[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: R: [animalisti] Peter Singer approva la vivisezione (Aldo)



> è ben possibile capire se un animale prova
> piacere o no! e quindi, perché
> il sesso interspecifico sarebbe inaccettabile?

Vediamo di proporlo in altro modo: quanti animali selvatici che vivono
liberi nei boschi, quando incontrano sulla loro strada uno strano bipede che
cammina eretto, cercano di copulare con lui?

Certamente il cane dell'esempio proverebbe piacere dall'atto sessuale con
l'umano e magari lo desidererebbe anche, ma ciò dipende appunto dal fatto
che non è un animale libero, vive 23 ore al giorno in un appartamento, è
deprivato dalla possibilità di rapportarsi con i suoi simili e di soddisfare
il suo istinto sessuale, non è in grado di procacciarsi cibo, è stato reso
schiavo e dipendente dall'uomo, vuoi aggiungergli un'altra dipendenza?
Davvero credi che questo sia nel miglior interesse dell'animale?

E di nuovo, non pensi che questo tipo di coerenza filosofica porti a
giustificare anche quella che viene chiamata pedofilia? E' ben possibile
capire se un'adolescente prova piacere o no, non è vero?

> Quanto ai sostenitori reganiani, visto che se non ricordo male Regan
> attribuisce diritti ai mammiferi a partire da un anno di vita,
> ragionando con la ghigliottina, cioè applicando lo stesso metro che si
> usa con Singer, anche loro potrebbero essere considerati "sostenitori
> della vivisezione" sui cuccioli e sui non mammiferi.

Per quanto ricordo (e posso anch'io ricordare male) l'attribuzione di
diritti *almeno* ai mammiferi maggiori di un anno era convenzionale, e
adottata in quanto avrebbe potuto essere facilmente accettata da tutti, ma
Regan lasciava la porta spalancata ad una maggiore platea di soggetti.
Anche prendendo per buono comunque quel limite, perlomeno i sostenitori
reganiani hanno l'intelligenza di non andare in televisione a reggere il
gioco a chi pratica vivisezione... :-)

> Singer e Regan ci provano, sono da ammirare anche se sbagliano.

Sì, però quando uno sale su un autobus e si accorge che lo porta in
direzione sbagliata, se decide di non scendere non deve meravigliarsi se i
suoi compagni di viaggio, già scesi e saliti su un altro mezzo, gli urlano
"scemo, scendi!"... :-)

A. A.