Ciclopagine del Friuli-Venezia Giulia

Bike News

[18/98] L'Unione Europea incrementa le tasse sulle biciclette, 23 agosto 1998.

Difficile da credere, ma vero anche in anni di preoccupazione ecologica. I ciclisti europei dovranno pagare dal 3 al 18% in più per le loro biciclette in futuro, visto che l'Unione Europea mette in atto una tassa anti-dumping sulle biciclette per proteggere i propri produttori dalla dura competizione asiatica.

di Ernst Poulsen

I ciclisti europei pagheranno il prezzo della decisione dell'Unione Europea di imporre un dazio dal 3 al 18 per cento su un gran numero di biciclette costruite a Taiwan.

La Commissione Europea ha analizzato i prezzi delle bici nel mercato interno a Taiwan e concluso che vengono vendute in Europa a prezzi più bassi per politiche di dumping.

Nel prossimo futuro (forse già questa settimana) saranno introdotti dei dazi, che varieranno da fabbrica a fabbrica, dal 3 al 18 per cento, con una media ponderata del 5.2%.

Questo dazio deve essere aggiunto al precedente del 15.6%. Ne segue che i ciclisti europei pagheranno il 32% di dazio per alcune marche, che quindi risulteranno ben poco competitive.

Secondo l'Austral Bike Book News Bulletin, alcune fabbriche taiwanesi potrebbero scegliere di organizzare una filiale produttiva in Europa, camuffare le origini delle bici in modo da pagare i dazi più bassi o semplicemente esportare telai anziché biciclette complete.

Non tutti i paesi europei sono favorevoli al dazio. Per esempio, il Ministro del Commercio danese Pia Gjellerup, in una lettera alla BNA, dice di non considerare provata l'accusa di dumping e che quando il dazio dovrà essere ridiscusso fra sei mesi chiederà prove più concrete.

Le biciclette prodotte a Taiwan costituiscono una larga parte delle bici vendute in Europa, anche perché molte marche americane vengono costruite a Taiwan. Per esempio, il 40% delle biciclette vendute in Danimarca sono importate da Taiwan, dove si producono bici delle note marche Wheeler, Merida e Giant.


ULTERIORI INFORMAZIONI:

Le informazioni per questo articolo sono state raccolte dal giornale danese Boersen, dalla rivista danese scettica sull'UE "Det Ny Notat", dall'Austral Bike Book news bulletin e dalle risposte del Ministro del Commercio Pia Gjellerup ad una serie di domande poste dalla BNA.

L'Austral Bike Book si trova all'indirizzo:
http://austral.bikebook.com.tw/.

Sei d'accordo o no con questa tassa anti-dumping? Spedisci la tua opinione al direttore della BNA: ernst@inet.uni2.dk.


Tutte le notizie pubblicate dalla Bicycle News Agency sono soggette al copyright della stessa e degli autori. Vengono qui pubblicate in estratto italiano su autorizzazione. La traduzione è a cura di Loris Tissino, Associazione Aruotalibera.

Se vuoi ricevere per posta elettronica le prossime notizie tradotte in italiano, compila l'apposito modulo oppure scrivi a aruotalibera@poboxes.com. Se vuoi, puoi anche ricevere le notizie nella versione integrale inglese.

[bike news] [ciclopagine fvg]