[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 15/04/08



====
ORSO
====
Come il fratellastro Bruno, anche l'altro figlio di mamma Jurka è stato
ucciso
Inutile l'appello degli ambientalisti e l'offerta di asilo avanzata dallo
zoo di Berna
Svizzera, abbattuto l'orso JJ3 "Troppo pericoloso per l'uomo"
http://www.repubblica.it
ROMA - Lo zoo di Berna si era offerto di prenderlo in custodia ma le
autorità federali svizzere hanno ritenuto che l'orso JJ3 era diventato
troppo pericoloso per lasciarlo girovagare tra le villette del cantone dei
Grigioni. JJ3 ha seguito le sorti del fratellastro Bruno: anche lui fu
ucciso perchi era diventato pericoloso per l'uomo. Ieri è toccato all'altro
figlio di mamma Jurka, rinchiusa da un anno in un recinto nel
Trentino.Troppo "problematici", i comportamenti tenuti da un anno a questa
parte da JJ3, da quando l'orso si era spostato dal Trentino nel cantone dei
Grigioni in Svizzera. La mobilitazione degli animalisti non è servita a
nulla: la decisione dell'Uffico federale dell'ambiente non ha concesso
deroghe.Lo scorso autunno JJ3 aveva iniziato a spingersi sistematicamente
fino ai centri abitati alla ricerca di cibo e non si lasciava affatto
intimorire dall'uomo. Le ripetute azioni di dissuasione intraprese prima e
dopo il letargo per allontanarlo, non avevano sortito alcun effetto e l'orso
non aveva cambiato il suo comportamento, "diventando un pericolo" secondo il
Dipartimento federale dell'ambiente.Non così per l'altro fratellastro di
Bruno, l'orso MJ4 come è stato battezzato dagli zoologi, anche lui
sconfinato l'estate scorsa dal Trentino nei Grigioni ma più "discreto" nel
suo comportamento. Lui non cerca il cibo vicino alle case del cantone.
Preferisce vivere nei boschi della Val Monastero, nella zona dell'Engadina,
lontano dall'uomo e dal timore di essere abbattuto.
==============
MALTRATTAMENTI
==============
Massacrano una volpe indagati due agenti
di EL.PA
http://www.libero-news.it/
Gandellino (BG) - La crudeltà nei confronti degli animali è un crimine
brutale che non può ne deve trovare inutili giustificazioni. Questo è quello
che pensa l'Oipa, Organizzazione Internazionale Protezione Animali, ed è ciò
che devono aver pensato anche i numerosi testimoni che a Gandellino, in
provincia di Bergamo, hanno assistito sotto i loro occhi, all'uccisione di
una povera volpe ferita ed indifesa. Protagonisti di questa barbarie non
sono dei bracconieri senza scrupoli ma due agenti della Polizia provinciale
di Bergamo. Il fatto ha avuto luogo qualche giorno fa. Due operai hanno
scoperto che, all'interno del loro cantiere si nascondeva una volpe
piuttosto mal ridotta. Il capo cantiere ha allertato la Polizia provinciale
che, per legge, avrebbe dovuto raccogliere l'animale ferito e trasferirlo in
uno dei centri per il recupero degli animali selvatici. Qualcosa però è
andato storto. Gli agenti, anzichi aiutare la povera volpe, hanno infierito
su di lei, schiacciandola con i piedi, sbattendole ripetutamente la testa
contro un masso e, sempre con i piedi, le hanno tenuto fermo il collo
continuando a riempirla di calci sul petto. Dopo le violenze l'animale è
morto. I testimoni allibiti hanno avvertito la Forestale di Gromo che ha
denunciato gli agenti assassini per maltrattamento di animali. Numerose le
testimonianze raccolte dagli investigatori che confermerebbero la validità
di questa accusa. L'Oipa si costituirà parte civile contro i poliziotti
indagati. H ora di dire basta agli animali che subiscono soprusi e vanno
incontro a morti così violente per volontà di uomini davvero privi di
umanità.
========
AMBIENTE
========
SPAGNA; FUGA RADIOATTIVA DA CENTRALE, CONTROLLI
http://www.ansa.it
(ANSA) - MADRID, 15 APR - Il Consiglio per la sicurezza nucleare (Csn)
spagnolo ha avviato controlli su circa 700 persone dopo la comunicazione da
parte del gruppo elettrico Endesa di una fuga radioattiva nella centrale
nucleare di Asco', nella provincia di Tarragona: lo ha riferito oggi il
quotidiano 'El Pais'. La fuga si e' prodotta il 26 novembre scorso durante
una operazione di manutenzione ed e' stata resa nota il 4 aprile. Secondo il
Csn, tuttavia, l'entita' della fuga sarebbe stata minimizzata nella
comunicazione di Endesa. In dichiarazioni oggi a 'El Pais' il vicedirettore
della protezione radiologica al Csn, Manuel Rodriguez, ha affermato che la
fuga ''e' stata 100 volte superiore a quanto la centrale ha dichiarato la
settimana scorsa''. Al momento sono stati effettuati controlli su circa 600
persone, che hanno dato esito negativo: non sono stati rilevati casi di
contaminazione. Il Csn ha effettuato una visita di controllo a Asco' fra il
5 e il 7 aprile. Secondo il !
 Csn tuttavia, che ha riqualificato l' incidente dal livello di gravita' 1 a
quello 2 di una scala internazionale che ne conta 7, ''l'impatto radiologico
secondo le nuove informazioni rimane quasi insignificante per la popolazione
vicina alla centrale e al di sotto dei limiti legali previsti per il
personale''. Delle sanzioni potrebbero essere prese contro il gruppo Endesa
per avere fornito, secondo il Csn, ''informazioni incomplete''.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it