[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Il Secolo XIX 30.1.05



cati at cuccefelici.com
www.cuccefelici.com Parto record: tredici cuccioli a Cavi Per allattarli mamma Lilly non basta Lavagna Lei Lilly, un incrocio fra un collie e uno schitzu. Lui Leo, un mezzo segugio bianco e nero di taglia media. Loro, di Leo e di Lilly: 12 cuccioli nati lo scorso 26 gennaio che nel giro di alcune settimane avranno bisogno di una casa. Il tredicesimo cucciolo, putroppo se ne andato nei primi giorni, come spesso accade in natura alle cucciolate così numerose. «Tredici cuccioli in una volta sono un fatto davvero fuori della norma - spiega l'animalista Eugenia Rebecchi dell'associazione Ayusya -, e la mamma, che normalmente ha soltanto 9 o 11 mammelle da latte, deve essere aiutata in questi casi a dare da mangiare ai cuccioli altrimenti rischia di vederne morire qualcuno». È stato così, putroppo, per Lilly che ha perso il tredicesimo cagnolino nei primi giorni di vita, nonostante sia stata (e sia ancora) aiutata ad allattare da tutti i componenti della famiglia di Cavi benedetta dall'eccezionale parto canino: Tea Fontana, suo marito e i suoi due figli, un maschio e una femmina di 16 e 14 anni. «Il primo giorno dopo il parto, che è avvenuto nella notte fra il 25 e il 26, non ho mandato i miei figli a scuola tanta era la confusione in casa per la nascita dei cuccioli, e poi bisognava stare sempre attenti che tutti riuscissero a prendere il latte dalla mamma», racconta la donna. «Ora i cuccioli devono restare con la mamma ancora trenta o quaranta giorni dopo di che saranno pronti per essere adottati. Li regalo - chiude Tea - ma solo a persone che amano gli animali, meglio se referenziate». Per tutti gli interessati il numero da chiamare è il 338.2667881. Dalla vasca spuntano le tartarughe La maggior parte delle tartarughe lacustri del laghetto dei Parchi di Nervi è già"in vacanza" in Sardegna, protetta e tutelata in apposite strutture. Le altre, forse sei, rimaste ancora a Nervi, non viste perché in letargo tra il fango del fondale, verranno prese e riunite alle loro compagne. Senza traumi. Infatti, in occasione di un intervento di manutenzione straordinaria da effettuarsi sulle tubature del parco, la vasca delle ninfee verrà svuotata. Il che permetterà, senza troppi problemi, di prelevare i rettili e di portarli dove, senza dubbio, fa più caldo. Bellezza del luogo a parte, infatti, per chi ha il sangue freddo come le tartarughe, gli zero gradi di questo periodo non sono certo l'ideale. Di sicuro, in questi giorni di pulizie, le tartarughe sono diventate le beniamine assolute. Alcuni membri dell'Associazione amici dei parchi, nell'opera di pulizia del laghetto, si sono premurati di prelevare le tartarughe dall'acqua, tenendole in mano. E ci è scappato anche un tête-à-tête tra Giuseppe Mannino, pensionato alle prese con le foglie cadute nell'acqua, ed un piccolo esemplare, che dal suo guscio ha fatto capolino verso il viso del divertito lavoratore. La più in apprensione, Cristina Morelli capogruppo dei Verdi in Comune, presente anche lei ieri mattina e subito preoccupata per lo stato di salute dei piccoli animali. «Ma so che l'assessore Dallorto mi aiuterà nel trasferimento degli esemplari», ha detto Morelli. G. D'A.
imperia
Smarrita cagnetta a Borgo d'Oneglia
È stata smarrita nei giorni scorsi una cagnetta lupa di colore nero e stazza abbondante nella zona di Borgo d'Oneglia. L'animale risponde al nome di Susy ed è tatuata. Chi la trovasse è pregato di chiamare il numero 347 8535442. È stato invece trovato un altro cane, un dobermann non vedente, che è stato preso in consegna dalla pensione Ulivi di Chiusavecchia. Il padrone dell'animale può mettersi in contatto con la pensione. Lupo Ezechiele ha trovato una compagna Chiusa Pesio (Cuneo)Ezechiele, il lupo giramondo investito sulla tangenziale di Parma il 24 febbraio dell'anno scorso, curato e rimesso in libertà con un radiocollare che informa gli studiosi della sua posizione, ha trovato compagnia. Dopo aver attraversato tutto l'Appennino ligure si è stabilito in valle Pesio, nelle Alpi Marittime, diventato terreno di caccia di un branco ormai da sei anni. I ricercatori hanno trovato sue tracce insieme a quelle di una femmina.