[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

INFLUENZA AVIARIA: ENPA, NO A PSICOSI E MALTRATTAMENTI SUI GATTI



----- Original Message -----
 

     IL FELINO CONTAGIATO IN GERMANIA E' CASO ISOLATO
      Roma, 28 feb. (Adnkronos) - ''Il felino dell'isola di Ruegen, in
Germania, e' in Europa un caso isolato che conferma soltanto la bassa e rara trasmissibilita' dell'aviaria ai gatti''. E' quanto rende noto l'Enpa, l'ente nazionale protezione animali, in merito alla notizia
del primo gatto contagiato dal virus H5n1 in Europa.
      ''L'Enpa - fa sapere l'ente - chiede massima tutela per gli
animali, che rischiano in questo periodo di diventare vittime di atti
di violenza generati dalla paura dell'influenza aviaria che sta
scatenando il panico. Il caso del felino che avrebbe, in Germania,
contratto il virus H5n1 non e' un dato da sottovalutare, ma la
possibilita' che un gatto potesse essere contagiato era gia' stata
prevista dall'organizzazione mondiale della sanita', che pure ne ha
sottolineato l'eventualita' come una possibilita' rarissima''.
      ''Il felino che sembra essere stato infettato - dichiara l'Enpa
- si trovava sull'isola tedesca di Ruegen, nel Mar Baltico, luogo che
ha contato finora il maggior numero di volatili riconosciuti come
infetti in Europa. Non si tratterebbe del primo caso in assoluto in
cui un gatto che mangia un volatile infetto ne viene contagiato,
questo era gia' avvenuto in Asia, ma la percentuale minima di casi,
anche in territori dove le migrazioni sono consistenti, e' una prova
ulteriore della scarsa capacita' infettiva del virus sulla fisiologia
di animali differenti dai volatili e non dimostra in alcun modo la
trasmissibilita' del virus dai mammiferi agli umani''. 
ISTITUZIONI VIGILINO SU POSSIBILI ATTI DI VIOLENZA NEI CONFRONTI DEGLI ANIMALI
 ''L'Enpa - prosegue - mette in guardia i media e
le istituzioni contro i rischi che un'errata strategia di informazione
potrebbe comportare nei confronti dei gatti domestici o delle colonie
feline che non hanno nessuna possibilita' di contatto con i migratori
selvatici. Questa notizia non deve alimentare la psicosi, anche in
considerazione del fatto che un solo soggetto, per giunta al di fuori
dei nostri confini territoriali e in un territorio circoscritto
qual'e' un'isola, non sarebbe comunque un dato da considerare
preoccupante''.
      ''L'Enpa - conclude l'ente - si schiera a difesa di tutti gli
animali al fine di evitare le temibili conseguenze di inutili psicosi,
ma soprattutto chiede alle istituzioni di vigilare contro la
possibilita' di qualsiasi atto di violenza nei confronti degli
animali, che ricordiamo sono protetti dalla legge che configura come
reato penale il maltrattamento o l'uccisione, punendo i responsabili
di questo crimine con multe salate e da uno a tre anni di
reclusione''.       (Lar/Pe/Adnkronos) 28-FEB-06 19:35


Notizie: Gruppo Yahoo! Animali & Diritti

Appelli: Gruppo Yahoo! Cercocasa
 
 


Yahoo! Agenda ti aiuta a ricordare impegni, appuntamenti e compleanni