[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 23/03/07



======
CACCIA
======
CACCIA ILLEGALE, DEFERITE 11 REGIONI ITALIANE
Decisione della Commissione Europea.
http://www.ansaweb.it
23 marzo 2007 - Bruxelles ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di
giustizia europea per due procedure di violazione frequente della direttiva
europea sugli uccelli selvatici.
Secondo quanto appreso dall'ANSA, nel mirino della Commissione europea e'
finito, con una prima procedura il Veneto, e con una seconda le regioni
Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia,
Marche, Puglia, Toscana e Umbria.
La legislazione italiana, sottolineano le fonti, sia a livello nazionale che
nelle 11 regioni sopra indicate, permette la caccia di certi tipi di uccelli
tra cui il cormorano, la tortora dal collare orientale e il fringuello, in
modo non conforme alle condizioni specifiche di deroga previste dalla
direttiva europea. Per Bruxelles quindi, un'autorizzazione cosi' generale in
materia di caccia porta alla cattura o all'uccisione di troppo uccelli.
Nell'Ue la caccia e' disciplinata dalla direttiva 79 del 1979 sugli uccelli
selvatici che prevede misure di protezione, di gestione e di regolazione di
tutte le specie di uccelli viventi allo stato selvatico. Pur prevedendo il
divieto generale di ucciderli, la direttiva consente la caccia di alcune
specie, se praticata al di fuori dei periodi di riproduzione e di
migrazione, ma non fissa periodi di caccia precisi, dato che questi possono
variare da regione a regione in funzione delle specie e della localizzazione
geografica. Spetta agli Stati membri fissare il calendario venatorio, sulla
base delle conoscenze scientifiche relative ai periodi di riproduzione e di
migrazione delle diverse specie cacciabili. Eccezionalmente le autorita'
nazionali possono autorizzare la cattura o l'uccisione di uccelli tutelati
dalla direttiva mediante determinati metodi o al di fuori della normale
stagione di caccia per una serie limitata di motivi. Tuttavia, le deroghe
sono accordate soltanto se rispettano condizioni rigorose. Nel caso delle 11
regioni italiane gli uffici del commissario europeo all'ambiente Stavros
Dimas ritengono che condizioni poste dalla normativa europea non siano
rispettate.(ANSA)
-----
E' la presenza record delle più qualificate aziende italiane di settore a
caratterizzare la seconda edizione di Expo Riva Caccia Pesca Ambiente, la
mostra-mercato proposta da Riva del Garda Fierecongressi per il 24 e 25
marzo prossimi, con un settimana d'anticipo rispetto alla data dell'edizione
2006
http://www.ladige.it/giornale_online/giornale_articolo.php?id_pagina=23101&p
agina=38&versione=testuale&zoom=&id_articolo=119964
E' la presenza record delle più qualificate aziende italiane di settore a
caratterizzare la seconda edizione di Expo Riva Caccia Pesca Ambiente, la
mostra-mercato proposta da Riva del Garda Fierecongressi per il 24 e 25
marzo prossimi, con un settimana d'anticipo rispetto alla data dell'edizione
2006. Ancor prima della sua inaugurazione, la seconda edizione della vetrina
proposta alla Fiera di Riva del Garda su quanto ruota attorno alla pesca,
alla caccia ed all'ambiente, fa registrare il patrocinio concesso dal
Ministero delle Politiche Agricole, Ambientali e Forestali e un boom di
adesioni: su una superficie netta di 3.907 metri quadrati saranno presenti
186 espositori, con un incremento del 60% rispetto alla già positiva
presenza di 116 aziende registrata nel 2006. Si tratta di numeri importanti
per questo settore ed in grado di soddisfare pienamente le attese degli
appassionati. Per due giorni avranno così la possibilità di vedere ed
acquistare direttamente le ultime novità, partecipare a convegni scientifici
sulla gestione dell'ambiente, migliorare le tecniche di pesca e di
costruzione delle esche, esibirsi in competizioni di caccia e pesca. Ma
anche per i non addetti ai lavori la proposta appare interessantissima
grazie alla possibilità di vedere realtà nuove, poco conosciute ma molto
interessanti, legate all'ambiente naturale. Per animare le due giornate di
fiera, e consentire anche ai genitori di visitare gli stand tranquillamente,
è poi previsto un gioco per i più piccoli finalizzato a conoscere l'ambiente
naturale e un diorama con animali e piante dell'ambiente alpino realizzato
dall'artista altoatesino Claudio Menapace su una superficie 200 metri.
Decisamente curiosa è poi la mostra di fotografie d'epoca dedicata al tema
"la donna e la pesca a mosca". Tra le iniziative di carattere agonistico,
Expo Riva Caccia Pesca Ambiente propone cinque differenti gare di pesca ed
un gran galà di costruzione mosca artificiale. All' interno dei padiglioni
verranno costruite due vasche di lancio una per lo spinning e l'altra per la
mosca dove potranno essere testati i materiali in vendita. Grazie alla
collaborazione dell'Associazione Cacciatori del Trentino, in una
tensostruttura collegata al quartiere fieristico e visitabile gratuitamente,
verrà proposta una mostra dei trofei del Basso Trentino relativi alla
stagione venatoria 2006. Nella stessa struttura sarà assegnato il
prestigioso premio letterario "Giacomo Rosini" organizzato dal Circolo Ars
Venandi, con presidente di giuria lo scrittore-cacciatore Mario Rigoni
Stern. E' la prima volta che il premio viene assegnato in un contesto non
tradizionale e ciò conferma la credibilità di cui già gode la
mostra-mercato.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it