[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 23/06/07



======
CACCIA
======
Marsilio replica a Narduzzi
Caccia, affondo dell'assessore
«Accuse strumentali»
http://gazzettino.quinordest.it/VisualizzaArticolo.php3?Luogo=Pordenone&Codi
ce=3421028&Pagina=1
Pordenone
Caccia, accuse strumentali. Liquida in questa maniera l'assessore regionale
Enzo Marsilio le dichiarazioni dell'esponente della giunta provinciale
Danilo Narduzzi e del vicepresidente dell'associazione cacciatori Enzo
Bortolotti. I due avevano messo sotto accusa il referente regionale in
merito alla nuova proposta di legge che penalizzerebbe la Destra Tagliamento
con il rischio di perdere la scuola di specializzazione di San Floriano. Ma
a replicare duro, oltre a Marsilio è anche il consigliere regionale della
Margherita Daniele Gerolin, referente per il gruppo consiliare sul tema
caccia e componente della II Commissione regionale agricoltura e montagna.
«Nessuno si è mai sognato di mettere in discussione la scuola di caccia
della Destra Tagliamento. L'istituto regionale - spiegano i due - prevista
espressamente dalla proposta di legge va a colmare un vuoto importante della
attuale normativa. È prevista all'interno del Cespam di Paluzza che dispone
anche nello stesso comune della adiacente Foresta di Pramosio. Nella legge è
comunque previsto che la formazione di base dei futuri cacciatori rimanga in
capo alle Province. Se poi l'Ente intermedio di Pordenone vorrà continuare a
sviluppare anche i corsi di specializzazione per i cacciatori, questo non
gli viene certamente vietato dalla legge. Anzi, si dimostra una maggiore
attenzione per la formazione e la cultura venatoria in capo ai cacciatori».
L'assessore Marsilio e il consigliere Gerolin entrano anche nel dettaglio
della proposta di legge. «La questione del divieto di cacciare gli acquatici
un'ora dopo il tramonto - spiegano - è stata prevista dalla legge
comunitaria appena approvata dal consiglio regionale, in quanto la norma che
permetteva tale deroga è in contrasto con la legge nazionale. L'aumento poi
delle tasse regionali legate al rilascio del tesserino è vincolato per i
miglioramenti ambientali da realizzarsi prioritariamente con i soci delle
riserve e con le aziende agricole del territorio. Questo provvedimento,
collegato con le misure previste nel Piano di Sviluppo rurale 2007 - 2013
permetterà di rafforzare il legame cacciatori - agricoltori con il
territorio ed il miglioramento dell'habitat e della fauna».Infine le
conclusioni politiche. «Crediamo che la posizione e le affermazioni di
Narduzzi e Bortolotti siano strumentali, non corrette e tendenti a
nascondere le carenze più volte dimostrate della Provincia di Pordenone -
guarda caso sempre con assessori alla Caccia leghisti, vedi Pottino, Ossena,
Narduzzi - di coordinare e gestire le problematiche nate con la legge
regionale come le questioni dei prelievi in deroga (es. cinghiali).
Crediamo - concludono - che Narduzzi e Bortolotti dovrebbero, anziché
polemizzare, cercare di esercitare pienamente il ruolo assegnato alle
Province e non obbligare, per la loro incapacità, i cacciatori e gli
agricoltori a risolvere i problemi da soli come stanno facendo molto bene
nella Pedemontana pordenonese un gruppo di loro per la questione del
controllo del cinghiale».
===============
FIERE VENATORIE
===============
L’edizione 2007 della sagra sarà tutta concentrata nel weekend del 18 e 19
agosto. Niente tombola ma tante mostre
Sagra dei Osei, bozzetto fatto in casa
Ha vinto l’opera di Tiziana Aliffi. Il biglietto d’ingresso non costerà più
di 3 euro. Ok al contributo
Sacile
http://gazzettino.quinordest.it/VisualizzaArticolo.php3?Luogo=Pordenone&Codi
ce=3421126&Pagina=6
È di una sacilese, Tiziana Aliffi, insegnante, pittrice e presidentessa del
Circolo artistico Luigi Nono, il bozzetto scelto per il manifesto della 734.
Sagra dei Osei, in programma il 18 e 19 agosto. Lo ha scelto il direttivo
della Pro fra i tre bozzetti selezionati tra gli oltre 400 presentati lo
scorso anno al concorso. Un'idea semplice. «Rappresenta - dichiara la stessa
Tiziana - un vecchio disegno. È un uccello che parte da un'idea del pittore
e successivamente viene modernizzato con l'ausilio degli strumenti
multimediali, pur mantenendo l'effetto pittorico originale. Il soggetto -
aggiunge - fa un po' da ponte tra il passato e il presente, conservando
comunque un forte richiamo rispetto alla Sagra dei Osei e alla sua storia».
All'annuncio che il suo bozzetto è stato scelto per rappresentare l'edizione
2007 della manifestazione canora, sottolinea la sua grande soddisfazione,
«ma anche il mio orgoglio di sacilese nel poter rappresentare quella che è
la manifestazione più prestigiosa nella storia della mia città». La scelta
del lavoro di Tiziana arriva dopo i diversi tentativi degli anni scorsi,
senza che i suoi lavori entrassero nei giudizi finali della commissione.
«Già negli anni scorsi - rivela - ho comunque avuto la soddisfazione di
veder vincere un mio allievo. Ora è toccato a me e voglio vivere questi
momenti di gioia». C'è un unico rammarico: non poter essere presente alla
presentazione del manifesto per impegni espositivi in Calabria.
Un'altra decisione presa dalla Pro Sacile è stata quella sulla durata della
Sagra. Verrà limitata alle giornate di sabato e domenica e si chiuderà con
lo spettacolo pirotecnico. Niente tombola, dunque. Il direttivo ha poi
affrontato il problema del ripristino del biglietto d'ingresso. «Più che
altro - garantisce il presidente Ruggero Simionato - avrà la caratteristica
del contributo». Circa l'entità, il Consiglio è indirizzato su un importo
tra i 2 e i 3 euro, sia il sabato che la domenica. Per quanto riguarda il
programma, sono stati confermati gli incarichi circa le manifestazioni
tradizionali: concorso canoro (ad Attilio Piccin), esposizione e concorso
canarini, esotici e ibridi (Sergio Camol), esposizione nazionale canina
(Giuseppe Bazzo), animali da cortile, mostra e concorso cunicolo (Vittorio
Zorzetto).
«Restano da definire i responsabili della mostra dei vini - sostiene
Simionato - e della mostra-concorso dei mieli, vista l'indisponibilità
dell'ex presidente Giuseppe Fabbroni di seguire l'organizzazione, essendo
assente da Sacile nel periodo della manifestazione». Il direttivo ha quindi
preso atto delle dimissioni presentate dal consigliere Claudio Modolo, per
motivi strettamente personali. Verrà sostituito da Graziano Bortolussi,
primo dei non eletti. Con l'uscita di Modolo la Pro perde certamente una
figura storica dell'associazione, che in tanti anni di fedele militanza ha
contribuito alla crescita della Pro Sacile.
«Ora - conclude il presidente - la macchina organizzativa è partita. La
volontà di tutti è quella di far bene, pur nella consapevolezza della
difficile situazione finanziaria, che comunque non ci impedirà di offrire un
programma che sia in linea con la tradizione». Richiesto di un commento
sull'annuncio dato dal sindaco Roberto Cappuzzo alla Commissione bilancio
che sono state reperite le risorse per l'erogazione del contributo
straordinario di 80mila euro, Simionato si limita a sottolineare «ringrazio
il sindaco per aver mantenuto le promesse fatte in questi mesi».
Michelangelo Scarabellotto
===========
VIVISEZIONE
===========
Per fermare la strage di animali necessario lavorare a livello etico e
scientifico
«Lotta antivivisezione? A tutto campo»
http://www.bresciaoggi.it/storico/20070623/cronaca/Cad.htm
I dati dell’Unione europea parlano chiaro. In materia di vivisezione è di
circa 900 mila il computo di vittime animali sacrificate dalla scienza ogni
anno solo in Italia, con cifre ancor più allarmanti se si passa ad un
livello europeo, dove la tendenza oscilla tra i 12 e i 15 milioni di morti,
arrivando a toccare addirittura quota 20 negli Stati Uniti. «E questo
tenendo conto che questi ultimi numeri americani si rifanno soltanto agli
esperimenti cosidetti "di base", ossia quelli condotti all’interno delle
università», spiega il medico antivivisezionista Stefano Cagno, presente
giovedì sera al cafè letterario «Un mondo di carta» di via Beccaria per
parlare apertamente dei rischi e delle inutilità derivanti dalle terapie
sperimentali sugli animali. «Rimangono coperte da mistero, invece -
recrimina il dottor Cagno - le informazioni riguardanti le procedure
“applicate”, condotte cioè dalle industrie stesse su più campi, tra cui
quello farmacologico, chimico e psichico, senza che tuttora esistano vincoli
legislativi legate da un rapporto di chiarezza e visibilità con la
popolazione, atte in ogni caso ad accrescere il totale di perdite fino ad
una stima di 200 milioni di esemplari ogni anno». Per Cagno la lotta alla
vivisezione si combatte a tutto campo, «sia da un punto di vista
scientifico, per la mancanza di fondamenti logici che accompagnano la
maggior parte delle procedure sperimentali, sia per ragioni etiche volte a
rispettare la condizione di sofferenza in cui versa la cavia da
laboratorio». Andrea Podestani
==============
MALTRATTAMENTO
==============
Donna Condannata per il rudere-canile
http://www.ilsecoloxix.it
SAVONA - Alla fine Ornella Tassi se l'è cavata con una condanna tutto
sommato mite: pagherà un'ammenda di 4 mila euro. Si è chiuso così ieri
mattina il processo alla donna che con il fratello Andrea Tassi fino al 2004
aveva gestito un canile domestico (45 cani) gravemente carente dei requisiti
minimi per ospitare gli animali. La donna, difesa dagli avvocati Umberto
Ramella e Pierluigi Pesce, è stata condannata dal giudice Francesco Meloni
che oltre all'ammenda ha disposto la confisca dei cani sequestrati facendo
però decadere l'ipotesi della "crudeltà". La famiglia Tassi, originaria di
Genova, era finita nel mirino di Forestale e servizio veterinario dell'Asl
nel 2004 dopo un blitz che portò alla luce 45 cani stipati in un
rudere-cascinale sperduto nel bosco tra San Bartolomeo e Cadibona. Buona
parte dei cani che Andrea Tassi custodiva (viveva anche lui con loro in quel
rudere) erano in cattive condizioni di salute e malandati. Scattarono le
prime denunce e il tribunale, su richiesta del pm Alessandra Coccoli, fece
sequestrare gli animali (trasferiti in canili privati dove sono ancora
oggi). A carico di Ornella Tassi scattò il processo per maltrattamento di
animali. Ieri la condanna.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it