[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Teramo. Randagio ucciso a colpi di fucile.



 
Teramo. Randagio ucciso a colpi di fucile.

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane rende noto che all’odierna udienza  svoltasi dinanzi al Tribunale Penale di Teramo in funzione di Giudice Monocratico, nel procedimento a carico di G.S.  si è costituita parte civile.  L’indagine contro G.S. era stata aperta dalla Procura della Repubblica di Teramo in data 2 agosto 2008 in seguito all’uccisione di un cane randagio, per opera dell’imputato, a colpi di fucile, in località Piancarani di Campli, e conclusa con la richiesta di rinvio a giudizio. All’imputato è contestato il reato di cui all’art. 544 bis c.p. “per avere, con crudeltà, cagionato la morte di un cane randagio”.
Si tratta di un crimine che la Lega ha giudicato di notevole efferatezza poiché perpetrato ai danni di un cane del tutto innocuo e addirittura timoroso del contatto con gli uomini (come reso noto da alcuni giovani che ne avevano cura amorevolmente), e senza che il gesto fosse giustificato da alcuna necessità. La Lega ha voluto dunque costituirsi parte civile nell’instaurato procedimento, stante la lesione ingiustificata ai propri scopi statutari, da sempre fermamente perseguiti anche in sede locale, e affinché certi episodi di gratuita violenza non abbiano più a compiersi. Il Giudice presso il Tribunale di Teramo ha ammesso la costituzione di parte civile presentata dall’Avv. Viviana Casadio, legale dell’Ente.

Teramo 6 luglio 2009

La Presidente,
Catia Durante