[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Sosteniamo Cristina Rovelli+newsletter Oipa



----- Original Message ----- 
From: "freepork" <freepork at vitadacani.org>



Carissimi amici,
non siamo soliti a mandarvi in genere così tanta posta, ma riteniamo
importante sostenere Cristina nella sua lotta, come riteniamo giusto firmare
le petizioni incluse nella newsletter dell'Oipa!
Con l'occasione auguriamo buone vacanze a voi e a tutti i vostri compagni
pelosi!
Vitadacani


 ---------------------------------------------------------------------------
-


Il comitato CRISTINA NON SEI SOLA ringrazia tutti coloro che hanno
aderito alla cena del 13 luglio 2006 a sostegno di Cristina Rovelli, la
guardiacaccia di Lecco, da anni perseguitata nella sua lotta contro il
bracconaggio e attualmente condannata a due anni e tre mesi di carcere.

Per chi ancora non conoscesse i dettagli della vicenda, vi invitiamo a
visitare il sito :

http://digilander.libero.it/cristinanonseisola

> A settembre cominceremo a mettere in atto tutta una serie di iniziative,
> allo scopo di aiutare Cristina e soprattutto per non far cadere nel
> silenzio questa assurda vicenda. Gli ambientalisti di tutta Italia si
> sono già mossi, sono arrivate al comitato lettere di solidarietà e di
> appoggio totale da tutte le regioni d'Italia e perfino, nel resto del
> mondo, si sono sentiti gli echi di questa vicenda, sono arrivate ,
> infatti, alcune lettere dall'Argentina, dalla Ukraina, dalla Spagna e
> perfino dall'Australia !
>
> Ciò ha dato molta forza a Cristina, pesantemente ferita da questo ultimo
> attacco da parte delle lobby venatorie e dai politici che le appoggiano.
>
> Ma non dobbiamo fermarci qui! Una breve sosta, solo per far passare il
> periodo delle ferie, ma a settembre si ricomincia e contiamo sulla
> presenza e sul sostegno di tutti, non solo degli ambientalisti ma anche
> di tutte quelle persone, semplici cittadini, che vogliono che sia
> garantita la salvaguardia dell'ambiente, affinché non venga più
> tollerata l'uccisione e la tortura di un animale a scopo di lucro.
> Perché coloro che dedicano la loro vita a combattere il bracconaggio non
> devono più essere perseguitati.
>
> E' già stato fissato un presidio a Lecco per il giorno 23 settembre.
> Sarà importante essere in tanti affinché si possa far capire il nostro
> assoluto dissenso a ciò che è accaduto.
>
> Viene altresì fissato un incontro serale presso la sede della LAC, a
> Milano, in via Solari, 40 al quale sono invitati tutti coloro che hanno
> già aderito al comitato ma anche tutti coloro che vogliono collaborare
> con idee, iniziative o semplicemente per comunicare a Cristina che non è
> sola. Sarà presente anche lei.
>
> SI PROPONE L'INCONTRO, APERTO A TUTTI, PER LA SERA DEL 19 SETTEMBRE
> 2006, ALLE ORE 21.  Vogliate, cortesemente, farci conoscere le vostre
> disponibilità per quella sera.
>
> Nel corso della serata affronteremo i seguenti temi :
>
> - organizzazione del presidio del 23 settembre a Lecco (disponibilità a
> partecipare, orari, distribuzione volantini, comunicato stampa ecc.)
>
> - realizzazione del testo del volantino che verrà distribuito al
> pubblico e alla stampa in occasione del presidio. E' importante che il
> testo sia sintetico ma d'effetto. Portate proposte!
>
> - piano di azione in base a tutte le idee che verranno portate (invio di
> e-mail - coinvolgimento della stampa, della radio e della televisione -
> presidi - conferenze stampa - incontri pubblici - interrogazioni
> parlamentari - e qualunque iniziativa si voglia intraprendere ognuno
> secondo le proprie disponibilità................
>
> Coloro che vogliono aderire in modo ufficiale al COMITATO CRISTINA NON
> SEI SOLA sono pregati di comunicarlo all'indirizzo e-mail sotto indicato
> ed eventualmente segnalando anche il proprio sito web. Chi l'avesse già
> fatto troverà, infatti, il proprio nominativo sul sito del comitato.
>
> ATTENDIAMO DI CONOSCERE LA VOSTRA DISPONIBILITA' PER IL 19 SETTEMBRE .
>
> Si prega di divulgare questo messaggio a tutte le vostre mailing-list.
>
> GRAZIE A TUTTI .
> CIAO
>
> Paolo
>
> SCRIVERE A : cristinanonseisola at libero.it
>
>
 ---------------------------------------------------------------------------
-





NEWSLETTER OIPA DEL 20 LUGLIO 2006




SOSTENIAMO IL RIFUGIO DI BURGOS IN SPAGNA DOVE VENGONO RUBATI I CANI PER I
COMBATTIMENTI
Nel rifugio della Società Protettrice di animali di Burgos (Spagna)
avvengono delle cose terribili. A lato del rifugio vive un gruppo di zingari
che rubano i cani, li torturano e li utilizzano per i combattimenti.

Di seguito pubblichiamo la testimonianza di una volontaria del rifugio di
Burgos:

"Comincio dicendo che i volontari al rifugio sono molto pochi, non c'è
guardia notturna perché non abbiamo i soldi per pagarla. Abbiamo inoltrato
varie denuncie verso questi zingari, io personalmente ho visto una dobermann
adulta che stava molto debilitata, pesava molto meno di 6 chili. La polizia
l'ha liberata, ma la povera cagna è morta in conseguenza della fame e del
freddo [...]".

Firma la petizione on line alla pagina
http://www.oipaitalia.com/appelli/randagismo_burgos.htm



CONTRO L'UCCISIONE DI CANI E GATTI IN SERBIA: NUOVA PETIZIONE ALLE
AMBASCIATE
La situazione in Serbia è terribile. In tutte le città ci sono servizi
comunali che si occupano di catturare ed uccidere cani e gatti smarriti o
randagi, in collaborazione con il servizio veterinario. Pagano questo
terribile servizio fino a 50 euro per ogni corpo (ogni cane o gatto ucciso).
Questo comportamento è punibile, sotto l'articolo 269 del Codice Criminale
della Serbia, con una pena fino a 3 anni di prigione.
Le associazioni per la protezione degli animali, The Society Friends of
Animals (Friend) e The Society for Protect and Welfare of Animals (Arka) ,
hanno raccolto documenti che confermano questi crimini e li hanno consegnati
alle autorità locali in Serbia.
Abbiamo esteso la petizione on line, che avevamo già predisposto, anche ad
alcune ambasciete della Serbia nel mondo.
Riteniamo che questo sia un metodo efficace, in quanto ogni ambasciata è
tenuta comunque a segnalare alle autorità governative del proprio paese ogni
comunicazione ufficiale.
Firma la petizione on line alla pagina
http://www.oipaitalia.com/campagne/caniserbia_uccisione.htm
L'OIPA si sta impegnando anche per il completamento di un rifugio per i cani
in Serbia.
Chi vuole sostenere l'iniziativa può collegarsi alla pagina
http://www.oipaitalia.com/campagne/caniserbia_cosapuoifare.htm



Se non vuoi più ricevere le newsletter dell'OIPA manda una mail a
info at oipaitalia.com con la richiesta di cancellazione dalla lista.



OIPA Italia Onlus
Organizzazione Internazionale Protezione Animali
ONG affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione dell'ONU
Via Passerini 18 - 20162 Milano - tel/fax 02 6427882
info at oipaitalia.com
www.oipaitalia.com







Vita da cani Onlus
www.vitadacani.org