[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Per la libertà di stampa in Afghanistan: INCONTRI CON IL GIORNALISTA AFGHANO SAID YAQUB




   
ll caso del giornalista Parwiz Kambakhsh

  
Nell'ottobre del 2007 i criminali al potere in Afghanistan hanno incarcerato, nella provincia di Balkh (nel nord dell'Afghanistan), il giovane giornalista Parwiz Kambakhsh.
  
Parwiz è stato accusato di blasfemia per aver distribuito un articolo, stampato da Internet, nel quale si parlava dei diritti delle donne nell'Islam.
  
Inizialmente condannato a morte dall'oscurantista consiglio dei religiosi di Balkh, Parwiz ha aspettato per un anno, in galera, la sentenza della corte d'appello e ora la sua esecuzione è stata trasformata in 20 anni di reclusione.
  
In realtà l'arresto e la condanna di Parwiz sono un pretesto per mettere a tacere anche il fratello – Yaqub Ibrahimi - affermato giornalista che lavora per il britannico IWPR (Institute for War and Peace Report) che si occupa di documentare quello che succede a livello umanitario nelle zone di crisi.

 

Yaqub Ibrahimi ha scritto molti articoli nel corso degli ultimi cinque anni, raccontando di quello che succede nel suo paese tra fondamentalisti islamici, signori della guerra, oppio e talebani.
 
Il caso di Parwiz – insieme alle decine di altri giornalisti afghani incarcerati - dimostra come in Afghanistan, a sette anni dall'invasione militare americana, la libertà di stampa sia totalmente negata.  
    
Abbiamo invitato in Italia il fratello di Parwiz, Said Yaqub Ibrahimi, e queste sono le iniziative che abbiamo organizzato Insieme all'ISF -  Information Safety Freedom.

 
20 FEBBRAIO 2009 – h. 18,00 - Circolo della Stampa – Corso Venezia 16 – Sala Montanelli

 

Incontro organizzato dal Circolo della Stampa con la collaborazione del CISDA (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane) e dell'ISF (Information Safety and Freedom)

 

“Giustizia e informazione in Afghanistan"

Said Yaqubgiornalista afgano dell’IWPR

Alfredo ManticaSottosegretario agli Esteri

Andrea NicastroInviato Speciale in Afghanistan per il Corriere della Sera

Presenta l’incontro: Giovanni NegriPresidente del Circolo della Stampa

Moderatore: Gianni Barbacetto giornalista


23 FEBBRAIO 2009 – h. 20.30 - Sala Guicciardini di via Macedonio Melloni, n° 3
  
Incontro Pubblico "Quale giustizia in Afghanistan?"
  
Said Yaqubgiornalista afgano dell’IWPR

Vittorio Agnoletto Parlamento Europeo

Stefano Neri Information Safety Freedom


E questi sono gli incontri organizzati con Yaqub fuori Milano e fuori Italia:


18 FEBBRAIO 2009 - BRUXELLES
 
Incontro al Parlamento Europeo: Hearing organizzato dal gruppo GUE/NGL e da Hidden Theatre (Annet Henneman) 
  
  
23 FEBBRAIO 2009 - BOLOGNA
  
Incontro organizzato da Stefano Neri – Information Safety Freedom
  
  
25 e 26 FEBBRAIO 2009 - BARCELLONA
  
Incontri organizzati dal Pen Club di Barcellona
    

Riferimenti:

CIRCOLO DELLA STAMPA DI MILANO - www.circolostampamilano.it

CISDA – cisda at tiscali.it – oppure cell. 333 6868938

HIDDEN THEATRE - www.teatrodinascosto.it

ISF – Information Safety Freedom - www.isfreedom.org

PEN CLUB Barcellona - rsalierno at pencatala.cat

Vittorio Agnoletto - www.vittorioagnoletto.it

 

 

 

 

  

Questo messaggio e i suoi allegati sono indirizzati esclusivamente alle persone indicate. La diffusione, copia o qualsiasi altra azione derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono rigorosamente vietate. Qualora abbiate ricevuto questo documento per errore siete cortesemente pregati di darne immediata comunicazione al mittente e di provvedere alla sua distruzione, Grazie.

This e-mail and any attachments is confidential and may contain privileged information intended for the addressee(s) only. Dissemination, copying, printing or use by anybody else is unauthorised. If you are not the intended recipient, please delete this message and any attachments and advise the sender by return e-mail, Thanks.

rispetta l'ambienteRispetta l'ambiente. Non stampare questa mail se non è necessario.


5GB di spazio per i tuoi file online. È gratis, è SkyDrive!
Allegato Rimosso