[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 10/03/08



==============
MALTRATTAMENTI
==============
PROCESSO PER L’UCCISIONE DI UN GATTINO
http://www.lasicilia.it
Giovanissimi, ma crudeli, violenti, capaci di massacrare e uccidere un gatto
per divertimento. Eppure l’hanno fatta franca. Solo uno di loro, l’unico
minorenne, è stato condannato. Per la donna che li ha denunciati tanta
amarezza e senso di sfiducia. I fatti sono accaduti nell’aprile del 2006, a
Biancavilla.
Dalla finestra di casa tua vedi un gruppo di bulli di paese. E’ notte tarda,
fanno chiasso. Decidono di darsi allo spasso e, dopo una serata passata in
pub, prendono di mira un gattino indifeso. Lo colpiscono con bastonate e
calci fino alla morte. Poi, il "branco" se ne va, divertito. Hai visto
tutto. Pensi: "Questi vigliacchi non possono passarla liscia". Dai l’
allarme, i responsabili vengono identificati (grazie anche ad un
vigilantes), testimoni al processo. Ti aspetti un atto di giustizia,
soprattutto quando scopri che i responsabili di tanta ferocia sono otto
ragazzi, tutti di Adrano, studenti, di buona famiglia. E invece? Invece la
condanna sembra contraddittoria. A sette di loro il Tribunale di Catania li
ha solo multati di 1140 euro. Pena condonata. Mano più pesante per il
17enne, giudicato dal Tribunale per i minorenni: sei mesi di carcere (pena
sospesa). La sentenza riconosce però "la portata offensiva e il disvalore
sociale" di queste "esternazioni collettive di bullismo. Rimane un
interrogativo: gli otto ragazzi hanno capito la lezione?

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it