[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

500 mila le persone in attesa del permesso di soggiorno; spesso il permesso arriva che è già scaduto



Buongiorno
 
sul sito dei radicali è possibile aderire alla protesta dei nostri 101 amici.
 
L'altro ieri Ouattara Gaoussou è stato a rai News24. Su Terra e su l'Unità è uscita qualche notizia
Al Parlamento nella seduta dell'altro giorrno sulla cittadinaza, ne ha parlato il deputato Matteo Mecacci
cari saluti
Patrizia
 
 
Gli immigrati chiedono allo stato il rispetto della legalità
 
La morte di Sher Kan, dopo 20 anni di residenza in Italia, a causa delle leggi proibizioniste sull'immigrazione, è il tragico simbolo di come in Italia la nostra vita d’ immigrati in attesa del permesso di soggiorno sia la vita di reclusi. A seconda dei momenti, siamo realmente imprigionati nei Cie o in libertà vigilata, in balia della possibile revoca del permesso di soggiorno o della sua non ottenibilità.

Questa condizione è diventata addirittura reato passando alla diretta discriminazione razziale. 
La strada maestra per uscire da questa situazione è il riconoscimento della realtà del fenomeno immigratorio come una realtà positiva e necessaria allo sviluppo economico e sociale e che quindi deve vedere nelle normative un adeguato riconoscimento. Per questo obiettivo prendendo atto dell’attuale maggioranza parlamentare non sembrano esserci alcune possibilità. Nonostante siano già stati depositi diversi disegni di legge per l’allargamento della sanatoria oltre alle badanti.
Abbiamo deciso però di non fermarci ad attendere tempi migliori. E’ con questi presupposti che è nata la nostra campagna nonviolenta per affermare il principio di legalità sui tempi per i permessi di soggiorno.

Con l'approvazione del pacchetto sicurezza, le procedure burocratiche sono diventate ancora più centrali e riteniamo che il governo e il parlamento debbano, inderogabilmente, approvare alcune misure correttive dell'attuale politica criminogena.

Per il rinnovo annuale infatti, si aspetta sino a 8-15 mesi, nonostante il Testo unico sull’immigrazione preveda che “il permesso di soggiorno è rilasciato, rinnovato o convertito entro venti giorni dalla domanda". Sono oltre 500 mila le persone in attesa del permesso di soggiorno; spesso il permesso arriva che è già scaduto. Nonostante le nuove procedure elettroniche in alcune città l’arretrato è enorme e le questure non sanno come smaltirlo.
Esistono diverse risorse di cui può avvalersi il Governo e il Ministro degli Interni per risolvere questa urgenza umanitaria.

La prima ce l’ha suggerisce il Questore di Pavia che prendendo atto della situazione ha deciso di prolungare la validità del permesso di soggiorno con un timbro. In questo modo, mentre si attendono i tempi della burocrazia, i richiedenti potranno, senza le difficoltà che conosciamo, richiedere un posto di lavoro, prendere la patente, iscrivere all’asilo i propri figli.
Per altro verso il Governo potrebbe introdurre la regola del silenzio assenso. In Italia ormai si possono quasi costruire ville e palazzi con il silenzio assenso, ma questo non vale per i nostri regolari documenti.

L’iniziativa nonviolenta andrà avanti ad oltranza per chi vorrà e a staffetta per gli altri, fino alla risposta delle istituzioni preposte. Con me sono già più di 50 gli esponenti delle comunità d’immigrati di tutta Italia che in questi giorni si sono uniti allo sciopero della fame. Provengono da diversi paesi tra i quali Costa d'Avorio, Burkina Faso, Cameroun, Senegal, Congo, Pakistan, Guinea, Mali, Burundi e India.

Che prevalga la forza della verità e della legge! 
Aderisci allo sciopero della fame.