[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Africa] Darfur: oltre 215.000 nuovi profughi dall'inizio dell'anno



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140408it.html

Darfur: oltre 215.000 nuovi profughi dall'inizio dell'anno
Miliziani distruggono più di 120 villaggi nel Sudan occidentale

Bolzano, Göttingen, 8 aprile 2014

Dall'inizio di gennaio 2014 ad oggi più di 215.000 persone sono in fuga dalle milizie che stanno ancora una volta mettendo a ferro e fuoco il Darfur. Secondo molte testimonianze, solamente nella scorsa settimana le cosiddette "Rapid Support Forces" hanno distrutto più di 120 villaggi nella regione attorno alla città di Nyala nel Darfur meridionale e in poco più di anno, da gennaio 2013 ad oggi, circa 700.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie case e a fuggire dalla nuova ondata di violenza che imperversa nel Darfur. L'attuale situazione riporta alla mente la tragedia del genocidio, quando - tra il 2003 e il 2007 - l'esercito sudanese ma soprattutto le milizie Janjaweed bruciarono, bombardarono e distrussero circa 4.000 villaggi nel Sudan occidentale causando circa 400.000 morti, mettendo in fuga un milione di persone di cui circa 100.000 si riversarono nel vicino Ciad.

Secondo diverse testimonianze molti Darfuri temono le nuove Rapid Support Forces più delle famigerate milizie Janjaweed. Le "Rapid Support Forces" sono una milizia istituita nell'autunno del 2013 dallo stesso esercito sudanese, formata da persone appartenenti ai gruppi etnici arabi presenti in Sudan e create per sostenere l'esercito sudanese nella lotta contro il movimento dello SPLM-North nel Sud-Kordofan. In seguito ad alcune sconfitte militari nella regione e alle massicce proteste della popolazione, nel febbraio 2014 le Rapid Support Forces sono state ritirate dal Sud-Kordofan e stazionate nel Darfur. Da allora il Darfur sembra essere attraversato da una scia di sangue e terrore e centinaia di migliaia di persone sono ancora una volta in fuga.

Nel frattempo anche le Nazioni Unite hanno ripreso a parlare di una "escalation allarmante della violenza" in Darfur. Lo scorso 3 aprile l'incaricato speciale dell'ONU e dell'Unione Africana per il Darfur Mohamed Ibn Chambas ha messo in guardia dalla nuova ondata di violenza causata dalle Rapid Support Forces. Le istituzioni internazionali ancora non sono riuscite a documentare in modo esauriente l'attuale situazione ma hanno espresso la loro profonda preoccupazione per la nuova ondata di profughi provenienti dal Darfur. Ancora una volta le vittime principali sono i bambini e minori. Secondo i dati forniti dalla Commissione umanitaria sudanese il 70% dei profughi del Darfur settentrionale hanno meno di 18 anni e circa un quarto di tutti i profughi ha meno di cinque anni d'età.

Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140318it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140203it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140107it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/131029it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130813it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130703it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130418it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130408it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130221it.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/darfur-it.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/darfur-man.html in www: it.wikipedia.org/wiki/Sudan | www.italianblogsfordarfur.it | www.hrw.org/reports/2011/06/05/darfur-shadows-0

--
> Per i diritti umani. In tutto il mondo / Für Menschenrechte. Weltweit
Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker
Via Marconi Str. 5 - I-39100 Bolzano / Bozen
Dr. Mauro di Vieste - Tel/Fax: +39 0471.972240
Email: info at gfbv.it - www.gfbv.it
5x1000? C.F./MwSt. 94032570213