[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Manifestazione contro il ricevimento all'Eliseo di Blaise Compaoré.



Manifestazione contro il ricevimento all'Eliseo di Blaise Compaoré. 

Lunedì 17 settembre 2012 alle ore18,30 a Parigi alla Fontana degli Innocenti.  

 

FERMIAMO IL SOSTEGNO AI DITTATORI 

SOSTENIAMO I POPOLI AFRICANI 

NO ALLA FRANCAFRIQUE 

 

Blaise Compaoré, a capo dello Stato Burkinabe da più di venticinque anni in seguito all'assassinio di Thomas Sankara, diventato oggi l'eroe della gioventù africana per la speranza che aveva suscitato all'epoca, dev’essere ricevuto all'Eliseo il prossimo18 settembre. 

 

« Il cambiamento è ora » dicevano i manifesti della campagna elettorale di François Hollande. Ne dubitiamo sempre più. Questo ricevimento, di uno dei pilastri della Françafrique, segue quello di Ali Bongo. 

 

Blaise Compaoré ha costruito il suo potere e la sua fortuna su una lunga serie di crimini economici e di sangue, la cui maggior parte sono registrati nei rapporti dell'ONU e sono rimasti sino ad oggi impuniti: traffico d’armi e di diamanti a profitto dell'UNITA; implicazione nei conflitti in Sierra Leone e in Liberia che hanno causato l'omicidio, lo stupro e la mutilazione di 500.000 persone in Sierra Leone e di circa 600.000 in Liberia; sostegno ai ribelli della Costa d'Avorio il cui capo, Guillaume Soro, ha dichiarato che Compaoré era il suo mentore; implicazione nel conflitto a nord del Mali. Nel suo paese, con l’assassinio di decine di oppositori, ex collaboratori civili e militari, di studenti e giornalisti, tra cui il più noto: Norbert Zongo. Tutti crimini rimasti sino ad oggi impuniti. 

 

Nel 2011 per parecchi mesi l’intero popolo burkinabè si è sollevato contro il potere, solo pochi mesi dopo che Blaise Compaoré era stato eletto con l’ 80% dei votanti, ma con solo 1,500.000 voti: solo la metà della popolazione infatti si era iscritta sugli elenchi elettorali e poco più della metà degli iscritti ha partecipato allo scrutino. 

Corruzione, appropriazione di buona parte dell'economia da parte del clan Compaoré, spoliazione delle terre a profitto dei dignitari dell'agro-industria, impoverimento della popolazione, è questa, per chi sa guardare al di là delle apparenze, l’oscura realtà di un regime vilipeso dal suo popolo. 

 

Per questi motivi le nostre organizzazioni:  

 

• denunciano il sostegno politico che François Hollande porta al regime di Blaise Compaoré che oggi deve rispondere davanti al Tribunale Penale Internazionale, così come ha fatto Charles Taylor;  

• sostengono la lotta dei democratici burkinabè per la creazione di una vera democrazia in Burkina Faso e affinché cessi l'impunità;  

• chiedono che sia fatta verità sull'assassinio di Thomas Sankara ed in particolare sull'implicazione della Francia così come chiede l’appello Giustizia per Sankara Giustizia per l'Africa firmato da 10.000 persone;  

• esigono che sia messa fine alla Françafrique e al sostegno dei dittatori ed autocrati in Africa con atti decisi;  

• chiedono ai militanti e a tutti gli amici del popolo burkinabè di denunciare l'accoglienza riservata dalla Francia a Blaise Compaoré, e di partecipare alla manifestazione. 

 

SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO BURKINABE 

GIUSTIZIA PER SANKARA GIUSTIZIA PER L'AFRICA 

 

Lunedì 17 Settembre 2012 alle ore 18,30 a Parigi, alla Fontana degli Innocenti nei pressi di Halle.

 

Prime organizzazioni firmatarie:

 

SURVIE, Collectif France « Justice pour Sankara Justice pour l’Afrique », Sortir du colonialisme, UNIR PS (Union Pour la Renaissance parti sankariste) section France, Front de gauche (PCF, Parti de gauche, Gauche anticapitaliste, Gauche unitaire, FASE, Convergence Alternative, PCOF, Socialisme et République), Europe Ecologie Les Verts, Afrique en luttes, AfricAvenir International, CAAC - Comores, Mouvement ça suffit comme ça Gabon, MRD Guinée Equatoriale, Collectif Baraka, Ligue pour la Justice le developpement et les droits de l’homme, Mali), Association Mémoire algérienne, Per a Pace, GRITAC (Groupe de Réflexion pour l’Intégrité Territoriale des Comores), SOS-DEMOCRATIE Comores, Collectif BARAKA, UPC (Union des populations du Cameroun, Comitato italiano SANKARAXX, CADTM France, AFASPA (Association d’amitié et de solidarité avec les peuples d’Afrique, Au Nom de la mémoire.

http://www.thomassankara.net/spip.php?article1351&lang=fr