[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

qualche domanda [sterilizzazione e iniziative]



----- Original Message ----- 
From: "Roberta Benigni" <roby.2003 at virgilio.it>

io sono una volontaria che accudisce una colonia felina ed anche membro
dell'Associazione cinofila senigalliese e per gli amici dei gatti che conta
"ben" 30 iscritti.
Vorremmo offrire qualche idea alla nostra amministrazione comunale, un pò
sorda in tal senso, in merito alla lotta contro il randagismo di cani e
gatti. Fino a due anni fa i nostri amministratori, non evendo nemmeno
lettocosa dispone la legge, dava 300 euro IN DENARO a chi avesse adottato un
cane
del canile comunale, iniziativa che poi è stata interrotta grazie aalla LAV
di Ancona.
Noi invece sosteniamo iniziative analoghe a quella della provincia di Rimini
(operazione "gatta ci cova" vedi in coda a questa email), sia per cagne che
per gatte (non osiamo per ora estendere tanto anche ai maschi) per ridurre
il fenomeno dell'abbandono delle cucciolate (e
a volte pure delle mamme incinte). A questo proposito vogliamo fare una
ricerca di tutte quelle amministrazioni (comuni, regioni, province) che
abbiano a tutt'oggi adottato provvedimenti analoghi.
potete darci un'idea di quali sono?
Su internet trovo qualcosa, ma è un  pò poco (forse è poco veramente nei
fatti!!!).
Un'altra cosa: vorrei sapere se una volta che una ASL cattura un cane
vagante che il padrone non reclama e che non viene adottato è obbligata a
sterilizzarlo.
Grazie e a presto

Roberta



      PROVINCIA RIMINI, 'GATTA CI COVA' CONTRO RANDAGISMO
      26 mag 05
      Convenzione con veterinari per sterilizzazione delle gatte.

      26 maggio 2005 - In tutta la provincia di Rimini e' partita la
campagna ''Gatta ci cova'' per contenere, attraverso la sterilizzazione
delle gatte, il fenomeno del randagismo felino che sta diventando un
problema serio.
      Dai censimenti compiuti risulta infatti che il numero dei gatti si
aggira attorno a 2000 unita' e che le colonie sono oltre 270, con una
crescita rispetto all'anno precedente di 993 gatti e 132 colonie in piu'. La
Provincia di Rimini sostiene percio' la campagna di sterilizzazione per
contenere il fenomeno del randagismo felino, dovuto in gran parte
all'abbandono dei cuccioli nati a seguito degli accoppiamenti con gatte
domestiche. Il comitato provinciale di tutela e controllo della popolazione
felina ha approvato la convenzione con l'ordine dei medici veterinari della
provincia riminese finalizzata alla riduzione dei costi degli interventi
effettuati su gatte di proprieta' di privati. In sostanza anziche' pagare
104 euro, grazie alla convenzione si pagheranno solamente 49 euro, perche'
35 saranno a carico della Provincia e 20 dei medici veterinari.
      Come fare per ottenere l'agevolazione? Il cittadino proprietario
residente nei comuni della provincia di Rimini potra' recarsi all'Ufficio
tutela e controllo popolazione canina e felina (via Dario Campana 64, 0541
716206) per ricevere un tagliando, della validita' di un anno, che consente
di usufruire della prestazione veterinaria presso uno dei medici dislocati
sul territorio ed elencati dall'ordine dei medici veterinari.
      ''E' un'iniziativa - spiega l'assessore Morri - nata per favorire le
famiglie e le persone che, pur non disponendo di grandi risorse economiche
tengono a possedere e a curare un gatto o una gatta domestici. Un modo
concreto per tutelare la salute degli animali e incoraggiare le adozioni''.
      (ANSA)