[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: Protesta contro la Rai che pubblicizza la carne



 
----- Original Message -----
Sent: Monday, April 16, 2007 11:06 AM
Subject: Protesta contro la Rai che pubblicizza la carne

Carissimi, approfitto per ricordarvi ancora la possibilità didevolvere il 5 x  mille alla nostra Associazione nella prossima dichiarazione dei redditi. Il numero di codice fiscale è 97365030580. Inoltre vi ricordo ancora la prossima Festa dei Vegetariani prevista per domenica 20 maggio in piazza Re di Roma. Le associazioni che intendono aderire, coloro che volessero allestire un tavolo o un gazebo, gli amici/artisti che volessero esibirsi, sono invitati a mettersi in contatto.

 

    Come sapete non c?è giorno che la televisione di Stato non sponsorizzi, tramite i suoi nutrizionisti compiacenti, la carne, il pesce e derivati animali. Per cercare di neutralizzare gli effetti nefandi della cultura del carnivorismo propinata dai mass media, occorre mobilitarsi, reagire. ognuno che sente il problema come un?ingiustizia verso gli animali, la salute delle persone e del pianeta, deve farsi parte in causa, deve uscire dall?inerzia e, nella fattispecie, prendere carta e penna e incominciare a scrivere a chi di dovere. A tal proposito propongo che chi è diventato vegetariano e ha potuto constatare i benefici di tale dieta sulla sua salute e sulla sua vita è necessario che dia testimonianza di se stesso parlando della sua condizione fisica prima e dopo, elencando le eventuali patologie di cui era soggetto e quelle che ha debellato seguendo questo stile di vita, possibilmente supportando le sue affermazioni da referto medico. La nostra forza sta proprio nella dimostrazione concreta della nostra buona salute ottenuta dall?esclusione della carne e derivati animali dalla nostra vita: solo in questo modo possiamo sconfessare ogni teoria che ritiene necessaria la carne per la buona salute della gente. Redigere una lettera-tipo non è poi così faticoso che tra l?altro può essere utilizzata in tempi successivi e per diversi indirizzi ogni qual volta in televisione o sui giornali qualcuno torna a ribadire il concetto che è necessario mangiare la carne. Confido nella vostra disponibilità. Intanto vi invito a leggere e ad inviare la lettera che accludo. Se qualcuno ha la possibilità di reperire un indirizzo di posta elettronica del prof. Giorgio Calabrese è pregato di farmelo avere. Salute a voi. fl

 

PROTESTA CONTRO LA RAI E CONTRO I NUTRIZIONISTI

CHE PUBBLICIZZANO LA CARNE CONSIDERATA CANCEROGENA

DALL?ISTITUTO TUMORI DI MILANO

Franco Libero Manco Presidente Associazione Vegetariana Animalista

Al Direttore Generale della Rai Dr. Cappon

d.beluffi at rai.it

Al Direttore di Rai 1 Dr. Del Noce

f.delnoce at rai.it

 

E? una vergogna che la televisione di Stato possa pubblicizzare, invogliare la gente a consumare carne rossa considerata dai più accreditati istituti di ricerca scientifica come la principale causa dell?insorgere delle peggiori patologie moderne, oltre a causare enorme danno all?ambiente e all?economia personale e collettiva. E? una vergogna che i mezzi di informazione lascino sparlare a ruota libera il nutrizionista Calabrese in materia di alimentazione senza una controparte che possa smentire false affermazioni che riguardano la salute e la vita delle persone.

Mentre studiosi, medici e ricercatori scientifici di tutto il mondo raccomandano di limitare e possibilmente abolire del tutto la carne, specialmente quella rossa, dalla propria dieta, dimostrando scientificamente la diretta correlazione esistente tra molte malattie degenerative e tumorali e l?alimentazione carnea, il prof. Calabrese sabato 15 aprile alle ore 8,45 su Rai 1 ha affermato che la carne rossa può essere consumata 4-5 volte a settimana intervallata da pesce, formaggi e uova, che è necessario mangiare la carne perché questa contiene nutrienti e proteine che i prodotti vegetali consumati dai vegetariani non posseggono.  

La televisione di stato deve essere strumento di cultura non strumento di interessi economici delle multi nazionali e loro accoliti, sulla pelle delle persone, degli animali e del pianeta. Questa situazione di indifferenza verso le istanze dei vegetariani e animalisti, questa situazione di sfida non è più tollerabile. Chi non ha la capacità di andare oltre l?apparenza del messaggio pubblicitario resta vittima di questa situazione dannosa che sta generando un?umanità di ammalati cronici. Potremmo produrre centinaia di documenti, articoli di riviste scientifiche e di quotidiani a conferma di quanto detto ma ci limitiamo a citare le dichiarazioni del prof. Franco Berrino direttore del Dipartimento Istituto Tumori di Milano riportate nella pagina 55 del Corriere della Sera di domenica 15 aprile 2007: ?La funzione dell?insulina è ostacolata dalla presenza di troppi grassi saturi a sua volta dipendente da troppi latticini e carni rosse nella dieta. Anche le proteine, soprattutto quelle di provenienza animale favoriscono una produzione abbondante di insulina e di IGF-I. Il consumo di carni rosse, specialmente se conservate, aumenta il rischio di tumore nell?intestino. Un piatto di cereali con un po? di legumi fornisce tutti gli aminoacidi  di cui abbiamo bisogno senza sovraccaricare l?organismo con quelli di provenienza animale?.