[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: [Animalisti] latte di soia



Ciao Vittorio,

hai fatto bene a riportare un'analisi ampia e riepilogativa; e penso sia condivisibile in linea di principio quanto scrivi:

"Sostenere dunque soluzioni che rimangano "all'interno di questo modello" secondo me è 
errato".

Però ritengo che si possa uscire da quel modello; infatti ritengo che non sia riconducibile a quel 
caso il latte di soia (che ovviamente non cito) che riporta queste informazioni: Acqua, semi di soia di 
origine italiana decorticati (da agricoltura biologica) (8%), alghe marine (Lithothamnium Calcareum 
0,4%), sale marino;  questa soia quindi è stata coltivata in Italia e con metodi ecologicamente 
sostenibili (che poi magari non sia vero e le certificazioni siano truffaldine, non posso certo 
scoprirlo io); il suo latte costa di più, ma basta berne di meno.

Poi vedo che ci sono anche altri latti di soia biologici certificati; uno riporta il marchio 
dell'Istituto Mediterraneo Certificazioni, ma negli ingredienti si legge solo Acqua e soia 
biologica; magari l'istituto certifica ... le certificazioni sudamericane (che a quanto ho 
sentito una volta, in realtà sono molto elastiche se non inesistenti).

Che la soia sia oggetto di dubbi salutistici - e, come avrai visto dal link che ho postato 
precedentemente, anche ben oltre la questione tiroidea - è indiscutibile (come altri alimenti 
tipo il mais anche biologico, d'altronde), ma questo dipende anche dalle quantità consumate.

Credo comunque che queste riflessioni possano sempre essere assai utili per riuscire a cercare 
di comprendere quanto siano numerosi i risvolti di cui dobbiamo tenere conto quando pensiamo 
di affrontare e tentare di trovare una risposta ad un problema, evitando così di essere 
semplicistici e sbrigativi.

Roberto Tomasi



Il 14/04/2014 16:21, Vittorio Moccia ha scritto:


Poi, tra l'altro, dal punto di vista alimentare, credo che tra i vegetali
vi siano prodotti che offrano minori problemi e maggiori vantaggi rispetto
alla soia, che, da quanto ho letto, avrebbe diverse controindicazioni, a
cui si sta provando a porre rimedio con specifiche lavorazioni industriali
e col transgenico, ad esempio per quel che riguarda gli effetti sulla
tiroide.