[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

=?windows-1252http-equivcontent-type?q?Giornata_Mondiale_dell=92Acqua,_AM?==?windows-1252http-equivcontent-type?q?REF:_=ABIn_Africa_l=9280%_delle_ma?==?windows-1252http-equivcontent-type?q?lattie_legato_alla_mancanza_di_acq?==?windows-1252http-equivcontent-type?q?ua_pulita=BB_(comunicato_stampa)?=



GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA, AMREF: IN AFRICA L'80% DELLE MALATTIE LEGATO ALLA MANCANZA DI ACQUA PULITA
Nell’anno dei primi Mondiali di calcio ospitati da un Paese africano, fino all’11 aprile torna la campagna H2GOL di AMREF e FIGC per dare accesso ad acqua pulita alle popolazioni di Kenya e Tanzania

Roma, 22 marzo 2010 - «Nella giornata scelta dalle Nazioni Unite per ricordare a tutti che l’acqua è vita, non bisogna dimenticare che ogni anno milioni di persone continuano a morire perché prive di accesso a fonti di acqua potabile per bere, cucinare e lavarsi. Senz’acqua non c’è salute, né sviluppo: i danni all’agricoltura sono incalcolabili, il bestiame muore, le lezioni a scuola non si possono svolgere regolarmente, le madri si devono assentare da casa ogni giorno per molte ore alla ricerca di acqua». Lo afferma Tommy Simmons, direttore generale di AMREF Italia, la principale organizzazione sanitaria no profit del continente africano, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua.

«L’80% delle malattie - spiega Simmons - in Africa è legato direttamente o indirettamente alla mancanza d’acqua pulita. In un paese come il Kenya, per esempio, la mancanza di acqua pulita è oggi il problema più grave che pesa sulle vite di migliaia di bambini e delle loro famiglie. Costruire un pozzo e insegnare alle comunità come gestire l’acqua, come proteggersi dalle malattie e curare l’igiene, significa salvare tante vite. Una fonte d’acqua sicura riduce di oltre il 20% la mortalità infantile, allontana le donne e i bambini da aree insalubri e riporta i bambini a scuola, in salute e con energie da dedicare allo studio».

Ecco perché AMREF ha lanciato anche quest’anno insieme alla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) la campagna H2GOL: fino all'11 aprile inviando un sms al 45506 da cellulari privati TIM, Vodafone, Wind, 3 e CoopVoce, oppure chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, è possibile donare 2 euro ad AMREF per dare accesso ad acqua pulita alle popolazioni di Kenya e Tanzania.

«Siamo felici del fatto che ancora una volta AMREF veda schierato al proprio fianco il calcio italiano - conclude Simmons - Nell’anno dei primi Mondiali ospitati da un Paese africano, la scelta della FIGC assume un significato ancora più importante e speriamo che l’appello sia accolto da molti italiani. Il futuro delle comunità africane con cui AMREF lavora da più di cinquant'anni dipende dall’aiuto di tutti».


La campagna H2GOL, patrocinata dal Segretariato Sociale della Rai, è la prima tappa del progetto "Un Gol per l'Africa", promosso dalla FIGC nell'anno dei Mondiali del Sudafrica a beneficio di tre grandi realtà no profit: oltre ad AMREF, la Campagna Globale per l'Educazione (CGE) e UNICEF, unite nell'aiutare l'Africa a migliorare la salute e l'istruzione dei bambini.

NOTA BENE
. In allegato il manifesto della campagna H2GOL 2010 di AMREF e FIGC in bassa risoluzione. La versione in alta risoluzione può essere scaricata da questo indirizzo: http://www.amref.it/doc_din/manifesto_H2GOL_2010_HR.pdf.

AMREF, fondazione africana per la medicina e la ricerca, è stata fondata a Nairobi nel 1957. Oggi impiega in Africa oltre 800 persone, per il 97% africani, e gestisce circa 140 progetti di sviluppo sanitario in sei paesi (Etiopia, Kenya, Sudafrica, Sudan, Tanzania e Uganda). Il network internazionale di AMREF è composto da 12 sedi in Europa, Stati Uniti e Canada. AMREF Italia ha due sedi a Roma e a Milano.

Ufficio stampa AMREF Italia - Simone Ramella
Tel. 06-99704664 - Cell. 347-9416538 - E-mail:
simone.ramella at amref.it
www.amref.it

Allegato Rimosso