[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CACCIA: DIVENTA TEMA ALL' UNIVERSITA', LEZIONE DOMANI A PISA (fwd)



---------- Messaggio inoltrato ----------
Return-Path: <niseema at tin.it>


KBXR
ZCZC0234/SXB
YFI14072
R CRO S0B S41 QBXX
CACCIA: DIVENTA TEMA ALL' UNIVERSITA', LEZIONE DOMANI A PISA

  (ANSA) - PISA, 30 GEN - La caccia entra all' universita'.
L'ateneo di Pisa, infatti, ospitera' domattina alle 9,30,
nell'aula magna della facolta' di medicina veterinaria, una
lezione, nel corso della quale i maggiori esponenti delle
istituzioni venatorie e ambientaliste e rappresentanti della
cinofilia venatoria illustreranno l'attuale panorama della
caccia e dove si inserisce la selezione delle razze da caccia.
  Con questa iniziativa, spiega una nota, il corso di laurea in
''Tecniche di allevamento del cane di razza ed educazione
cinofila'', in collaborazione con Autarky, una linea di alimenti
per cani, Canicom, un' azienda nel settore dell'educazione e
comunicazione canina e la rivista La Gazzetta della Cinofilia
Venatoria, vuole raccontare l'arte venatoria oggi e la
centralita' del cane in questa pratica antichissima che richiede
uno stretto contatto con la natura, una simbiosi con ritmi e
fenomeni naturali che sono oggi perlopiu' sconosciuti.
  La caccia, sottolineano gli ideatori della lezione di domani,
appassiona l'uomo ma nasce nell'animale e da esigenza alimentare
e' diventata passione e sport, troppo spesso, pero', condannata
e bistrattata senza conoscerne a fondo le modalita' che la
regolano e gli equilibri che la rendono ancora necessaria.
(ANSA).

    COM-KWI/DLM
30-GEN-06 14:13 NNNN




Prot.n.
Pisa, ................















INVITO

















CONVEGNO





"QUALE FUTURO PER LA CINOFILIA VENATORIA?











PISA

31 Gennaio 2006

ore 9.30-17.00









AULA Magna della FACOLTA' DI MEDICINA VETERINARIA

VIALE DELLE PIAGGE, 2



L'Università di Pisa racconta ai giovani

la più antica tradizione: la caccia



Appassiona l'uomo ma nasce nell'animale e da esigenza alimentare diventa
passione e sport. La caccia è oggi troppo spesso condannata e bistrattata
senza conoscerne a fondo le modalità che la regolano, gli equilibri che la
rendono ancora necessaria.

Martedì 31 gennaio c.a. alle ore 9.30 presso l'Aula Magna della Facoltà di
Medicina Veterinaria, V.le delle Piagge 2, si terrà un incontro con i
maggiori esponenti delle istituzioni venatorie e ambientaliste e i
rappresentanti della cinofilia venatoria per cercare di illustrare qual è il
panorama della caccia oggi e dove si inserisce la selezione delle razze da
caccia per la conservazione di un patrimonio genetico di inestimabile
valore.



Con questa iniziativa il Corso di Laurea in "Tecniche di Allevamento del
Cane di Razza ed Educazione Cinofila" dell'Università di Pisa, in
collaborazione con Autarky, linea super premium di alimenti per cani della
casa inglese Dodson & Horrel, Canicom, azienda leader nel settore dell'
educazione e comunicazione canina e la rivista La Gazzetta della Cinofilia
Venatoria, vuole raccontare l'arte venatoria oggi e la centralità del cane
in questa pratica antichissima che richiede uno stretto contatto con la
natura, una simbiosi con ritmi e fenomeni naturali che sono oggi perlopiù
sconosciuti.



L'attività cinofilo-venatoria non può infatti prescindere dall'ambiente
naturale e dalle risorse di un patrimonio faunistico che tutti quanti
dobbiamo impegnarci a rispettare. La natura e l'ambiente hanno infatti
sempre avuto un posto importante nella mente e nell'azione di chi alleva
cani da caccia.

Questi sono argomenti che non si finisce mai di approfondire e sui quali è
necessario lavorare e vigilare se non si vuole che perdano l'attenzione che
meritano. Scopo di questo incontro è parlare ai giovani studenti e futuri
professionisti di cinofilia venatoria e ambiente, avendo in mente la
funzione culturale ed economica dell'allevamento e dell'addestramento del
cane da caccia, la necessità della sua tutela e della sua valorizzazione e
di un suo buon governo specie in un momento in cui si è presa consapevolezza
che la conservazione e la tutela delle razze da caccia, della natura e del
territorio sono obiettivi comuni che possono realizzarsi non con generici
discorsi ma con un'attenta sorveglianza e l'adozione di comportamenti
consapevoli nel rispetto di regole precise.





Quale futuro per la cinofilia venatoria?



Programma:

Presiede:     prof. Giovanni Cardini

Presidente del Corso di Laurea in Allevamento del cane di razza ed
educazione cinofila



Ore 9.30      Saluto del Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria

                   Prof. Vittorio Tellarini



Ore 9.45      Antropologia della caccia. Approccio alla fauna selvatica e
all'ambiente

Bruno Modugno, giornalista e direttore di Sky Caccia e Pesca



Ore 10.30    L'associazionismo venatorio. Caccia presente e futura

Avv. Franco Timo, presidente Federcaccia



Ore 11.15    Caccia e Ambiente: ciò che l'Europa dice e l'Italia non fa

Gaetano Benedetto, Segretario generale del WWF



Ore 12.00    L'Enci e la promozione del cane da caccia

Avv. Artemio Spezia, Presidente del comitato giudici dell'Enci



Ore 12.45    Dibattito



Ore 13.00    Pausa pranzo



Ore 14.30    Cinofilia, caccia e turismo venatorio. L'esempio estero

Giacomo Cretti, giornalista venatorio



Ore 15.15    I parchi e l'attività cinofila e venatoria

dottor Giancarlo Bosio, Presidente dell'Ass. Prosegugio



Ore 15.30    Natura e ambiente: la centralità della caccia col cane nel
preservare e promuovere la conoscenza dell'ambiente

Franco Zunino, fondatore e Segretario generale di Wilderness



16.15                    Conclusioni e domande