[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CS INTERSOS: GLI IMMIGRATI SONO ANCHE CERVELLI INTERESSANTI E NON CE NE ACCORGIAMO



 

INTERSOS – COMUNICATO STAMPA                                                          SCARICA LO STUDIO           
28 ottobre 2011
                                                                                               SCARICA IL COMUNICATO

GLI IMMIGRATI SONO ANCHE CERVELLI INTERESSANTI E NON CE NE ACCORGIAMO

I dati dimostrano che i piu' poveri difficilmente possono permettersi di emigrare. Gia' nel 2009 INTERSOS ha diffuso un documento nel quale rilevava che meno del 2% dei migranti giunti in Italia provenivano da paesi di grave poverta', con un reddito pro capite annuo inferiore a 1.500 $. I paesi a maggiore emigrazione sono infatti quelli con un tale reddito intorno o superiore ai 5.000 $ annui. Salvo casi di persecuzioni o guerre, emigra chi puo' permetterselo, in termini economici, di istruzione, salute, capacità di iniziativa, intraprendenza. I paesi di origine delle comunita' piu' numerose in Italia sono: Romania 968.576, Albania 482.627, Marocco  452.424, Cina 209.934, Ucraina 200.730, Filippine 134.154, Moldova 130.948, India 121.036, Polonia 109.018, Tunisia 106.291, Perù 98.603, Equador 91.625 (Dossier statistico immigrazione, 2011). Pur trattandosi di paesi con difficolta', non sono certo quelli piu' poveri.

Questi dati contengono anche un fenomeno poco considerato nel dibattito italiano sull’immigrazione. Quello del brain drain, della perdita dei migliori cervelli che emigrano, con conseguente danno per i propri paesi, ma al tempo stesso della possibilita', in non pochi casi, di trasformalo in brain gain, in opportunita'. La nuova edizione del Dossier statistico immigrazione, presentato a Roma il 27 ottobre, propone in merito una riflessione di INTERSOS che puo' essere cosi' sintetizzata. O
gni anno decine di migliaia di immigrati qualificati entrano in Italia per poi dedicarsi a mansioni ben lontane dal loro profilo educativo e professionale. Laureati in fisica fanno i portieri, specialisti in materie tecniche sono impiegati come badanti…

Si tratta di competenze che vanno ad alimentare quel fenomeno noto come brain waste, spreco di cervelli, molto diffuso nel nostro paese. Eppure e' possibile e utile invertire questa tendenza, specie in periodi come questo, in cui diventa indispensabile concepire nuove forme di cooperazione con i paesi terzi, a vantaggio reciproco. Sarebbe necessario un cambiamento culturale, basato innanzitutto sulla conoscenza della realta' dell’immigrazione, delle sue potenzialita' e delle opportunita' che puo' offrire in molti casi la brain circulation, la possibilita' cioe' di poter valorizzare le competenze dei migranti sia in Italia che nei paesi di origine. Tra le persone che emigrano coloro che hanno ricevuto un’educazione secondaria o universitaria sono in proporzione elevata rispetto alla media della popolazione: 31.4% degli emigrati africani, contro una media nei paesi di origine del 3.6%; 47,2% degli emigrati asiatici, contro il 6%; 21% dei latino americani, contro l’11.8% (F. Docquier e A. Marfouk, 2006). Secondo i dati riportati dallo European Migration Network (2010) il 54,1% degli stranieri e' in possesso di diploma o laurea, ma circa i tre quarti (73,4%) svolgono una professione operaia o non qualificata. La conoscenza di questa presenza e' in Italia quasi nulla, rafforzando così l’immaginario collettivo da "barconi di disperati" che non trova riscontro nella realta', se non per quella specifica parte, molto mediatizzata ma anche molto limitata.


La valorizzazione di queste competenze, sia in Italia che nei paesi di provenienza sarebbe oggi la via da seguire, attraverso forme sempre piu' diffuse di brain circulation, di possibilita' cioè di lavorare, con regolare riconoscimento, sia qui da noi che nei propri paesi: ad iniziare dai progetti di cooperazione allo sviluppo e dalle molteplici opportunita' imprenditoriali e di scambi commerciali capaci di rafforzare le relazioni bilaterali a reciproco interesse. Alcuni tra Ong, Associazioni, Organizzazioni imprenditoriali, Camere di commercio, Enti di ricerca, Regioni e Enti locali lo stanno capendo. Sarebbe utile che anche il Governo comprenda che la brain circulation puo' essere, anche se in modo limitato, una straordinaria opportunità per il nostro paese, le sue realtà territoriali e le sue relazioni internazionali.

Per informazioni:
Ufficio Stampa INTERSOS
Paola Amicucci
328.0003609 - comunicazione at intersos.org
www.intersos.org