[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Umbria Jazz, per i Juakali Drummers di AMREF debutto europeo con Horacio "El Negro" Hernandez e Giovanni Hidalgo (comunicato stampa)



PER I JUAKALI DRUMMERS DEBUTTO EUROPEO A UMBRIA JAZZ CON HORACIO "EL NEGRO" HERNANDEZ E GIOVANNI HIDALGO
Venerdì 10 luglio a Perugia la presentazione dell’originale “orchestra di strada” di AMREF, protagonista dell’edizione 2009 del festival con il musical "Ngoma Mtaani" al Teatro Bertolt Brecht (12 e 13 luglio, ore 18,00) e con due concerti sul Palco Centrale di piazza IV Novembre (16 e 19 luglio, ore 19,00)

Roma, 6 luglio 2009 – L’ex chiesa della Misericordia di Perugia, in via G. Oberdan 54, venerdì 10 luglio, a partire dalle ore 17,00, farà da cornice alla presentazione dei Juakali Drummers, l’originale “orchestra di strada” di AMREF protagonista dell’edizione 2009 di Umbria Jazz, prestigioso palcoscenico del suo debutto europeo.

Dopo l’introduzione della presidente di AMREF Italia, Ilaria Borletti, e il saluto dei rappresentanti del Comune di Perugia, della Regione Umbria e di Umbria Jazz, seguiranno gli interventi di Maria Teresa Scassellati, consigliere delegato al progetto Juakali Drummers della Dulcimer Fondation pour la Musique, partner di AMREF nell’iniziativa, e Giovanni Lo Cascio, il musicista e percussionista che a partire dal 2005 ha guidato il laboratorio di formazione musicale da cui è nata l’orchestra, formata da venti ragazzi e ragazze della baraccopoli di Kawanguare, a Nairobi.

La presentazione proseguirà con la testimonianza di John Muiruri, responsabile di “Children in need”, il programma che AMREF gestisce da dieci anni nel distretto di Dagoretti per offrire un’opportunità di riscatto ai ragazzi di strada della capitale del Kenya, in cui si inserisce anche il progetto dei Juakali Drummers. Daniela Cuomo, di AMREF Italia, illustrerà i progetti educativi e di sensibilizzazione promossi in Italia dalla principale organizzazione sanitaria no profit dell’Africa, per poi cedere la parola ai giovani protagonisti del progetto, alla vigilia del loro debutto in Italia.

Domenica 12 e lunedì 13 luglio, alle ore 18,00, i Juakali Drummers metteranno in scena al Teatro Bertolt Brecht di Perugia, in viale San Sisto, il musical “Ngoma Mtaani”, che in lingua swahili significa “il ritmo della baraccopoli”. Il musical ha debuttato al Bomas of Kenya, il più grande teatro di Nairobi, nell’agosto 2008 e mette in scena lo straordinario ritmo globale del gruppo, i suoi canti-racconto e la danza per raccontare la storia di un ragazzo di strada, dei suoi problemi, dei suoi sogni e di come la scoperta della musica gli permetterà di vedere il mondo con occhi nuovi.

Nell’ambito di Umbria Jazz, i Juakali Drummers terranno anche due concerti sul Palco Centrale di piazza IV Novembre giovedì 16 luglio e domenica 19 luglio, entrambi alle ore 19,00. A suonare con loro sul palco il 19 luglio ci saranno anche due tra i più grandi percussionisti del mondo, Horacio “El Negro” Hernandez e Giovanni Hidalgo, che negli stessi giorni condurranno un workshop riservato proprio ai giovani musicisti di Nairobi.

Le canzoni dei Juakali Drummers si ispirano alle tradizioni del ritmo e dei canti di matrice africana con testi che raccontano la vita del ragazzo di strada, scritti dagli stessi ragazzi in swahili o sheng, il dialetto giovanile che miscela la lingua africana all’inglese. Con questo repertorio hanno iniziato a esibirsi nella capitale del Kenya in contesti istituzionali (Nazioni Unite, ambasciate), in occasione di vari eventi culturali e nelle baraccopoli. Attraverso la gioia della musica, i ragazzi e le ragazze di Juakali Drummers hanno rafforzato la fiducia in se stessi e preso consapevolezza del loro ruolo nella comunità, fino a diventare un modello di riferimento per i tanti giovani che affollano le loro esibizioni.

I Juakali Drummers suonano strumenti molto particolari, ricavati dal riciclo di materiale povero o di scarto, che permettono di inventare nuovi suoni e nuove timbriche: lunghi tubi intonati e percossi con le scarpe, corde tese dentro barattoli che ne amplificano il suono, pezzi di autovetture dal suono incisivo e marcato, bidoni di plastica e di metallo di varie dimensioni, flauti ricavati dai tubi, strumenti ad ancia variamente intonati, corrugati che fischiano, campane di metallo. Non a caso Juakali, oltre a significare “sole cocente” in swahili, è anche il nome del più grande mercato del riciclo di Nairobi e uno dei più grandi di tutta l’Africa orientale.

La tournée in Italia dei Juakali Drummers si realizza anche grazie al contributo della Fondation Alta Mane, promotrice del Projeto Axè, che pone al centro della sua pedagogia l’arte-educazione e ha offerto ai Juakali Drummers un’importante esperienza di crescita, attraverso lo scambio di esperienze con i coetanei delle favelas di Salvador de Bahia, in Brasile.

- Fotografie, file audio mp3, video e altri materiali di approfondimento sui Juakali Drummers possono essere scaricati dalla cartella online all'indirizzo: http://www.humyo.com/7986099-521721237. 

AMREF, fondazione africana per la medicina e la ricerca, è stata fondata a Nairobi nel 1957. Oggi impiega in Africa oltre 800 persone, per il 97% africani, e gestisce circa 140 progetti di sviluppo sanitario in sei paesi (Etiopia, Kenya, Sudafrica, Sudan, Tanzania e Uganda). Il network internazionale di AMREF è composto da 12 sedi in Europa, Stati Uniti e Canada. AMREF Italia ha due sedi a Roma e a Milano. 

Ufficio stampa AMREF Italia – Simone Ramella
Tel. 06-99704664 – Cell. 347-9416538 – E-mail:
simone.ramella at amref.it

Allegato Rimosso