[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Africa] Kenya / Somalia: oltre un milione di profughi somali deve lasciare il Kenya




Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in www.gfbv.it/2c-stampa/2013/131111it.html

Kenya / Somalia: oltre un milione di profughi somali deve lasciare il Kenya
APM critica l'accordo per il rimpatrio dei profughi somali

Bolzano, Göttingen, 11 novembre 2013

Profughi somali in attesa di registrazione presso il campo di Dadaab in Kenya. Foto: Oxfam international. Profughi somali in attesa di registrazione presso il campo di Dadaab in Kenya. Foto: Oxfam international.

L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha aspramente criticato il piano del governo keniano di rimpatriare oltre un milione di profughi somali. Il rimpatrio dei profughi in un paese che è ancora lontano dal poter essere considerato sicuro è disumano e irresponsabile. In Somalia addirittura la capitale Mogadiscio è pericolosa, soggetta a costanti attentati e omicidi politici. Le autorità somale non sono in grado di sistemare in modo umano nemmeno i 369.000 profughi interni rifugiatisi a Mogadiscio, impensabile l'accoglienza e l'assistenza a ulteriori 1,1 milioni di persone.

In seguito alla mediazione dell'Alto Commissariato per i Profughi dell'ONU (ACNUR), il Kenya e la Somalia hanno firmato lo scorso 9 novembre un accordo per il rimpatrio volontario dei profughi somali. In Kenya vivono attualmente 610.000 profughi somali con regolare permesso e circa altri 500.000 profughi clandestini. Il criticato programma di rimpatrio dovrebbe concludersi in tre anni. Dopo l'attacco terroristico a un centro commerciale avvenuto nel settembre 2013 e in cui morirono 67 persone, il governo di Nairobi ha chiesto un rapido rimpatrio dei profughi. Joseph Ndathi, governatore della regione al confine con la Somalia, è addirittura arrivato a definire i profughi "una minaccia per la sicurezza del paese".

La Somalia è distrutta da due decenni di guerra civile e la situazione nel paese, soprattutto nelle regioni extra-urbane, continua ad essere estremamente pericolosa. La decisione dell'organizzazione umanitaria "Medici senza frontiere" di lasciare il paese per mancanza di sicurezza per il proprio personale dimostra la gravità della situazione. Solo lo scorso 8 novembre vi è stato un altro attentato a Mogadiscio, nel quale sono morte quattro persone.

Finora solo 30.000 profughi somali hanno lasciato volontariamente il Kenya e l'Etiopia per tornare nel proprio paese. Più di 400.000 profughi continuano a vivere in condizioni più che precarie nei campi di Dadaab, una città di tende in una regione estremamente povera e semidesertica del Kenya, vicino alla frontiera con la Somalia. Nel luglio 2013 la Corte Suprema del Kenya aveva dichiarato come incostituzionale il piano del governo di deportare nei campi di Dadaab tutti i profughi somali, inclusi quelli che avevano raggiunto le grandi città del Kenya.

Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130924it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130915it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120222it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110609it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110810it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110401it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110301ait.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/111101it.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/nairob-it.html
in www: http://it.wikipedia.org/wiki/Somalia | http://en.wikipedia.org/wiki/Dadaab

--
> Per i diritti umani. In tutto il mondo / Für Menschenrechte. Weltweit
Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker
Via Marconi Str. 5 - I-39100 Bolzano / Bozen
Dr. Mauro di Vieste - Tel/Fax: +39 0471.972240
Email: info at gfbv.it - www.gfbv.it
5x1000? C.F./MwSt. 94032570213