[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 22/09/06



======
CACCIA
======
GAVARDO
Cacciatore spara: ferito l?amico
http://www.bresciaoggi.it/storico/20060922/Provincia/Gad.htm
Si è aperta da poco la stagione venatoria, e già cominciano i primi
incidenti. Ieri mattina un uomo è stato ferito da un proiettile ad una gamba
mentre era occupato in una battuta di caccia.
L?episodio è accaduto prima dell?ora di pranzo a Limone di Gavardo. Due
amici, entrambi appassionati della doppietta, avevano deciso di trascorrere
la giornata nei boschi. Probabilmente, erano appostati già da qualche ora.
Improvvisamente, per cause ancora da accertare, dal fucile di uno dei due è
partito un colpo. È assai improbabile che si tratti di un gesto volontario.
Fatto sta che il proiettile ha colpito la gamba dell?amico, che era proprio
accanto a lui.
Immediatamente è scattato l?allarme al 118. Trattandosi di una zona
piuttosto impervia, da Brescia si è alzata in volo anche l?eliambulanza. I
sanitari hanno trasportato il cacciatore ferito al vicino ospedale di
Gavardo. Non sembra in pericolo di vita. Indagini affidate ai carabinieri
della stazione di Gavardo.na.da.
-----
Altre segnalazioni di pericolo dopo il ferimento di un uomo di 50 anni
mentre transitava sulla Statale
Allarme doppiette fuorilegge
Spari sulle Siligate oltre i limiti di sicurezza vicino alla strada e a zone
abitate
http://www.ilmessaggero.it/view.php?data=20060922&ediz=14_PESARO&npag=42&fil
e=B.xml&type=STANDARD
di LUCA FABBRI
Caccia ai cacciatori. Giochi di parole a parte, è allarme a Pesaro per le
segnalazioni di alcuni residenti di Villa Fastiggi, Villa Ceccolini e
Cattabrighe, spaventati dai colpi esplosi nelle vicinanze delle proprie
abitazioni da cacciatori un po? troppo avventati. L?episodio più inquietante
è accaduto mercoledì sera sulle Siligate. Erano le 19.30 quando un signore
di 50 anni circa è stato raggiunto in pieno volto da una rosa di pallini,
mentre a bordo della sua Punto nera, con il finestrino abbassato, transitava
lungo la Statale direzione Cattolica, all?altezza del chiosco di piadine.
Per fortuna l?uomo non ha riportato gravi conseguenze, ma una volta
ripresosi dallo spavento ha immediatamente allertato la Polizia, poi
intervenuta sul luogo dell?accaduto. Troppo tardi, però, perché i due
sprovveduti cacciatori che avevano lasciato esplodere il colpo,
probabilmente indirizzato ad un fagiano, erano già scappati attraverso i
campi. Un episodio non nuovo in quella zona. I limitrofi terreni coltivati,
infatti, attirerebbero molti stormi di uccelli e al loro seguito diverse
?doppiette? incuranti del pericolo, come conferma il titolare del chiosco
vicino: «Tutti gli anni è la stessa storia ? spiega ? siccome qui dietro c?è
una sorta di boschetto molti vengono a cacciare da queste parti, ma a volte
esagerano. Io stesso ne ho allontanato uno a suon di urli, domenica scorsa.
Non possono sparare così vicino alla strada e spero che questa storia serva
da lezione per capirlo».
Insieme alla Polizia provinciale anche i guardiacaccia sono in questi giorni
al lavoro per tentare di limitare il preoccupante fenomeno, prima che si
verifichi una disgrazia ben più grave. La legge, infatti, prevede per chi
voglia sparare, il rispetto di distanze minime di sicurezza da strade o
abitazioni. Distanze che troppo spesso vengono violate, come spiega un
guardiacaccia pesarese.
«Premesso che è vietato sparare nelle vicinanze di centri abitati, negli
altri posti la distanza minima è di 150 metri di fronte e 50 di spalle, ma
poi varia in base al tipo di cartucce usate e alla loro gittata. Quelle
utilizzate per i fagiani, per esempio, impongono una distanza minima di 250
metri». Le sanzioni comminate in caso di trasgressione delle norme sono
solamente di tipo amministrativo, ma possono sfociare nel penale se i colpi
sono stati fatti esplodere nelle vicinanze di luoghi abitati: «La legge ?
spiega il guardiacaccia ? prevede solo una multa di 206 euro, ma se le
cartucce sono state sparate vicino a case o comunque luoghi frequentati dal
pubblico si va incontro ad una violazione di tipo penale. E ad occhio e
croce la zona dove è stato colpito quel signore è considerata come luogo
abitato». Come a dire cacciatore avvisato, mezzo salvato.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia - Bergamo
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it