[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Centro Doc. Focus: Gas serra il Clean Developmen Mechanism



 
Se questo messaggio non è visualizzato correttamente clicca qui



NEWSLETTER n. 4 - Aprile 2012

OLTRE 900 DOCUMENTI DA CERCARE E TROVARE
NEL NOSTRO CENTRO DOCUMENTAZIONE

Tra i documenti più recenti inseriti nel Centrodoc del COSV, questo mese proponiamo un focus dedicato al Clean Development Mechanism (CDM) sul controllo delle emissioni di gas serra, e vi segnaliamo inoltre 2 dossier che tentano una fotografia del Sud Sudan a 9 mesi dall'indipendenza.

Seguici anche su Facebook/COSV-Solidarietà italiana nel Mondo

 

- CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM (CDM)


Le schede proposte forniscono risposte alle domande più comuni su cosa è e come funziona il Clean Developmen Mechanism (CDM), i progetti che si possono realizzare e i vantaggi che si possono trarre dall'uso del CDM. Il Clean Development Mechanism (CDM) è uno dei meccanismi flessibili previsti dal Protocollo di Kyoto, che permette alle imprese dei Paesi industrializzati che hanno vincoli di emissione di realizzare progetti mirati alla riduzione delle emissioni di gas serra nei Paesi in via di sviluppo senza vincoli di emissione. Lo scopo di questo meccanismo è duplice: da un lato permette ai Paesi in via di sviluppo di disporre di tecnologie più pulite; dall'altro permette l'abbattimento delle emissioni dove è economicamente più conveniente, consentendo di ridurre i costi complessivi per l’adempimento degli obblighi derivanti dal Protocollo di Kyoto.  Leggi il documento


POSSIBILITÀ E LIMITI DEGLI ACCORDI VOLONTARI PER LA COMPENSAZIONE DELLA CO2


Insieme all'impegno assunto dalle istituzioni nazionali e internazionali per il contenimento dell'effetto serra nell'ambito della United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) e del Protocollo di Kyoto, vi è anche quello volontario intrapreso dalle diverse componenti della società civile. Tutto nasce dalla volontà dei vari organismi profit e non-profit, amministrazioni locali e anche singoli cittadini, di "azzerare" o diminuire la propria impronta ecologica attraverso la riduzione e la compensazione delle emissioni di cui sono responsabili. L'avvio di iniziative concrete volte a ridurre le proprie emissioni di gas di serra nell'atmosfera è anche legato a motivazioni etiche e alla consapevolezza di far parte di un sistema complesso. Ma la misura e la gestione delle proprie emissioni rappresenta inoltre, un fattore sempre più importante di distinzione e competitività, diventando inoltre, nel medio-lungo periodo, una strategia di riduzione dei costi di produzione.
Leggi il documento  


 STATE AND TRENDS OF THE CARBON MARKET 2011


Dossier della Banca Mondiale sulle questioni che più hanno interessato  il mercato del carbonio tra il  2010 e il 2011 e sulle nuove tendenze del mercato. Il rapporto fornisce inoltre un quadro delle dimensioni di tale mercato; l'evoluzione dei meccanismi di flessibilità di Kyoto, e gli scenari della domanda per i prossimi anni. Infine il rapporto 2011 propone alcuni temi importanti legati ai regolamenti e sulle strategie politiche che guideranno il futuro sviluppo del mercato del carbonio.
Leggi il documento  


POST-INDEPENDENCE SOUTH SUDAN: THE CHALLENGES AHEAD



L'accordo  di pace e il processo di indipendenza del Sud Sudan hanno lasciato irrisolti alcuni problemi chiave che potrebbero, alla fine, mettere in pericolo l'intero processo di pace in corso. In particolare, le questioni irrisolte della cittadinanza, delle frontiere e la condivisione delle risorse con i paesi vicini, compreso il Sudan, rappresentano questioni strategiche decisive.
Il nuovo stato dovrà dunque concentrarsi sulla "costruzione" di uno Stato che sia anche Nazione; sul rafforzamento degli sforzi per la costruzione di una pace duratura; sulla prevenzione dei possibili conflitti interni e esterni; sul miglioramento della sicurezza; sulla realizzazione di un processo sviluppo economico in grado di ridurre la povertà e garantire i benefici ottenuti dall'indipendenza. Leggi il documento


SOUTH SUDAN: INTERNATIONAL STATE-BUILDING AND ITS LIMITS


Il Sud Sudan è impegnato nel progetto di costruzione di uno Stato, mentre la comunità internazionale cerca di scongiurare il pericolo di implosione del giovane Paese stretto nella morsa di  pericolosi conflitti interni. Anche sotto la spinta di una forte leadership,  il processo per la creazione e il consolidamento del nuovo Stato sarà probabilmente lento  e le condizioni politiche sono ben lungi dal fornire un ambiente favorevole per la costruzione dello Stato più che mai vulnerabile alle pressanti esigenze di forze rivali. Questo rende quasi impossibile perseguire politiche di sviluppo coerenti e rispettare le decisioni prese. In questo contesto dove sia le risorse statali, sia le istituzioni vengono utilizzate principalmente per costruire strutture clientelari, le capacità di governare  risultano  inefficaci quando non controproducenti. Leggi il documento  


Info: COSV - Via Soperga, 36 - 20124 Milano - Tel. 02 2822852 - Mail: segreteria at cosv.org


Nota bene: Il Cosv utilizza questa news letter per diffondere unicamente informazioni e comunicazioni sulle novità del Centro di Documentazione COSV. In relazione alle Leggi 675/96, n 196/2003 e successive modifiche di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, si precisa che gli indirizzi e-mail provengono da nostri soci, da conoscenze personali di amici/che, da contatti avuti in occasione delle nostre attività e assicuriamo che detti indirizzi e-mail saranno trattati con la massima riservatezza e non verranno divulgati.

Se non vuoi più ricevere questa News Letter clicca qui




Copyright COSV ©


 

Newsletter inviata con