[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

MILANO 1° DICEMBRE - h. 20.30 - Incontro Pubblico con il giornalista afghano Yaqub Ibrahimi





Organizzano l'incontro:

CISDA - Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane

ISF - Information Safety and Freedom

 

LUNEDI' 1 DICEMBRE 2008 ALLE ORE 20,30

SALA GUICCIARDINI

Via Macedonio Melloni 3

 

Quale giustizia in Afghanistan?

 

Nell’ottobre del 2007 i criminali al potere in Afghanistan hanno incarcerato il giovane giornalista Parwiz Kambakhsh che è stato accusato di blasfemia per aver distribuito un articolo, stampato da Internet, nel quale si parlava dei diritti delle donne nell’Islam.

 

Inizialmente condannato a morte dall’oscurantista consiglio dei religiosi di Balkh, Parwiz ha aspettato per un anno, in galera, la sentenza della corte d’appello e ora la sua esecuzione è stata trasformata in 20 anni di reclusione.

 

Abbiamo invitato in Italia Yaqub, fratello di Parwiz, giornalista molto noto per le sue inchieste contro droga e corruzione e forse il vero bersaglio degli integralisti.

 

Le infamanti accuse nei confronti di Parwiz da parte dei tribunali afghani dimostrano come in Afghanistan, a sette anni dall’invasione militare americana, la libertà di stampa sia totalmente negata e come non sia in vigore una giustizia che possa definirsi tale.

 

L’Italia ha speso 50 milioni di euro per il programma giustizia, ci chiediamo: dove sono stati spesi se i risultati sono questi?

 

Ne parleremo con:

 

Yaqub Ibrahimi Said

Vittorio Agnoletto - Europarlamentare

Stefano Neri – Direttore Information Safety Freedom

 

 

 

LUNEDI' 1 DICEMBRE 2008 ALLE ORE 20,30

SALA GUICCIARDINI

Via Macedonio Melloni 3

 

 

Organizzano l'incontro:

CISDA - Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane

ISF - Information Safety and Freedom

 

Questo messaggio e i suoi allegati sono indirizzati esclusivamente alle persone indicate. La diffusione, copia o qualsiasi altra azione derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono rigorosamente vietate. Qualora abbiate ricevuto questo documento per errore siete cortesemente pregati di darne immediata comunicazione al mittente e di provvedere alla sua distruzione, Grazie.

Rispetta l'ambiente. Non stampare questa mail se non e' necessario.

 

www.avoicomunicare.it         Ogni giorno, il tuo luogo di dialogo.

 



Scarica gratis Messenger Beta! Portati avanti…