[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: Proiettili al plasma



ricevo e giro:
----- Original Message -----
 da http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=0&idart=1684
Stati Uniti d'America - 11.3.2005
L'arma del dolore
Gli Usa stanno sviluppando un'arma al plasma che provochi il massimo dolore possibile
L?esercito statunitense sta finanziando gli esperimenti per sviluppare un?arma capace di provocare, nel raggio di due chilometri, il massimo grado di dolore possibile senza causare danni permanenti. La nuova arma sarebbe per esempio utilizzabile per immobilizzare i partecipanti a una protesta di piazza. Ma secondo molti neurologi uno strumento del genere, oltre che deprecabile dal punto di vista etico, rischierebbe comunque di ledere il sistema nervoso centrale e persino di provocare la morte delle persone con salute fragile.
 
Proiettili al plasma. La ricerca, portata avanti dalla University of Florida, è venuta alla luce quando il Sunshine Project, un?organizzazione statunitense che si occupa di monitorare gli studi sulle armi biologiche, ha portato alla luce il contratto con cui lo US Naval Studies Board ha commissionato gli esperimenti ai neurologi dell?ateneo. Nel documento, ottenuto grazie alla legge sulla libertà dell?informazione, si mette nero su bianco lo studio delle ?conseguenze sensoriali di impulsi elettromagnetici emessi con plasma indotto dal laser?. Tutto riguarda i cosiddetti PEP (Pulsed Energy Projectiles), dei proiettili che azionano un impulso laser capace di generare un plasma che si espande quando colpisce qualcosa di solido, come una persona.
 
Gli effetti. Secondo un rapporto dello US Naval Studies Board del 2003 sulle armi non letali, redatto per la marina statunitense, i PEP hanno prodotto ?dolore e una temporanea paralisi? sugli animali sottoposti ai test. Dato che il plasma agisce sui neuroni che attivano la sensazione del dolore, il nuovo studio ? finanziato con 514mila dollari ? vuole trovare il modo di potenziare l?effetto per renderlo efficace anche sull?uomo. Il contratto chiede ai ricercatori di scoprire ?i parametri di impulso ottimali per provocare un picco nell?attivazione sensoriale?, in altre parole di capire quanto dolore è possibile provocare senza rischiare danni permanenti o la morte della persona.
 
I pareri dei neurologi. ?Tecnicamente, un?arma che immobilizzi una persona esiste già ? dice Fabrizio Di Stani, medico del Centro di Terapia del dolore all?ospedale Umberto I di Roma ? ma stiamo parlando delle pistole in dotazione alla polizia, che provocano una scarica elettrica. Un?arma al plasma che agisca sui neuroni di tutti quelli che si trovano nel raggio di due chilometri mi sembra rischiosissima. Non si possono escludere danni sul sistema nervoso centrale?. Secondo Di Stani, gli effetti dipenderebbero anche dalla distanza a cui si trova chi è colpito dal plasma. ?E? chiaro che a 20 metri l?intensità dello stimolo sarebbe enorme. Utilizzare uno strumento del genere contro un gruppo di persone potrebbe essere estremamente pericoloso?.
 
Per Franco Del Conno, primario del Reparto di Terapia del dolore e Cure palliative all?Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, ci sarebbe anche il rischio di morte. ?In caso di persone fragili di salute, uno stimolo così intenso potrebbe benissimo uccidere. I neuroni attivati vanno a gonfiare i vasi sanguigni, la circolazione sanguigna è sotto fortissima pressione. Non si tratta solo di danni al sistema nervoso centrale: se uno è debole di cuore, per esempio, provocargli un dolore fortissimo può farlo rimanere secco. Dal punto di vista etico, di un?arma del genere penso tutto il male possibile?.
--------------
 http://www.newscientist.com/article.ns?id=dn7077

Maximum pain is aim of new US weapon

  • 19:00 02 March 2005
  • Exclusive from New Scientist Print Edition
  • David Hambling

The US military is funding development of a weapon that delivers a bout of excruciating pain from up to 2 kilometres away. Intended for use against rioters, it is meant to leave victims unharmed. But pain researchers are furious that work aimed at controlling pain has been used to develop a weapon. And they fear that the technology will be used for torture.

"I am deeply concerned about the ethical aspects of this research," says Andrew Rice, a consultant in pain medicine at Chelsea and Westminster Hospital in London, UK. "Even if the use of temporary severe pain can be justified as a restraining measure, which I do not believe it can, the long-term physical and psychological effects are unknown."

The research came to light in documents unearthed by the Sunshine Project, an organisation based in Texas and in Hamburg, Germany, that exposes biological weapons research. The papers were released under the US's Freedom of Information Act.

One document, a research contract between the Office of Naval Research and the University of Florida in Gainesville, US, is entitled "Sensory consequences of electromagnetic pulses emitted by laser induced plasmas".

It concerns so-called Pulsed Energy Projectiles (PEPs), which fire a laser pulse that generates a burst of expanding plasma when it hits something solid, like a person (New Scientist print edition, 12 October 2002). The weapon, destined for use in 2007, could literally knock rioters off their feet.

Pain trigger

According to a 2003 review of non-lethal weapons by the US Naval Studies Board, which advises the navy and marine corps, PEPs produced "pain and temporary paralysis" in tests on animals. This appears to be the result of an electromagnetic pulse produced by the expanding plasma which triggers impulses in nerve cells.

The new study, which runs until July and will be carried out with researchers at the University of Central Florida in Orlando, aims to optimise this effect. The idea is to work out how to generate a pulse which triggers pain neurons without damaging tissue.

The contract, heavily censored before release, asks researchers to look for "optimal pulse parameters to evoke peak nociceptor activation" - in other words, cause the maximum pain possible. Studies on cells grown in the lab will identify how much pain can be inflicted on someone before causing injury or death.

Long-term risk

New Scientist contacted two researchers working on the project. Martin Richardson, a laser expert at the University of Central Florida, US, refused to comment. Brian Cooper, an expert in dental pain at the University of Florida, distanced himself from the work, saying "I don't have anything interesting to convey. I was just providing some background for the group." His name appears on a public list of the university's research projects next to the $500,000-plus grant.

John Wood of University College London, UK, an expert in how the brain perceives pain, says the researchers involved in the project should face censure. "It could be used for torture," he says, "the [researchers] must be aware of this."

Amanda Williams, a clinical psychologist at University College London, fears that victims risk long-term harm. "Persistent pain can result from a range of supposedly non-destructive stimuli which nevertheless change the functioning of the nervous system," she says. She is concerned that studies of cultured cells will fall short of demonstrating a safe level for a plasma burst. "They cannot tell us about the pain and psychological consequences of such a painful experience."



Per annullare l'iscrizione a questo gruppo, manda una mail all'indirizzo:
antiamericanisti-unsubscribe at yahoogroups.com




Yahoo! Groups Sponsor


Collegamenti utili di Yahoo! Gruppi


No virus found in this incoming message.
Checked by AVG Anti-Virus.
Version: 7.0.308 / Virus Database: 266.8.3 - Release Date: 25/03/05