[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CS LAV: Tarquinia e la gestione del canile



----- Original Message -----
Sent: Friday, August 07, 2009 7:40 PM
Subject: CS LAV: Tarquinia e la gestione del canile

Urgente.

Con richiesta di pubblicazione e diffusione, grazie.

christiana soccini lav

3491048578

 

-----------------------

 

Tarquinia e la gestione del canile

Comunicato Stampa LAV Tarquinia, VT

07 agosto 2009

 

Ancora una volta il canile di Tarquinia cambia gestore.

Si tratta di una pessima quanto dannosa nonché diffusa abitudine degli Enti locali a non considerare il benessere degli animali detenuti in queste strutture.

Generalmente, infatti, anche nei canili pubblici si sorvola con facilità sugli adempimenti strutturali che da decenni ormai le leggi imporrebbero e si cambia in continuazione il personale in essi operante con evidente aggravio sulle condizioni di detenzione dei cani.

In questo modo non si attivano i necessari processi di aggiornamento e specializzazione del personale, si interrompono continuamente i legami affettivi che gli animali instaurano con esso, con il risultato che la psiche di questi animali ne risente, rallentando ulteriormente i processi di affidamento.

Insomma, il canile è visto tuttora come una discarica dove recludere gli animali incustoditi o randagi, utile unicamente come luogo di temporanea occupazione per qualcuno.

 

Insistiamo affinché, cogliendo l’occasione, si attui una svolta culturale oltre che amministrativa.

 

Entro il 10 agosto 2009 il Comune di Tarquinia riceverà le offerte di Associazioni di protezione degli animali, società, cooperative, ditte che intendano assumere la gestione del canile municipale sito in località Monterana.

 

Nell’annuncio, visibile alla pagina http://www.comune.tarquinia.vt.it/archivio4_bandi-di-gara_0_29_0_1.html, il comune scrive che “Il criterio di selezione prescelto è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa.”

 

Ricordiamo  all’Amministrazione comunale la Circolare Ministeriale n.5 del 2001 a firma del Ministro Veronesi che, in riferimento alla Legge Quadro sul randagismo, precisa che la norma impone agli Enti pubblici l’assegnazione in gestione delle strutture canile “prioritariamente alle associazioni o agli enti aventi finalità di protezione degli animali” stabilendo inoltre che “il criterio  dell'economicità (…) deve essere  riferito  non  solamente  a  chi garantisce i minori costi di gestione  dei  canili  ma  soprattutto  a  chi  garantisce  anche  il benessere  degli  animali”.

 

Insomma, prima si accolgono le richieste di acquisizione in gestione della struttura e, poi, se vi sono Associazioni che ne fanno domanda, si sceglie fra queste quale offre il maggior benessere agli animali (ad esempio in relazione al numero di persone che intendono operare nella struttura, alla conoscenza del territorio, ai curricula, ecc.) e, solo successivamente, se ne considerano i costi.

 

Christiana Soccini

Responsabile territoriale LAV Onlus

Ass. animalista e Ambientalista

www.lav.it

PdR Tarquinia, VT

3491048578 csoccin at tiscali.it

Allegato Rimosso