[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Brucia il cie di Modena. Aggiornamenti da Bologna, Gradisca e Brindisi



Brucia il cie di Modena. Aggiornamenti da Bologna, Gradisca e Brindisi

"Libertà! Libertà!". È il grido che si leva da alcune ore nel centro di identificazione e espulsione di Modena. L'eco della rivolta arriva via telefono a Fortress Europe. Sono le 17,15 quando riceviamo la prima chiamata da parte di uno dei reclusi. La protesta è portata avanti dal gruppo dei 42 ragazzi tunisini sbarcati a Lampedusa nei giorni scorsi e trasferiti in blocco al cie di Modena, dove oltre a loro si trovano al momento altre 17 persone senza documenti in attesa del rimpatrio forzato. I reclusi hanno trascinato nel cortile materassi e vestiti e hanno bruciato tutto. Alcuni sono riusciti anche a salire sui tetti. Agenti della polizia sarebbero intervenuti malmenando alcuni dei tunisini e portandone via otto, al momento non si sa bene dove. Vi terremo aggiornati nelle prossime ore. 

Intanto segnaliamo che il centro di espulsione di Gradisca, dopo le proteste e gli incendi dei giorni scorsi, è praticamente inagibile, come apprendiamo da Il Piccolo. E a Bolognaintanto è tornato dietro le sbarre il tunisino che nei giorni scorsi si era cucito le labbra per protesta. Lunedì 28 febbraio invece appuntamento a Brindisi per la prima udienza del processo contro i tre tunisini arrestati per la rivolta con fuga di venerdì scorso.
http://fortresseurope.blogspot.com/2011/02/brucia-il-cie-di-modena-aggiornamenti.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+FortressEurope+(Fortress+Europe)&utm_content=FaceBook