[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 25/01/07



======
CACCIA
======
Bracconaggio
http://www.unionesarda.it
NEONELI. Tre giovani di Gavoi sono stati denunciai dai carabinieri di
Neoneli e di Ardauli per esercizio della caccia in giorno non previsto. Si
tratta di un disoccupato di 24 anni, di un artigiano di 36 anni e di un
operaio di 27. I militari li hanno sorpresi in una località nei pressi dell?
oasi di Assai a bordo di un fuoristrada con un fucile calibro 12
regolarmente denunciato e munizioni. I tre hanno sostenuto di essere alla
ricerca dei cani smarriti la domenica precedente. L?arma e le munizioni sono
state sequestrate.
-----
Hunting Show arriva la Fiera per i cacciatori
http://www.ilgiornaledivicenza.it/ultima/oggi/cronaca/Cac.htm
Anche i cacciatori avranno la loro Fiera. Il 3 febbraio sbarca a Vicenza la
prima edizione di ?Hunting Show?, 5 mila metri quadri di esposizione di
articoli per la caccia e per la pesca.
L?iniziativa di due giorni voluta dalla Fiera di Vicenza sa di poter contare
su un cospicuo bacino d?utenza e punta a una forte affluenza.
Hunting Show, aperta anche ai profani, sarà un?ottima occasione di incontro
per gli amanti della doppietta e dell?esca. Tra gli stand espositivi
potranno raccontarsi le proprie imprese, scambiarsi suggerimenti e
soprattutto toccare con mano le ultime novità di mercato, proposte da
espositori accuratamente selezionati.
=============
NOCIVOSARAITU
=============
COLLI La chiede alla Regione il consigliere Udc Frasson. Un fondo per
risarcire i danni provocati dai suini selvatici alle colture e agli
automobilisti
Agli agricoltori licenza di uccidere i cinghiali
http://gazzettino.quinordest.it/VisualizzaArticolo.php3?Luogo=Padova&Codice=
3237409&Pagina=ESTE%20MONTAGNANA
Este
(F.G.) Si torna a parlare di cinghiali sui Colli, ma a Venezia: il
consigliere regionale dell'Udc Flavio Frasson chiede, infatti, l'intervento
diretto della Giunta per affrontare il problema della diffusione degli
animali nel Parco e perché il Governo regionale intervenga attivamente nel
rimborso dei danni provocati dai selvatici alle colture e agli
automobilisti. «La presenza di questi animali, che non sono autoctoni ma
importati e liberati sui Colli scrive Frasson nell'interrogazione alla
giunta regionale - è cresciuta smisuratamente nonostante il tentativo della
Provincia di Padova di controllarla tramite le catture con i chiusini».
«I cinghiali continua il consigliere - allontanano animali tipici della zona
collinare, come volpi e caprioli, devastano vigneti e orti e rappresentano
un serio pericolo per gli automobilisti che hanno la sventura di essere
investiti». L'esponente Udc sollecita quindi palazzo Ferro Fini a modificare
la legislazione regionale al fine di permettere la collaborazione degli
agricoltori residenti o dei possessori di fondi per una rapida risoluzione
del problema. In soldoni alcuni residenti, muniti di licenza e istruiti a
dovere sul tipo di attività venatoria da applicare, avrebbero così la
possibilità di andare a caccia e abbattere alcuni capi, anche se su questa
possibilità da sempre gli Enti coinvolti faticano a trovare un accordo, per
non parlare delle proteste animaliste e dei cacciatori esclusi dalla licenza
di uccidere.
Si tratta di un problema che sta mettendo a dura prova per ora solo il
territorio a sud degli Euganei, soprattutto nei comuni di Cinto, Baone,
Galzignano e Arquà Petrarca, ma che sembra aver iniziato una rapida
espansione anche in altre aree molto più urbanizzate. Spesso i mezzi in
transito sulle strade collinari devono fare i conti con intere famiglie di
ungulati e gli incidenti sono stati parecchi. «Dovrà però essere istituito
anche un fondo regionale conclude Frasson - per il risarcimento dei danni
subiti da agricoltori e automezzi». I cinghiali, secondo gli ultimi dati
presentati dalla Provincia, hanno causato oltre 100mila euro di danni dal
2003 a oggi: ne sono stati catturati 350 negli ultimi 5 anni, ma sono
centinaia le segnalazioni che arrivano alle autorità. È attualmente in corso
una collaborazione fra il Parco e l'Istituto nazionale per la fauna
selvatica, che dovrà portare in tempi molto stretti a un censimento completo
della popolazione di questi animali in zona e soprattutto a una modalità
definitiva per eliminare la specie dal territorio, in modo definitivo.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it