[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

EURISPES: CANI VIP E CANI DA STRADA;PIU' DI 600 MILA RANDAGI



----- Original Message ----- 
From: <niseema at tin.it>


EURISPES: CANI VIP E CANI DA STRADA;PIU' DI 600 MILA RANDAGI
OLTRE 70 MILA GLI ANIMALI MALTRATTATI; MA C'E' ANCHE TANTO AMORE
    (ANSA) - ROMA, 27 gen - Oltre 600 milioni gli animali
presenti in tutta Italia; 2 milioni di euro l'anno la spesa
degli italiani per i loro amici con un'industria delle coccole
che marcia a pieno ritmo. Un'immagine di pace e di amore che
vede il boom delle iniziative di benessere con 500 strutture di
accoglienza, 66 spiagge dedicate (il doppio in un anno), 2.730
hotel e 750 agriturismo. La fotografia e' da Aristogatti ma
nella fase bella e ricca della loro esistenza. Al di la' dello
steccato l'odio e l'accanimento selvaggio con numeri da
capogiro: quasi due milioni di randagi (piu' di 660 mila cani e
1,3 milioni di gatti); 150 mila abbandoni nel solo 2005 tra cani
e gatti; oltre 70 mila animali maltrattati di cui oltre 40 mila
senza scampo con in testa la Lombardia per maltrattamenti
accertati (12,9%); 250 mila gli animali da pelliccia.
   La fotografia e' dell'Eurispes che, sulla base dei dati di Lav
ed Enpa, ha dedicato una sezione ad hoc al settore scegliendo un
titolo evocativo e d'effetto: ''Animali e uomini, amore e
odio'', con un sottotitolo che inquadra bene la situazione,
''Cani vip e cani da strada''.
   E in mezzo, tra crudelta' e discriminazione, un momento piu'
soft, quello dedicato agli affetti, la pet-therapy, uno scambio
reciproco di emozioni e stimoli. E cosi' si scopre che l'
ippoterapia aiuta bambini autistici, Down o bambini e adulti con
gravi difficolta' motorie; i delfini sono utili contro la
depressione e i disturbi della comunicazione; l' osservazione
dei pesci di un acquario costituisce un ottimo antistress mentre
la cura di un coniglio o di un criceto e' un valido supporto in
una fase difficile di crescita. Per gli anziani o persone
impossibilitate negli spostamenti meglio scegliere il gatto
mentre il cane e' perfetto per rapporti simbiotici che non
richiedono spiegazioni e parole.
   Ecco nel dettaglio la mappa Eurispes sugli animali:
- I NUMERI: 600 milioni gli animali presenti in Italia. Di
questi 500 mila sono esotici (1mln di tartarughe di acqua dolce,
40mila iguane e serpenti, 20mila pappagalli, tremila leoni e
pantere); da aggiungere i 30mila presenti negli zoo e negli
acquari e i tremila nei 150 circhi; 440 milioni gli animali
allevati a scopo alimentare; 100 milioni gli animali cacciati e
905 mila quelli usati a fini sperimentali.
- ANIMALI IN CASA: 45,5 milioni gli animali presenti nelle case
degli italiani con una crescita di 2 milioni in 5 anni. Il
primato va ai pesci d'acquario con 16 milioni, seguiti dagli
uccelli (12 milioni), gatti (7,5 milioni) e cani (7 milioni).
- SPESA: ogni anno gli italiani spendono circa 2 milioni di euro
per i loro amici di cui 1,128 per l'alimentazione; 447mila per
la vendita di animali vivi, visite veterinarie e altri tipi di
servizi; 442 mila per accessori, prodotti igienici e medicinali.
E' di 7,3 mln il fatturato 2004 della catena di supermercati per
animali.
- ABBANDONI: 100 mila cani e 50 mila gatti nel 2005. Su 160 casi
accertati il picco (tra 20 e 35) so verifica tra luglio e
settembre ma il fenomeno e' presente tutto l'anno (19 casi a
novembre). Il 42% degli abbandoni non avviene piu' in autostrada
ma in strade di periferia o davanti a centri accoglienza.
- MALTRATTAMENTI: nonostante la legge che dal primo agosto 2004
definisce delitti i reati contro gli animali, dopo i primi sei
mesi dalla legge i casi accertati e' quasi raddoppiato rispetto
al semestre precedente passando da 373 a 693 per un totale di
1.066 nel 2004. La Lombardia in testa con 12,9% quindi Emilia
Romagna (11,7%), Veneto (8,8%), Liguria (6,7%).
   Tra i 1.066 reati accertati, ammonta a 72.812 il numero di
animali maltrattati e di questi 40.810 non riescono a
sopravvivere. Le specie piu' colpite sono uccelli (43.447
vittime), mammiferi (7.450) e pesci (5.452). Per gli uccelli
l'alto numero di vittime corrisponde alla violazione delle norme
sulla caccia. Per i pesci e i mammiferi non domestici i reti
riguardano la violazione di leggi sulla pesca, su allevamenti e
benessere durante il trasporto mentre per cani e gatti si parla
di abbandoni, maltrattamenti e avvelenamenti. Dei 4.402 cani e
dei 1.064 gatti vittime di crudelta', ne sono morti 691 e 623.
(ANSA).

      GU
27-GEN-06 11:07 NNNN