[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 18/12/06



======
CACCIA
======
Cade in crepaccio, muore cacciatore.
http://www.ansa.it
Salerno - E' morto all'istante precipitando da un crepaccio dopo volo dieci
metri. E'accaduto in localita' Fenosa, nel comune di Sapri. Vittima Luciano
Pagano, di 45 anni originario del luogo. Tutto e' accaduto in pochi istanti,
durante una battuta di caccia alla quale partecipavano anche il fratello e
un amico. Probabilmente dopo aver messo in piede in fallo, Pagano e'
scivolato in un crepaccio profondo circa dieci metri, morendo sul colpo. Il
corpo e' stato recuperato dopo qualche ora dai soccorritori.(ANSA)
-----
BRACCONAGGIO: DENUNCIATO UN UOMO PER UCCELLAGIONE E DETENZIONE DI FAUNA
PROTETTA NEL NAPOLETANO
I Forestali hanno posto sotto sequestro alcuni volatili tenuti in piccole
gabbie ed usati come richiami vivi, in particolare due cardellini, un
verzellino e un merlo, successivamente liberati nelle campagne del luogo
http://www.corpoforestale.it/newsletter/view.asp?id=4718
18 Dicembre 2006 ? Gli agenti del Comando Stazione di Castellammare di
Stabia (Napoli) del Corpo forestale dello Stato hanno denunciato alla
Procura di Torre Annunziata (NA) un bracconiere, per i reati di uccellagione
e detenzione di fauna protetta. L?operazione si è svolta in località Ponte
Persica nel comune di Pompei. P.D. di 64 anni, originario del luogo, è stato
colto in flagrante mentre azionava per mezzo di una corda alcune reti da
uccellagione sistemate in un terreno ortivo. Predisposte per catturare l?
avifauna migratoria in questo periodo dell?anno, le reti sono state
sequestrate. I Forestali hanno posto sotto sequestro anche alcuni volatili
tenuti in piccole gabbie ed usati come richiami vivi, in particolare due
cardellini, un verzellino e un merlo, successivamente liberati nelle
campagne del luogo.
-----
BRACCONAGGIO: SORPRESI DUE UOMINI ARMATI NEL PARCO NAZIONALE DELL?ASPROMONTE
Durante un controllo del territorio, i Forestali hanno denunciato a piede
libero due persone per l?introduzione abusiva di armi all?interno di un?area
protetta e sequestrato i fucili appartenenti ai responsabili
http://www.corpoforestale.it/newsletter/view.asp?id=4717
18 Dicembre 2006 ? Due persone, S.S. di 37 e R.A. di 29 anni, sono state
denunciate in stato di libertà dagli agenti del Coordinamento Territoriale
per l?Ambiente di Gambarie d?Aspromonte del Corpo forestale dello Stato e
dagli uomini del Comando Stazione Forestale Parco San Luca, per l?
introduzione abusiva di armi all?interno di un?area protetta. Durante un
servizio mirato al contrasto e alla repressione del fenomeno del
bracconaggio all?interno del Parco Nazionale dell?Aspromonte, infatti, i
Forestali hanno fermato, lungo la strada che conduce alla località ?Cropanè?
nel comune di Roccaforte del Greco, un autocarro a bordo del quale
viaggiavano due uomini con due fucili e una cuccia con quattro cani (due di
razza meticcia e due segugi utilizzati in genere per la caccia al cinghiale)
nel cassone posteriore. Dopo gli accertamenti del caso, gli agenti hanno
posto sotto sequestro i fucili appartenenti ai due cacciatori, come previsto
dalla vigente normativa in materia.
-----
TAR CENSURA STRAGE DI MARMOTTE 2005
Bocciata nuovamente la Provincia di Bolzano.
http://www.adnkronos.it
18 dicembre 2006 - Il Tribunale amministrativo regionale dell'Alto Adige,
riunito in camera di consiglio ha accolto il ricorso del WWF altoatesino,
annullando il piano di abbattimento di 2.400 marmotte disposto con decreto
del presidente della Provincia autonoma di Bolzano Luis Durnwalder e
risalente al 2005. Il 26 settembre scorso il presidente del tar di Bolzano,
Hugo De Mattio, aveva deciso che non esistono estrema gravita' e urgenza per
concedere la sospensione del decreto del presidente della giunta provinciale
Luis Durnwalder relativo al piano di abbattimento delle marmotte.
Per gli animalisti, che si sono rivolti all'avvocato Mauro De Pascalis, era
la seconda sconfitta in pochi giorni. Il Tar, infatti, aveva gia' bocciato
un analogo ricorso presentato dalla Lega per l'abolizione della
caccia.L'impugnazione da parte del WWF si fondava proprio nel fatto che il
decreto Durnwalder viola la stessa legge provinciale. Ora, e' intervenuta la
sentenza del Tribunale amministrativo regionale, che ha accolto il ricorso
del WWF; sentenza tardiva perche' nel frattempo tutti questi roditori di
alta montagna sono gia' stati decimati nel mese di settembre dalle doppiette
altoatesine. Si spera che la sentenza eviti il massacro di marmotte per il
2007: attualmente, infatti, i roditori sono al sicuro, sotto terra, per il
lungo letargo. (Waf/Zn/Adnkronos)

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it