[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

NEWS: Giornali Internet 18/12/08



======
CACCIA
======
Bracconieri finiscono nella rete della Polizia Provinciale
http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=14487
VIAREGGIO (Lucca) - La Polizia Provinciale ha denunciato per aver introdotto
armi all’interno di un’area protetta e per aver disturbato la fauna presente
nel Parco due bracconieri che volevano cacciare i cinghiali all'interno del
Parco delle Alpi Apuane. Un terzo cacciatore di frodo, invece, è riuscito a
scappare agli agenti, facendo perdere le proprie tracce nel fitto del bosco.
Un gruppo di cacciatori di frodo si era addentrato nell’area di tutela
integrale del Parco delle Alpi Apuane, nei pressi di Passo Lucese, nel
comune di Camaiore, ma la battuta di caccia non ha avuto l’esito sperato e
sono stati loro ad essere catturati. La Polizia Provinciale – che
recentemente ha ricevuto numerose segnalazioni di bracconaggio all’interno
del Parco –, li ha sorpresi mentre stavano cercando di allontanarsi dopo
aver tentato di abbattere dei cinghiali. I tre cacciatori, armati di fucile
e con cani al seguito, volevano far perdere le proprie tracce nel fitto del
bosco. La manovra, però, è riuscita solo a uno dei bracconieri, scomparso
tra la folta vegetazione che copre le pendici del monte Pedone. Gli altri
due, invece, sono stati bloccati dagli agenti della Polizia Provinciale: al
momento che si sono visti scoperti, hanno tentato di motivare il loro
comportamento, ma anche questo tentativo non è servito per alleggerire la
loro posizione.
La Polizia Provincia ha posto sotto sequestro le armi e le munizioni e ha
segnalato alla Procura di Lucca per caccia all’interno del Parco delle Alpi
Apuane, per aver introdotto armi all’interno di un’area protetta e per aver
disturbato la fauna presente nel Parco. Per questi reati, i due bracconieri
rischiano l’arresto oltre 6 mesi e un’ammenda superiore ai 13mila euro,
nonché la sospensione della licenza per un periodo da 1 a 3 anni. Saranno,
inoltre, comminate loro sanzioni amministrative per svariate migliaia di
euro.
-----
PROVVEDIMENTO
Allarme cinghiali in regione
Via libera alla caccia tutto l'anno
http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/pesaro/2008/12/18/139858-emergenza_
cinghiali_nelle_marche.shtml
Per risolvere il problema dei danni e degli incidenti stradali provocati
dagli animali selvatici, arriva il 'sì' del consiglio regionale alle
richieste di Coldiretti
Ancona, 18 dicembre 2008 - Caccia al cinghiale libera tutto l’anno per
risolvere l’emergenza selvatici. E’ il provvedimento approvato dal Consiglio
regionale delle Marche sulla base delle richieste avanzate da Coldiretti,
dopo il moltiplicarsi degli allarmi per i danni causati alle imprese
agricole e gli incidenti sulle strade marchigiane.
Nell’ambito della discussione sulla Legge Finanziaria 2009 è stato
presentato e votato un emendamento bipartisan che assegna alle Province la
possibilità di autorizzare la caccia al cinghiale, in tutte le zone e nei
periodi normalmente preclusi all’attività venatoria, se gli animali sono in
soprannumero.
Le battute potranno essere effettuate non solo dai cacciatori col tesserino
ma anche da chi ha conseguito il patentino provinciale per cacciare in
squadra. “Un mese fa avevamo chiesto alla politica una risposta rapida a un
problema che ha assunto proporzioni simili a quelli di una calamità naturale
e il Consiglio si è mosso in tale direzione – sottolinea il presidente di
Coldiretti Marche, Giannalberto Luzi -. Considerato che tra meno di un mese
la legge dovrebbe essere operativa, ci aspettiamo che le Province si
attivino da subito, coerentemente con i protocolli d’intesa che Coldiretti
ha sottoscritto con le quattro amministrazioni provinciali proprio per
trovare soluzioni all’emergenza selvatici”.
Oltre ai danni alle produzioni e il rischio sulle strade, la proliferazione
oltre misura degli animali selvatici sta creando problemi anche di carattere
ambientale, pregiudicando l’assetto del territorio, peraltro in una regione,
come le Marche, già a grave rischio dissesto.

-----
Simone Bonanomi
Lega Abolizione Caccia
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.anticaccia.it