[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Rivolte nel Nord Africa






----------------
 I veri abusivi
----------------



Le rivolte di questi ultimi giorni, che hanno visto scorrere sangue in vari Paesi, ben 
riconducono ad una verità per troppo tempo disdegnata dai progressisti di tutto il mondo: 
a frapporsi tra l'umanità ed il benessere e la felicità, oggi come sempre, sono i 
fedelissimi servi del tiranno, coloro i quali hanno barattato le loro coscienze con un 
posto a vita nei ruoli delle Funzioni Pubbliche.

Ve lo immaginate un despota senza i suoi fedelissimi statali? Potrebbe mai qualcuno 
instaurare una dittatura in una società in cui i ruoli pubblici, in primis quelli 
relativi all'ordine pubblico, fossero regolarmente restituiti al popolo, così come vuole 
il primo principio della democrazia, ed assegnati a rotazione?

Quanto di pertinenza e proprietà della collettività va condiviso: questa è la prima 
chiara ed evidente regola di una società evoluta. Ma allora perché i tanti progressisti 
dei Paesi più avanzati democraticamente ed economicamente non si sono ancora fatti un 
dovere di portare a compimento il lavoro di chi li ha preceduti democratizzando, dopo le 
strutture di Governo, anche quelle della Funzione Pubblica?

La causa di questo ritardo è di una univocità sbalorditiva: il mondo della cultura è 
ovunque ancora in mano ai baroni, a quegli svergognati che per mantenere i loro indebiti 
privilegi hanno ammaestrato per decenni intere generazioni di persone impegnate 
politicamente tenendole all'oscuro del fatto che nell'ambito di ciò che è pubblico 
bisogna necessariamente avvicendarsi, pena l'irrigidimento e la corruzione di tutto il 
sistema sociale.


La prima rivolta nel Nord Africa è iniziata con il sacrificio di un giovane lavoratore 
indipendente, di un uomo dignitosamente libero, che s'è visto sequestrare il banchetto 
del proprio piccolo commercio e tacciare di abusivismo proprio da coloro i quali 
occupavano a vita ruoli che appartenevano invece all'intero popolo e per questo 
rigorosamente da condividere. Di fatto i veri ABUSIVI sono gli STATALI. Questa è la 
nuova, dirompente, risolutiva consapevolezza da acquisire a livello globale.

Il mondo progressista, quello che invoca continuamente ambiente, diritti, lavoro e pace, 
ha da smettere di farsi inculcare e pilotare lungo strade che divergono da ciò che 
realmente conta dai professori a vita, dai baroni, da gente così spudorata da fare 
continui vani convegni sulla democrazia. Il mondo progressista ha un dovere preciso: 
crescere interiormente, emanciparsi dai suoi corrotti maestri e scacciare, s'intende 
pacificamente, legalmente, civilmente, con la nuda e pura espressione di un forte 
desiderio pronunciato ad alta voce, ovunque ed in continuazione, gli assunti a vita dai 
ruoli pubblici del proprio Paese. In modo da agevolare ovunque nel mondo un fondamentale 
balzo in avanti per l'umanità.

Non sono tanto i potenti oppressori a costituire un problema quanto i deboli 
inconsapevoli dei loro diritti.


Danilo D'Antonio

Laboratorio Sociopolitico
Piazza del Municipio
64010 Rocca SM - TE

tel. 339 5014947



http://Il-Gran-Complotto-degli-Statali.hyperlinker.org
http://Equo-Impiego-Pubblico-a-Rotazione.hyperlinker.org