[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Lega del Cane/Cuccefelici: L'Aquila, un anno dopo.



http://www.cuccefelici.it/home.php

Giovedì, 08 aprile 2010 :: Un anno dopo.

A due giorni da quello che per noi è stato un anniversario difficile, torniamo ad aggiornarvi.
In questi giorni è stato inevitabile pensare a ciò che è successo (come se, del resto, negli altri giorni non lo facessimo...), a quello che è stato, a ciò che è cambiato e a quel che è stato fatto.
In questa sede parliamo di animali, omettendo di proposito tutto ciò che è accaduto alle vite di ognuno di noi, dov'eravamo e dove siamo ora, cosa sognavamo e a cosa siamo costretti ad abituarci.
Come abbiamo detto più di una volta, il Rifugio era fortunatamente già organizzato ed abbiamo potuto, sin dalle prime ore, affrontare l'emergenza. Ovviamente mai ci saremmo aspettati che fosse di queste proporzioni...
Un Rifugio che tiene al benessere animale, funziona sempre, che sia Pasqua, Natale, Capodanno o Ferragosto, che sia domenica e ci sia il sole, oppure sotto pioggia, neve o ghiaccio.
Tutto questo, così come l'assistenza ai randagi sul territorio, era già il nostro "lavoro" quotidiano prima del 6 Aprile 2009.
Le persone che ci sono state accanto, senza abbandonarci, ma soprattutto prendendosi cura ogni giorno dell'anno, seppur fra mille difficoltà, le abbiamo nel cuore e non smetteremo mai di ringraziarle.
Chi è accorso a darci supporto, chi già ci conosceva così come chi ci ha conosciuto in questa occasione: anche nei momenti più bui, ripensare alla grande solidarietà che è scaturita da questa tragedia e che è ancora presente, ci commuove.
Adesso ci ritroviamo a guardare indietro: abbiamo fatto davvero tanto, ma molto c'è ancora da fare.
La situazione in materia di animali a L'Aquila e dintorni era molto critica prima del terremoto e questa catastrofe non ha fatto che peggiorare il tutto: molti cani e gatti sono stati abbandonati al loro destino e i randagi hanno perso i punti di riferimento.
Con la chiusura delle tendopoli - alle quali, quando non scacciati in malo modo, si erano avvicinati in cerca di cibo e conforto - i pochi punti di riferimento che si erano ripristinati, sono scomparsi nuovamente.
Così come il tessuto sociale, per i bipedi, è andato perso, la stessa cosa è successa agli animali che però sono meno tutelati, più indifesi e tremendamente soli.
Fra i nostri progetti per il 2010 c'è il proseguimento delle attività sul territorio: campagne di informazione e sensibilizzazione per far sì che la cultura della sterilizzazione si diffonda, così come il rispetto delle leggi (iscrizione all'anagrafe canina in primis), ma anche assistenza e tutela dei randagi (cibo, acqua, riparo, sterilizzazione e - quando possibile - l'adozione).
Il nostro Rifugio è riuscito - nonostante l'emergenza sisma - a mantenere l'obiettivo che ci eravamo prefissati qualche anno fa: non aumentare il numero degli ospiti; mantenerlo costante o addirittura (e questo è stato il caso) ridurlo; la struttura - che è già enorme e ospita mediamente 400 cani - non deve essere un "contenitore" da riempire all'infinito, ma un asilo di transito per i nostri amici a 4 zampe, dove possano ritrovare la fiducia nell'uomo e la socializzazione, oltre all'assistenza veterinaria e alle cure ordinarie.
Grazie al quotidiano lavoro svolto da ognuno di noi, siamo riusciti ad avere un ottimo numero di adozioni anche in questo primo trimestre del 2010 e abbiamo potuto aiutare tanti animali randagi sia del Comune di L'Aquila, con cui operiamo in convenzione dal 2000, sia di altri comuni limitrofi.
Continuiamo a rimboccarci le maniche e a guardare avanti: ogni buona adozione, ogni cane portato al sicuro ci da la carica per ricominciare.
Nonostante sia sempre presente l'emergenza per quanto riguarda i cuccioli (che continuamente ci vengono affidati dal Servizio Veterinario della Asl), il nostro obiettivo è quello di trovare casa ai tanti adulti che ospitiamo e che meritano - come tutti - di trovare una famiglia che li adotti.
Stiamo lavorando in questo senso e ringraziamo tutte le persone che ci aiutano a raggiungere questo traguardo.
La nostra opera può proseguire anche grazie al supporto di chi effettua donazioni in denaro o
in materiali (farmaci, mangimi, cucce, etc.) e grazie alle associazioni referenziate che ci aiutano
ogni giorno con adozioni controllate.
Sempre per sostentare le nostre attività anche per il 2010 avevamo deciso di proporre le nostre golosità per la Pasqua, anche per celebrare una sorta di "nuovo inizio", a ridosso di un anniversario così triste: la risposta è stata incredibile; grazie agli ordini online, ai negozi di L'Aquila che ci hanno ancora una volta aiutato, ai nostri volontari a L'Aquila e Milano, uova, colombe, rosoni e agnelli di zucchero sono andati letteralmente a ruba.
Il ricavato ci aiuterà a proseguire il lavoro in Rifugio e ad aiutare i randagi sul territorio.
Grazie agli stand, organizzati in queste settimane dai nostri volontari in Lombardia (il prossimo
sarà il 18/4 a Bergamo) è stato possibile dare visibilità alla Lega del Cane di L'Aquila, al nostro Rifugio e a tutte le attività dell'associazione.
L'emergenza non è finita e abbiamo bisogno ancora del vostro aiuto: cliccate su donazioni nel menù a destra del nostro sito, oppure contattateci (info at cuccefelici.com - 329.9064859) per maggiori informazioni.
Un anno dopo, ancora, grazie a tutti.

Lo Staff

- -

Lega Nazionale per la Difesa del Cane Sezione di L'Aquila
S.s. 17 Bis n° 49 - 67100 Paganica (AQ)
p.i  01715890669 - c.f. 93009090668
tel.: 329.9064859 - fax: 0862.602196
www.cuccefelici.com - info at cuccefelici.com
Skype: Cuccefelici
Facebook: www.facebook.com/cuccefelici
Twitter: http://twitter.com/cuccefelici

P Save A Tree - Please Do Not Print This Email Unless You Really Need To