[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

RE: Cari animalisti,vi prego non ignoratemi!



ho gli occhi pieni di lacrime ed il cuore pieno di rabbia.... capisco bene cosa provi.... il mondo in cui viviamo non è per noi...a volte anche io vorrei farla finita...ma che cosa risolviamo ... niente...allora quel poco che si può fare facciamolo nel nostro piccolo... un bacio .. silvia.


From: "felina82" <felina82 at libero.it>
Reply-To: animali at peacelink.it
To: "animali" <animali at peacelink.it>
Subject: Cari animalisti,vi prego non ignoratemi!
Date: Tue, 28 Mar 2006 01:14:42 +0200

Ciao carissimi e bellissimi animalisti!
Avevo divulgato attraverso varie e-mail un articolo su come fossero massacrate atrocemente le foche, con delle immagini allicinanti

Ebbene si!!! Un ragazzo risponde all'articolo con questa frase:



Mi sa che c'è di peggio. Se non lo sai te lo dico io. Dunque. In Africa c'è la fame, molte persone moiono e chi sopravvive soffre malattie per noi primitive, per poi morire a quarant'anni quando va bene (il senso del quando va bene, lo lascio decidere a te). In Cina c'è lo sfruttamento sociale fino all'osso. In America C'è stato l'undici famoso delle torri e naturalmente tante altre belle cosine. In Europa, tra terrorismo, immigrazione clandestina, attentati vari e pubbliche ribellioni stiamo freschi se pensiamo di stare meglio.

Potrei continuare ancora... ma ti annoierei lo so.

Non dico che gli animali non abbiano importanza tutt'altro, ma a volte dietro l'amore per gli animali, siamo soliti nascondere ipocritamente qualcosa che con l'amore non ha nulla a che vedere.------------------------------------------------------

Ma come cazzzzzzzzzzzzzz si può dire che cè di peggioooooooooooooooo???

Ora vi chiedo gentilmente, voi al mio posto come gli avreste risposto?
Io purtroppo sono una persona estremamente impulsiva che l'ho mandato a quel paese, perchè mi ha fatto troppo male della sua indifferenza anzichè avere compassione!!!
Gentilmente non ignoratemi e spero di avere vostre risposte e pareri!!
A questo punto non so se sono io che sono esagerata o è lui che è arido e falso!!!
Scusatemi ma sono troppo nervosa e vorrei spaccare tutto il pc!!
Ps. Perdonatemi per la mia fragilità e negatività! Ma quando vedo quelle immagini, e penso che forse non ci sarà mai pace sulla terra, io preferirei la fine del mondo!!! Meglio che tutte queste atrocità finiscano per sempre!! :( Non riesco più a vivere sapendo che ci sono persone così maligne e senza cuore!!!
-------------------------------------------------------------


Ecco l'articolo che avevo inoltrato............

Ha 13 giorni per crescere. 13 giorni che lo stato del Canada le ha concesso di tregua, poi sarà trucidata, assieme ad altri 319.500 cuccioli di foca. Non vi sono leggi che regolino i metodi d?uccisione. Non hanno diritto ad un?iniezione, né a divenire bersagli viventi d?armi da fuoco: un proiettile costa troppo. Sarà un piccone a fracassare il loro cranio morbido? alla Morte non resterà che avere pietà di loro e sopraggiungere il prima possibile ad alleviare il loro dolore infinito; se non giungerà in tempo, le piccole rimarranno coscienti mentre gli ?uomini? le scuoieranno vive. Se qualche madre, in un tentativo disperato, si opporrà all?uccisione del suo piccolo, avrà solo il tempo di sentire il piccone, già gocciolante del sangue del suo cucciolo, entrarle nella testa, spappolandole la carne e il tempo di assistere al massacro lento e atroce di suo figlio. Tutto per il pellicciotto soffice e bianco che la natura ha donato loro per scaldarsi e proteggersi. Una volta private di quello saranno lasciate lì a morire e poi a marcire, non saranno mangiate da nessuno: non ci saranno mai abbastanza orsi e, gli ?uomini?, avranno appena i mezzi sufficienti a trasportarsi via le pelli. 319.500 anime morte nei più grandi dolori finiranno sulle carni di donne, e uomini, che non ne hanno bisogno. Come potranno tutte quelle pelli, che conterranno in loro l?energia negativa scaturita dalle sofferenze inflitte ad innocenti e deboli creature, rendere queste donne più belle?

"Io sono l?aguzzino, il cacciatore, il boia di un cucciolo di foca. Armato di piccone mi avvicino a colei che per prima sarà sacrificata, lei ancora non lo sa, mi guarda e sembra sorridere con quel suo musetto bianco, gli occhioni neri speranzosi, il buffo naso e i baffetti sottili che rivelano che sta annusando l?aria attorno a se. Fa qualche goffo passo verso di me, deve ancora imparare ad usare bene le pinne, credo che sia convinta che io voglia giocare con lei, come da sempre fanno tanti uomini, o che le voglia fare dono di un pesce, magari si sta già preparando a fare qualcosa per me, in cambio, per compiacermi; mi ricorda mio figlio quando aveva pressappoco due anni. <<Ma io non voglio vivere una bella avventura con te>>. Sua madre ha già intuito qualcosa dal mio fare, o dal mio sguardo; io non vorrei essere qui a far questo, ma mi pagano bene. Distolgo lo sguardo dai suoi piccoli occhioni speranzosi, alzo il piccone e le trapasso la testa. In quel momento un grido acuto di dolore, un urlo straziante penetra ogni cosa e il mio corpo; impiego un po? a capire che non è stata la piccolina, lei ancora non ha capito, è immobile e cerca di capire: sente il sangue colarle sulla faccia, un odore bagnato, denso, di ferro pungente le entra nel naso ed ha paura, fa fatica a respirare, in bocca il sapore di quell?odore ed ha paura e spera che la madre la aiuti, l?ha sentita gridare e vede il proprio liquido denso e rosso colarle davanti agli occhi, ma attraverso quello vede sua madre che sta correndo verso di lei per fermare l??uomo?, sente il piccone uscire, sfilarsi fuori dalla sua testolina e lo vede piantarsi in quella della mamma. Il piccone rosso esce e riaffonda nel petto della mamma, esce, scivola fuori e riaffonda sul muso della mamma.Adesso è tutto ancora più rosso ed acre di prima, dalla mamma esce tanto rosso e non vede più il suo bel muso che le da tanta sicurezza, ne vede solo metà, è triste perché sa che non tornerà più come prima e le mancherà, capisce che l?uomo è cattivo. La mamma cade a terra con un tonfo, una picconata ancora nella schiena ?non si sa mai, le ire delle madri?, ma tiene ancora il muso rivolto verso la sua bambina nel tentativo inutile di lanciarle un aiuto e di proteggerla, lei che sente l?importanza della propria vita annullarsi senza esitazioni, se necessaria alla salvezza della sua creatura, le lancia uno sguardo intenso d?amore disperato. La Morte, con loro, non è ancora stata pietosa. Prima di scuoiare la piccola le sferro un?altra picconata nel cranio. Non vuol morire, peggio per lei, non ho tempo da perdere: non è mica l?unica."

I luoghi naturali che loro amavano, i ghiacci, la loro casa, i luoghi in cui la vita li attendeva, visti dall?alto, di candido conservano ben poco: enormi macchie rosse li ricoprono, allargandosi sempre di più, arrivando a congiungersi tra loro. Minuscoli puntini inermi giacciono più o meno al centro di tutte quelle macchie, forse, impercettibilmente, alcuni si muovono ancora.

È tempo di fermare questo massacro.
È tempo di dimostrare che siamo umani.

_________________________________________________________________
Scarica gratuitamente MSN Toolbar! http://toolbar.msn.it/