[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 24/07/07



======
CACCIA
======
ATTIVITÀ VENATORIA
La Provincia fissa i paletti per gli atc Cancellato l'articolo 13 del Ro 3
Stop alle interpretazioni autonome di compiti e funzioni per i comitati
direttivi degli ambiti di caccia.
http://gazzettino.quinordest.it/VisualizzaArticolo.php3?Luogo=Rovigo&Codice=
3451344&Pagina=ROVIGO
La Provincia ha fissato i paletti entro cui dovranno muoversi gli organismi
di gestione venatoria sul territorio e ieri ha riunito i neo eletti
componenti degli atc (30 in tutto) per illustrare la cornice normativa nella
quale potranno operare. Per la verità, la lettura delle leggi 50 regionale
del '93 e 157 del '92 oltre al Piano faunistico varato nel 2007, offre già
il quadro d'insieme dei compiti e delle funzioni assegnate, ma l'averlo
ribadito sgombra il campo dai rimanenti dubbi (o alibi) interpretativi.
GESTIONE FAUNISTICO AMBIENTALE - Il comitato dell'atc deve predisporre il
programma annuale dell'attività e trasmetterlo alla Provincia per la
compatibilità con la legge 50 del 1993.
Si occupa della ricognizione delle risorse ambientali e faunistiche, del
miglioramento degli habitat naturali, attribuisce gli incentivi anche
finanziari ai proprietari dei fondi agricoli, provvede ai ripopolamenti.
GESTIONE SOCI - Iscrive nel libro soci i cacciatori assegnati dalla
Provincia, rilascia i permessi giornalieri, decide le quote associative,
propone alla Provincia i provvedimenti disciplinari nei confronti dei soci
solo per i casi di violazione dei patti associativi (il regolamento
interno), delimita con tabelle i confini dell'atc.
CONTABILITÀ - Predispone i bilanci, il previsionale entro il 31 ottobre, e
il consuntivo entro il 28 febbraio.
Tra i primi adempimenti spettanti ai nuovi comitati eletti il mese scorso vi
è la convocazione della prima assemblea, l'iscrizione dei cacciatori, lo
statuto, i regolamenti dei permessi e le modalità di apertura della sede al
pubblico.
Una parte del decalogo che gli atc saranno tenuti a seguire comprende anche
i compiti dell'assemblea. Dovrà tra l'altro approvare lo statuto e gli
eventuali patti associativi che non contrastino con le norme e che non
riguardino la regolamentazione dei prelievi venatori. Un colpo di spugna
alle fughe in avanti rappresentate per esempio dal contestato articolo 13
del Ro3. Alle assemblee spetterà anche il compito di approvare i bilanci,
definire le prestazioni d'opera e di servizio, stabilire i criteri per il
rimborsi spese, eleggere cinque rappresentati dell'atc con voto consultivo.
RAPPORTI CON I SOCI - Rilevante importanza viene riservata all'apertura
della sede e agli orari di accesso per il pubblico con un chiaro intento di
trasparenza gestionale e contatto diretto con la base venatoria. La
Provincia raccomanda che le modalità siano pubblicizzate già con la lettera
da inviare ai soci per la convocazione della prima assemblea. Franco Pavan
-----
Cani denutriti, sequestrato ricovero abusivo
Nella struttura di Bargagli sono stati trovati dalle guardie zoofile e dalla
polizia municipale 25 pastori tedeschi
http://edicola.ilsecoloxix.it/Secolo_notizia01OK.asp?IDNotizia=576882&IDCate
goria=590
VENTICINQUE pastori tedeschi chiusi in gabbia, alcuni visibilmente denutriti
e in pessime condizioni di salute. Le guardie zoofile del Canile di Genova e
gli agenti del Nucleo Ambiente e Territorio della Polizia Municipale hanno
scoperto, ieri, un "artigianale" e non autorizzato ricovero-allevamento per
cani. Si trovava in località Stige, dalle parti di Bargagli, ed era gestito
da G.S., genovese, immediatamente denunciato per maltrattamento di animali.
Cinque cani, trovati in disparte e in pessime condizioni, sono stati
prelevati e ricoverati dalle tre guardie zoofile - Elvio Fichera, Antonio
Ragone e Gianlorenzo Termanini - presso il canile di via Adamoli, gli altri
venti sono stati lasciati, in via provvisoria, nel canile "clandestino". In
altro "salvataggio"è stato compiuto, sempre ieri, nel centro storico
genovese. Questa volta a intervenire in un palazzo di salita Santa Maria di
Castello sono stati i vigili urbani di piazza Ortiz e i militi della Croce
Bianca di piazza Palermo. In un appartamento, risultato poi affittato a una
studentessa, è stato trovato un cane di grossa taglia. L'abbaiare
dell'animale da almeno tre giorni ininterrottamente disturbava i condomini
dello stabile. La proprietaria, rintracciata nelle scorse ore, verrà
denunciata per maltrattamento di animale e disturbo della quiete pubblica.
d. gri.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it