[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

COOPI: lotta all'AIDS in Mozambico



  COMUNICATO STAMPA


    AIDS: LA PREVENZIONE VIAGGIA PER RADIO

/In occasione della Giornata Mondiale di lotta all'HIV/AIDS, COOPI
presenta il progetto in Mozambico/

Milano, 27 novembre 2007 -- *Sono allarmanti **i dati sulla diffusione
dell'AIDS i**n Mozambico: *il 16,2 % della popolazione tra i 15 e i 49
anni è sieropositivo e il 70% sono donne. Sono già 300mila i bambini
rimasti orfani.

*Per fare fronte a questo dramma, COOPI-Cooperazione Internazionale
(www.coopi.org) a gennaio 2008 apre una radio nella provincia di Sofala,
con l'obiettivo di informare sulla trasmissione del virus, creare un
dibattito sul tema, sfatare molte pericolose credenze popolari e aiutare
le donne a parlarne. Non solo, la radio fornirà informazioni sulla
salute materno-infantile per abbassare il tasso di mortalità di mamme e
bambini, con lo slogan "nel dubbio vai in ospedale".*

* *

La scelta di sensibilizzare attraverso la radio nasce dalla
consapevolezza che nel Sud del mondo questo mezzo di comunicazione è
estremamente diffuso: nella provincia di Sofala, che conta 200 mila
abitanti, il 46% delle famiglie ascolta la radio.

* *

/"I programmi saranno realizzati da operatori specializzati nei temi
della salute e saranno trasmessi in portoghese e nelle principali lingue
locali. I risultati attesi sono molto buoni. Infatti si sta pensando di
estendere l'iniziativa ad altre province per creare una rete di
informazione sempre più ampia" /spiega Giacomo Franceschini, che
coordina gli interventi di COOPI in Mozambico.

* *

*Per combattere l'AIDS, nel 2007 COOPI ha realizzato 12 progetti in 7
paesi* tra i più poveri del mondo: Uganda, Ciad, Somalia, Malawi, Perù,
Repubblica Dem. del Congo e Mozambico.

* *

*Complessivamente sono stati:*

*    * assistiti 283mila malati, sensibilizzate sulla prevenzione
1.352milapersone*

*    * presi in carico oltre 1.500 orfani*

*    * distribuiti quasi duemila kit per evitare il contagio entro 72
dalla violenza sessuale.*

*I fondi impiegati sono stati oltre 3milioni e 600mila euro*, finanziati
principalmente dalle agenzie dell'ONU e dal Ministero italiano Affari
Esteri.

*Inoltre, COOPI è membro dell'Osservatorio Italiano sull'Azione Globale
contro l'AIDS*: 24 Ong che portano avanti una comune azione politica su
diritti umani, scelte politiche, posizioni istituzionali, politiche
sanitarie in relazione all'AIDS quale importante tema globale di sviluppo.//

*/COOPI/**/--Cooperazione Internazionale/*/ è una Ong indipendente
fondata a Milano nel 1965. In oltre 40 anni abbiamo realizzato oltre 700
progetti in 50 Paesi, coinvolgendo oltre 50 mila operatori locali e
assicurando un beneficio diretto a circa 60 milioni di persone. Oggi
siamo presenti in 25 Paesi con più di cento interventi di sviluppo e di
emergenza. Oggi appoggiamo le comunità anche attraverso l'adozione a
distanza dei bambini in Etiopia, Uganda, Sierra Leone, Rep.
Centrafricana, Senegal e Perù.
/

_____________________________________
/**/

Per ulteriori informazioni:
Elena Delbò, ufficio stampa COOPI
Tel. 02 3085057 oppure cellulare 333 2531 110

--
Elena Delbò
Ufficio stampa
COOPI - Cooperazione Internazionale <http://www.coopi.org/>
Via de Lemene 50 - 20151 Milano
tel. +39 02 3085057 - fax: +39 02 33403570
mail: delbo at coopi.org
------------------------------------------------------------------------
Destina il tuo 5 per mille alla lotta alla poverta'. Non costa nulla!
<http://www.coopi.org/it/news/index.php?id=472>
Indica nell'apposita casella della tua dichiarazione dei redditi il
nostro codice fiscale: 80118750159
Per info: http://www.coopi.org/it/news/index.php?id=472


COMUNICATO STAMPA

AIDS: LA PREVENZIONE VIAGGIA PER RADIO

In occasione della Giornata Mondiale di lotta all'HIV/AIDS, COOPI presenta
il progetto in Mozambico

Milano, 27 novembre 2007 - Sono allarmanti i dati sulla diffusione
dell'AIDS in Mozambico: il 16,2 % della popolazione tra i 15 e i 49 anni è
sieropositivo e il 70% sono donne. Sono già 300mila i bambini rimasti
orfani.

Per fare fronte a questo dramma, COOPI-Cooperazione Internazionale
(<http://www.coopi.org>www.coopi.org) a gennaio 2008 apre una radio nella
provincia di Sofala, con l'obiettivo di informare sulla trasmissione del
virus, creare un dibattito sul tema, sfatare molte pericolose credenze
popolari e aiutare le donne a parlarne. Non solo, la radio fornirà
informazioni sulla salute materno-infantile per abbassare il tasso di
mortalità di mamme e bambini, con lo slogan "nel dubbio vai in ospedale".

La scelta di sensibilizzare attraverso la radio nasce dalla consapevolezza
che nel Sud del mondo questo mezzo di comunicazione è estremamente diffuso:
nella provincia di Sofala, che conta 200 mila abitanti, il 46% delle
famiglie ascolta la radio.

"I programmi saranno realizzati da operatori specializzati nei temi della
salute e saranno trasmessi in portoghese e nelle principali lingue locali.
I risultati attesi sono molto buoni. Infatti si sta pensando di estendere
l'iniziativa ad altre province per creare una rete di informazione sempre
più ampia" spiega Giacomo Franceschini, che coordina gli interventi di
COOPI in Mozambico.

Per combattere l'AIDS, nel 2007 COOPI ha realizzato 12 progetti in 7 paesi
tra i più poveri del mondo: Uganda, Ciad, Somalia, Malawi, Perù, Repubblica
Dem. del Congo e Mozambico.

Complessivamente sono stati:

* assistiti 283mila malati, sensibilizzate sulla prevenzione 1.352milapersone

* presi in carico oltre 1.500 orfani

* distribuiti quasi duemila kit per evitare il contagio entro 72 dalla
violenza sessuale.

I fondi impiegati sono stati oltre 3milioni e 600mila euro, finanziati
principalmente dalle agenzie dell'ONU e dal Ministero italiano Affari
Esteri.

Inoltre, COOPI è membro dell'Osservatorio Italiano sull'Azione Globale
contro l'AIDS: 24 Ong che portano avanti una comune azione politica su
diritti umani, scelte politiche, posizioni istituzionali, politiche
sanitarie in relazione all'AIDS quale importante tema globale di sviluppo.

COOPI-Cooperazione Internazionale è una Ong indipendente fondata a Milano
nel 1965. In oltre 40 anni abbiamo realizzato oltre 700 progetti in 50
Paesi, coinvolgendo oltre 50 mila operatori locali e assicurando un
beneficio diretto a circa 60 milioni di persone. Oggi siamo presenti in 25
Paesi con più di cento interventi di sviluppo e di emergenza. Oggi
appoggiamo le comunità anche attraverso l'adozione a distanza dei bambini
in Etiopia, Uganda, Sierra Leone, Rep. Centrafricana, Senegal e Perù.

_____________________________________

Per ulteriori informazioni:
Elena Delbò, ufficio stampa COOPI
Tel. 02 3085057 oppure cellulare 333 2531 110

--
Untitled Elena Delbò
Ufficio stampa
<http://www.coopi.org/>
Via de Lemene 50 - 20151 Milano
tel. +39 02 3085057 - fax: +39 02 33403570
mail: <mailto:delbo at coopi.org>delbo at coopi.org

<http://www.coopi.org/it/news/index.php?id=472>
Indica nell'apposita casella della tua dichiarazione dei redditi il nostro
codice fiscale: 80118750159
Per info:
<http://www.coopi.org/it/news/index.php?id=472>http://www.coopi.org/it/news/index.php?id=472