[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Africa] Repubblica Centrafricana: 22 persone morte durante un attacco all'ospedale di un'organizzazione umanitaria



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140428it.html

Repubblica Centrafricana: 22 persone morte durante un attacco all'ospedale di un'organizzazione umanitaria Continua la fuga in massa della popolazione musulmana dalla capitale Bangui - Crolla l'assistenza umanitaria nel paese

Bolzano, Göttingen, 28 aprile 2014

Peggiora ancora la situazione nella Repubblica Centrafricana. Lo scorso 26 aprile un plotone delle milizie Seleka ha attaccato un ospedale dell'organizzazione Medici senza Frontiere a Nanga Boguila, a nord della capitale Bangui. Nell'attacco sono state uccise almeno 22 persone. Tra le vittime risultano tre medici dell'organizzazione e 16 rappresentanti della comunità che si erano riuniti nell'ospedale per pianificare insieme la continuazione dei progetti portati avanti dall'organizzazione umanitaria. I miliziani di Seleka avrebbero prima saccheggiato gli uffici dell'ospedale e poi fucilato almeno 22 persone. Contemporaneamente nella capitale Bangui la violenza e le minacce delle milizie Anti-Balaka hanno costretto 1.300 persone di fede musulmana a lasciare la propria casa e a rifugiarsi nel nord del paese.

La violenza diffusa nel paese e la mancanza di poliziotti e/o soldati e di tribunali funzionanti capaci di far rispettare la legislazione ha causato il crollo dell'assistenza umanitaria nel paese e ha costretto molte organizzazioni umanitarie internazionali a chiudere le proprie sedi estee e a interrompere i propri progetti proprio in un momento in cui l'assistenza umanitaria è fondamentale per la sopravvivenza della popolazione civile. Dei circa 4,6 milioni di abitanti del paese africano circa 2,5 milioni dipendono dagli aiuti esterni. A causa della guerra civile nel paese manca il cibo, l'acqua potabile e l'assistenza medica. Le prime vittime sono i bambini che soffrono di acuta malnutrizione. La situazione si fa ancora più difficile per i circa 603.000 profughi interni di cui 180.000 sono accampati in condizioni disumane nella capitale Bangui.

Gli scontri per il potere e il malcontento hanno ormai assunto le sembianze di uno scontro religioso che rischia di spaccare in due il paese, una parte settentrionale musulmana e una parte meridionale cristiana. Mentre risulta evidente l'incapacità dei soldati della missione francese e dei circa 6.000 soldati dell'Unione Africana, sembra prendere forma una missione dell'Unione Europea in seguito al via libera dell'ONU con la risoluzione 2134.

Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140305it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140218it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140109it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2014/140103it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/131211it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2013/131124it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2005/050513it.html
in www: http://it.wikipedia.org/wiki/Repubblica_Centrafricana

--
> Per i diritti umani. In tutto il mondo / Für Menschenrechte. Weltweit
Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker
Via Marconi Str. 5 - I-39100 Bolzano / Bozen
Dr. Mauro di Vieste - Tel/Fax: +39 0471.972240
Email: info at gfbv.it - www.gfbv.it
5x1000? C.F./MwSt. 94032570213