criteri),
il rifiuto della nozione d?immigrazione ?scelta?, la creazione di un visto
di andata e ritorno che si adatti alle necessità del mondo del lavoro. I due
candidati propongono la realizzazione di un cooperazione all sviluppo  con i
paesi del Sud, rimanendo tuttavia molto vaghi sul tema. Insomma, due
posizioni prudenti, quelle di uno status quo dalle sembianze più umane.
Infine i Verdi e la Ligue Comuniste Révolutionnaire (LCR) propongono un
terzo approccio al tema. Due idee strutturano le loro proposte.
La prima è l?affermazione dei diritti degli immigrati: regolarizzazione di
tutti i clandestini, ratifica della Convenzione dei Diritti dei Migranti,
diritto di cittadinanza (e dunque diritto di voto) per tutti i residenti,
affermazione del diritto di vivere in famiglia e rifiuto delle quote di
immigrazione. La seconda è una gestione globale della questione migratoria:
annullamento del debito ai paesi del Sud, riforma delle regole del commercio
internazionale e politiche di cooperazione allo sviluppo.
Dopo il 22 aprile 2007 sapremo quale modello i francesi hanno scelto per
rispondere alle numerose questioni poste dall?immigrazione.

Présidentielle en France: l?immigration

La manière dont le thème de l?immigration est abordé dans la campagne
présidentielle 2007 est intéressante, probablement révélatrice du manque de
courage des politiques. Parmi les candidats, on peut ainsi dégager trois
postures face au thème de l?immigration.
La première est celle de  Nicolas Sarkozy (Union pour le Mouvement
Populaire). Sa proposition de ministère de l?immigration et de l?identité
nationale est un bon résumé de sa position sur le sujet, et elle fait suite
à une série de mesures restrictives sur les droits des immigrés et sur leurs
possibilités d?intégration. Si ces positions correspondent probablement,
pour Sarkozy à un souci sincère de préserver la cohésion de la société,
elles répondent aussi à plusieurs calculs :  parler vrai  sur un sujet
sensible, ne pas laisser de place à Jean-Marie Le Pen (Front National),
aller dans le sens du bon sens populaire. 
La première est celle de Nicolas Sarkozy. Sa proposition de ministère de
l?immigration et de l?identité nationale est un bon résumé de sa position
sur le sujet. Elle fait suite à une série de mesures restrictives sur les
droits des immigrés et sur leurs possibilités d?intégration. Si ces
positions correspondent probablement pour Sarkozy, à un souci sincère de
préserver la cohésion de la société, elles répondent aussi à plusieurs
calculs :  parler vrai  sur un sujet sensible, ne pas laisser de place à Le
Pen, aller dans le sens du bon sens populaire. 
Une deuxième posture est celle adoptée par François Bayrou (Union pour la
Démocratie Française) et par Ségolène Royal (Parti Socialiste) : une
position plus nuancée, avec la volonté de mieux respecter les droits des
immigrés. Rétablissement de la règle de 10 ans pour la régularisation et
régularisation de certains sans papiers (selon critères), refus de la notion
d?immigration ?choisie?, instauration de visas aller-retour adaptés aux
réalités du monde du travail. Les deux candidats évoquent également la
nécessité d?un co-développement avec les pays du Sud, en restant toutefois
assez allusifs sur le sujet. En somme, deux positions prudentes, celles d?un
statu quo à visage plus humain. 
Enfin, les Verts et la Ligue Communiste révolutionnaire (LCR) proposent un
troisième type de positionnement sur le sujet. Deux idées essentielles
structurent leurs propositions .
La première est l?affirmation des droits des immigrés : régularisation de
tous les sans papiers, ratification de la Convention Internationale des
Droits des Migrants, droit à la citoyenneté (et donc droit de vote) pour
tous les résidents, application du droit de vivre en famille et refus des
quotas d?immigration.  La deuxième est une gestion globale de la question
migratoire: annulation de la dette des pays du Sud, réforme des règles du
commerce international, politique de co-développement. La LCR propose
également le remboursement de la dette écologique (en lien avec les dégâts
environnementaux issus de la colonisation).
Aprés le 22 avril 2007 nous saurons quel modèle les français ont choisi pour
repondre aux nombreuses questions posées par l?immigration.

(SS)

**********************************************
8. FESTA DEI POPOLI
**********************************************
Le riunione per la preparazione e programmazione per la 19°edizione della
festa dei popoli sono iniziate. Quest?anno si svolgerà dal 12 al 14 Luglio
come tutti gli anni presso il Forte Altavilla di Pietralacroce di Ancona.
Invitiamo tutti quelli che vogliono darci una mano a organizzare la festa a
chiederci come partecipare all'organizzazione della prossima festa. 

(LA)

******************************************
9. LA PROVINCIA DI ANCONA E LE PROSSIME ELEZIONI
******************************************
Partiamo da alcuni dati. Sappiamo che i dati sono da utilizzare con cautela,
dicono alcune verità ma ne nascondono molte altre e soprattutto, molto
spesso, non ne abbiamo a sufficienza per fare un?analisi approfondita. Vale
a dire ci manca sempre un dato o meglio vorremmo sempre qualche dato in più
perché il risultato dell?analisi fosse migliore. Tuttavia ciò è quello che
abbiamo e dunque non ci resta che farne buon uso. Prendo spunto da una
ricerca pubblicata più di un anno fa e alla quale il Comune di Ancona ha
dato importanza citandone alcuni risultati nella propria newsletter. 

Il 3° rapporto sullo stato delle città italiane intitolato ?Municipium: le
città italiane in movimento? prodotto dal Censis-Rur, stila una classifica
che è frutto di un?analisi di numerose variabili. Ancona si inserisce tra le
città dello sviluppo, i falchi, insieme a Bergamo, Brescia, Vicenza, Padova,
Parma. Insomma insieme al gotha delle province del Made in Italy ed in
particolare con il nuovo polo dello sviluppo, il cosiddetto NEC
(Nord-Est-Centro). La locomotiva produttiva dell?Italia degli ultimi
quindici anni. I falchi in tutto sono 25 città suddivise per la loro
componente demografica. Nelle altre sezioni, B2, si trovano Varese, Como,
Pavia, Mantova, Bolzano, Trento, Treviso, Udine, Pisa, Siena e Macerata.
Infine, nella B3, Aosta, Cuneo, Verbania, Biella, Lecco, Sondrio, Belluno e
Pordenone. Queste città sono caratterizzate dal fatto che sono medie
rispetto alla popolazione, un tessuto produttivo vario ed articolato ed
altre caratteristiche che ne fanno motivo di grande attrattività. Inoltre,
la più alta quota di unità locali totale per 1000 abitanti. Più elevata
presenza di addetti in ciascun settore, con una elevata presenza di
professionisti e nel settore della knowledge economy. Forte consistenza dei
depositi bancari e degli sportelli bancari. Basso tasso di disoccupazione.
Alta e consolidata vocazione culturale e del volontariato e alta
concentrazione di strutture sanitarie, pubbliche e private. 
Analizzando le diverse variabili si scopre tuttavia che Ancona è al 41 posto
su 103, totale province italiane, come consistenza residenziale con 101.545
abitanti, in decremento, e che solo il 16% di essa è rappresentata da
giovani tra i 15 ? 29 mentre oltre il 23% è al di sopra dei 65 anni. Tale
risultato fa scivolare Ancona al 53 esimo posto della classifica. Insomma,
una città che sta invecchiando, come tutta l?Italia, ma se appunto facciamo
un?analisi per popolazione e successivamente per struttura Ancona perde 10
posizioni. Il tasso di disoccupazione è per la verità molto basso, 4,7; ma
ha una bassa percentuale di persone occupate, solo il 46%. Tale dato è
indicativo della scarsa partecipazione al mondo del lavoro di oltre la metà
della popolazione in età lavorativa. Questo è un problema italiano, tra
l?altro in contrasto con l?agenda di Lisbona dell?Unione Europea che intende
elevare la partecipazione al mondo del lavoro degli europei fino al 70%
della popolazione lavorativa entro il 2010. Anche in questo caso, Ancona si
stabilizza al di sopra della sua posizione originaria, 43 esima posizione,
con la 49 esima. La raccolta bancaria vede Ancona al 65 esimo posto, dopo
Macerata e Pesaro e solo davanti ad Ascoli Piceno, 66 esima. Per quanto
riguarda la vitalità economica Ancona si posiziona al 69° con 82 imprese
attive ogni 1000 abitanti e soprattutto al 53° posto con 1,9 imprese per
1000 abitanti nella knowledge economy cioè le imprese che fanno ricerca &
sviluppo, informatica o telecomunicazioni. 
Aggiungo che questa speciale classifica indica la propensione
all?investimento ed alla ricerca e di conseguenza, da una parte, lo stato di
salute dell?economia ma soprattutto, dall?altra, le sue prospettive. Insomma
il trend nei prossimi anni. Si rileva che Ancona è la prima città delle
Marche, appunto alla 53 esima posizione con Pesaro alla 57 esima, Ascoli
Piceno, alla 74 esima, e Macerata, addirittura alla 89 esima. Segno che il
mondo economico marchigiano lavora tanto. Cresce, un pochino meno ma
soprattutto non investe a sufficienza. I motivi sono diversi e non è questo
il momento ed il luogo di approfondire. Tuttavia, la conclusione è
immediata: le prospettive non saranno quanto meno eccellenti. Due sono le
considerazioni da fare in questo che è un punto cruciale dell?analisi RUR. 
La prima è che Ancona si posiziona al 54° posto nonostante la presenza di
facoltà pseudo-scientifiche, tanto da cambiare il nome dell?Università di
Ancona in Università Politecnica delle Marche, con facoltà di Ingegneria,
Biologia marina, Agraria, Medicina ed Economia. 
Un secondo punto invece è cosa succede nel resto di Italia?
Sempre prendendo in considerazione le variabili innovazione e sviluppo, si
nota che in questa speciale classifica, ripeto indicativa circa il prossimo
futuro, numerose sono le città del sud. Fra le prime quindici Napoli,
Palermo, Cagliari, Bari, e Catania. Tra le prime trenta Sassari, Salerno,
Pescara, Messina e Latina. E soprattutto prima di Ancona Reggio Calabria,
Taranto, Cosenza, Siracusa, Lecce, Catanzaro e Caserta. Insomma, da una
parte un sud che cresce e dall?altra il mondo economico e quindi del
benessere marchigiano che arretra. Tutto ciò contrasta con la rendita del
mercato immobiliare dove Ancona, 28 esima, e soprattutto Pesaro, 26 esima,
figurano tra le prime trenta. Ben distanti quindi dalle loro posizioni
abituali, tra 45 e 60. Rimangono all?interno della media Macerata ed Ascoli
Piceno. Il fatto che la rendita sia il settore nel quale Ancona e Pesaro
riescono ad eccellere non è sicuramente un dato positivo perché disincentiva
gli investimenti e soprattutto allontana dalla regione tutti coloro che
intendono stabilirvisi per apportare nuove idee ed attività. Ricordo come
l?ex-sindaco Galeazzi apprezzasse ed enfatizzasse il fatto che i valori
delle unità immobiliari durante i suoi due mandati fossero cresciuti,
sinonimo di benessere. Ciò era vero a metà anni novanta, un pochino meno a
fine ed inizio secolo. Ora probabilmente rischia, come dire, di soffocarne
la crescita e lo sviluppo. 

Cosa significa tutto questo?

Da alcuni anni l?Unione Europea ha sposato un approccio diverso alla
protezione dei suoi cittadini e delle proprie imprese cioè attraverso
l?abbassamento delle barriere doganali e innalzamento di barriere
all?entrata basato su criteri fondati sulla qualità del prodotto. Cosa
significa? 
Oggi, per vendere in Europa le imprese devono rispettare alcuni vincoli. Per
fare un esempio che tutti possono comprendere. In quindici anni nel settore
automobilistico si è iniziato a vietare la produzione di auto alimentate con
la cosiddetta benzina rossa, successivamente si è passati alla vendita di
auto che rispettassero la direttiva comunitaria cosiddetta euro 1, poi euro
2; fino a giungere oggi ad euro 4. Nel frattempo l?Unione Europea e gli
Stati membri hanno aumentato i controlli alle auto che non rispettano tali
direttive ed in alcuni casi limitandone la circolazione o addirittura
vietandola. Questo approccio è valso e vale per l?auto come per il settore
dei giocattoli per bambini, per l?alimentazione, per il mobile e così via.
Quali sono le linee direttrici che l?Unione Europea segue nel redigere le
direttive comunitarie, in questo ambito? Se seguisse quello della protezione
delle proprie imprese e lavoratori tout court, come molti auspicano, ciò
premierebbe nel breve ma ci farebbe perdere nel medio e lungo periodo. Tra
l?altro creerebbe non pochi problemi all?Unione nelle sedi internazionali.
Invece l?Unione Europea persegue da sempre, grazie ad alcuni paesi, in
particolare quelli scandinavi e del nord Europa, quello della qualità della
vita dei propri cittadini, residenti e consumatori. Insomma per sintetizzare
maggiore protezione ambientale e della vita umana.  
Quali sono i risultati di questa politica?

Il primo è sicuramente a carico delle imprese europee che sono costrette a
mantenersi al passo con le direttive comunitarie visto che il loro
territorio o mercato naturale è appunto quello europeo, costringendole ad
investire nella ricerca per innovare i propri prodotti da immettere in un
mercato sempre all?avanguardia. Tale svantaggio si traduce però nella
produzione di prodotti di maggiore qualità che permettono alle stesse di
essere all?avanguardia anche a livello mondiale.
Inoltre costringe le imprese extra-europee ad adeguarsi o ad uscire dal
mercato europeo. Ecco qui la prima barriera che l?Unione pone tra i propri
consumatori e le imprese extra-europee; tutelando, allo stesso tempo, le
imprese ed i consumatori europei che possono continuare a scegliere ed
acquistare i migliori prodotti in circolazione al mondo. 
Inoltre, permette ai lavoratori europei l?innalzamento del proprio reddito e
della qualità del loro lavoro, riducendo di conseguenza il rischio della
perdita del proprio posto di lavoro. Ciò, nel lungo periodo aumenta
l?autostima dei lavoratori europei. 
Un terzo aspetto è quello del miglioramento della qualità ambientale del
territorio e della vita dei cittadini, residenti e consumatori in Europa.
Quarto, costringe i produttori extra-europei e gli altri paesi ad adeguarsi
a standard di vita e di protezione ambientale superiori anche alla loro
condizione odierna di sviluppo, culturale e capacità produttiva.
Dall?altra parte, l?Unione Europea non lascia, come molti sostengono, i
propri cittadini e imprese soli in balia del mercato, della concorrenza e
dell?avidità delle imprese stesse. Garantisce finanziamenti alle imprese per
la ricerca e lo sviluppo; alle associazioni dei consumatori i fondi per
svolgere indagini e promuovere la propria attività di controllo sulle
imprese. Inoltre, lo stanziamento di fondi per migliorare la preparazione
formale ed informale dei propri lavoratori e studenti. Sostegno per
l?attività di tutela dei lavoratori ai sindacati. In questo modo,
costringendo di fatto le imprese a competere nel mercato europeo mentre
garantisce a quelle europee incentivi per adeguare o sviluppare i propri
prodotti. 
Dunque quali sono le conclusioni da trarre e quali richieste fare alla
politica in vista delle prossime elezioni amministrative prima che la
campagna elettorale porti confusione?

In un fase difficile della congiuntura internazionale e di difficoltà
interne a livello europeo, italiano e marchigiano, la paura non deve farla
da padrone. Oltre la crisi vi è sempre il bel tempo, se si lavora il giusto
e soprattutto bene. Non si deve cedere al facile guadagno bensì chiedere
alle imprese e ai  lavoratori marchigiani maggiore impegno nella ricerca e
nello sviluppo di prodotti migliori, non solo dal punto di vista del design
bensì della innovazione. Soprattutto nella direzione dettata dall?Unione
Europea cioè maggiore tutela del territorio, del lavoratore e dei
consumatori. 
In cambio garantire maggiori finanziamenti per raggiungere tali obiettivi.
Inoltre, maggiore apertura all?immigrazione, se possibile anche di alto
livello formativo e professionale. Ridurre al minimo i costi burocratici.
Maggiore informazioni alla cittadinanza ed alle imprese per quelle che sono
le opportunità poste in essere dall?Unione Europea. 
Fa piacere che il Sindaco Sturani durante la campagna elettorale abbia
aperto un serio dibattito in seno alla cittadinanza su alcuni importanti
temi e crediamo che lo stesso debba fare la Casagrande.  Tuttavia crediamo
anche che i dati sopra indicati debbano essere presi in seria considerazione
e da questi partire per un?analisi veritiera sullo stato di salute della
Provincia di Ancona. Essa è una provincia benestante e che negli anni ha
fatto scelte coraggiose tuttavia sta attraversando, come molte altre, un
momento difficile. Solo in questo modo, è possibile uscire da questa
situazione in modo positivo. 
La consapevolezza e la programmazione riducono nei cittadini la paura
rispetto al futuro, all?innovazione e di conseguenza la xenofobia ed il
razzismo. Migliorando così, nel tempo, il tenore e la qualità della vita dei
propri cittadini. Una provincia aperta al mondo ed all?innovazione è
territorio naturale di coltura di sviluppo. Ci si domanda quindi come
intende il futuro Presidente della Provincia portare la nuova Ancona del
dopo terremoto e frana e quindi dell?emergenza ad una provincia capoluogo di
regione che metta in rete le conoscenze dell?università, delle imprese e
delle istituzioni?     
 
PS
************************************************************************* 

Il numero 7 di questa newsletter è stato spedito a 10.500 indirizzi, per 
segnalazioni e suggerimenti scrivete a segreteria at circoloafrica.org. 

Il prossimo numero uscirà : 
il 1 Maggio  2007. 
--------------------------------------------------------------------- 
The number 6 of this newsletter has been sent to 10.496 addresses. 

For suggestions please contact: 

Circolo Culturale Africa 
via San Spiridione, 5/a 
60100 Ancona 
Italia 
Tel. +39/071/2072585 
Web site: www.circoloafrica.eu


****************************************************************************


Nel rispetto della Legge 675/96 sulla privacy, a tutela di persone e altri 
soggetti rispetto al trattamento di dati personali, questo indirizzo e-mail 
proviene da richieste di informazioni o da elenchi (newsgroup). Per 
cancellarsi è sufficiente inviare un'e-mail a: segreteria at circoloafrica.org 
con la richiesta CANCELLAMI. 

If you do not want to receive any more our newsletter please send an email 
requesting DELETE ME. 

*************************************************************************