[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Tutti/E antirazziti/E- tutti/e in piazza 11l 17 ottobre



Genova:per il pullman contattare Arci 0102467506  via san luca 15/9   
contributo per il viaggio : 10 euro

APPELLO

MANIFESTAZIONE

NAZIONALE ANTIRAZZISTA ROMA 17 OTTOBRE
il 7 ottobre del 1989 centinaia di migliaia di persone scendevano in piazza a Roma per la prima grande manifestazione contro il razzismo. Il 24 agosto dello stesso anno a Villa Literno, in provincia di Caserta, era stato ucciso un rifugiato sudafricano, Jerry Essan Masslo.

A 20 anni di distanza, il razzismo non è stato sconfitto, continua a provocare vittime e viene alimentato dalle politiche del governo Berlusconi. Il pacchetto sicurezza approvato dalla maggioranza di centro destra risponde ad un intento persecutorio, introducendo il reato di “immigrazione clandestina” e un complesso di norme che peggiorano le condizioni di vita dei migranti, ne ledono la dignità umana e i diritti fondamentali.

Questa drammatica situazione sta pericolosamente incoraggiando e legittimando nella società la paura e la violenza nei confronti di ogni diversità.

Intanto, nel canale di Sicilia, ormai diventato un vero e proprio cimitero marino, continuano a morire centinaia di esseri umani che cercano di raggiungere le nostre coste.

E’ il momento di reagire e costruire insieme una grande risposta di lotta e solidarietà per difendere i diritti di tutte e tutti rifiutando ogni forma di discriminazione e per fermare il dilagare del razzismo.

Pertanto facciamo appello a tutte le associazioni laiche e religiose, alle organizzazioni sindacali, sociali e politiche, a tutti i movimenti a ogni persona a scendere in piazza il 17 ottobre per dare vita ad una grande manifestazione popolare in grado di dare voce e visibilità ai migranti e all’Italia che non accetta il razzismo sulla base di queste parole d’ordine׃

* No al razzismo
* Regolarizzazione generalizzata per tutti
* Abrogazione del pacchetto sicurezza
* Accoglienza e diritti per tutti
* No ai respingimenti e agli accordi bilaterali che li prevedono
* Rottura netta del legame tra il permesso di soggiorno e il contratto di lavoro
* Diritto di asilo per rifugiati e profughi
* Chiusura definitiva dei Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE)
* No alla contrapposizione fra italiani e stranieri nell’accesso ai diritti
* Diritto al lavoro, alla salute, alla casa e all’istruzione per tutte e tutti
* Mantenimento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro
* Contro ogni forma di discriminazione nei confronti delle persone gay, lesbiche, transgender
* A fianco di tutti i lavoratori e le lavoratrici in lotta per la difesa del posto di lavoro